Stanislao Zurlo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stanislao Zurlo
Stano Zurlo (1).jpg

Presidente della
Provincia di Crotone
In carica
Inizio mandato 22 giugno 2009
Vice presidente Pietro Durantesenza fonte
Predecessore Sergio Iritale

Dati generali
Partito politico Nuovo Centrodestra
(PdL fino al 13 settembre 2011)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato, imprenditore

Stanislao Francesco Zurlo (Cosenza, 2 aprile 1963) è un avvocato, imprenditore e politico italiano, presidente della Provincia di Crotone dal 22 giugno 2009.

Biografia e carrieramodifica | modifica sorgente

Avvocato ed imprenditore agricolo, inizia la sua attività politica con Alleanza Nazionale. Nel 1995 viene eletto consigliere provinciale, per una legislatura, ed è due volte consigliere comunale di Crotone dal 1997 al 2006. Nel frattempo svolge il ruolo di presidente del Consorzio di Bonifica "Bassa Valle del Neto", fino al 2008. Nel 2006 viene eletto, in un combattuto congresso di Alleanza Nazionale, segretario provinciale del partito.

Stano Zurlo.

Alle elezioni politiche del 2008 è candidato al Senato della Repubblica, in posizione non utilesenza fonte, per le liste del Popolo della Libertà in Calabria.

Nel 2009 viene indicato dal Popolo della Libertà come candidato alla presidenza della Provincia di Crotone in contrapposizione ad un centrosinistra spaccato in due tra la candidatura di Ubaldo Schifino (PD) e del presidente uscente Sergio Iritale. Al primo turno (6-7 giugno), Zurlo ottiene il 29,7% dei voti. Viene eletto presidente della Provincia dopo il turno di ballottaggio (21-22 giugno) prevalendo su Ubaldo Schifino con il 52% dei consensi.

Controversiemodifica | modifica sorgente

Nell'agosto 2011 la prefettura di Crotone, su delega del Ministero dell'Interno, invia una commissione d'accesso agli atti alla Provincia di Crotone per accertare se sussistono i presupposti dello scioglimento dell'ente locale per infiltrazioni mafiose (Art. 143 del D.lgs. n°. 267/2000). Il tutto a seguito di un'operazione della DIA, dove si ipotizza il reato di voto di scambio.

Il 7 maggio 2012 il procedimento si conclude con un nulla di fatto in quanto, sulla base della relazione prefettizia, il Ministero dell'Interno ritiene che non ci siano i presupposti per sciogliere l'ente provinciale guidato da Stanislao Zurlo[1].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ «Nessuna infiltrazione mafiosa nella Provincia di Crotone» - Corriere della Calabria

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Presidente della Provincia di Crotone Successore Provincia di Crotone-Stemma.png
Sergio Iritale dal 22 giugno 2009 in carica







Creative Commons License