Star Wars: Obsession

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Star Wars: Obsession
fumetto
No immagini.png
Titolo originale Star Wars: Obsession
Testi Haden Blackman
Disegni Brian Ching (fumettista)
Editore Dark Horse Comics
1ª edizione 24 novembre 2004 – 18 maggio 2005
Albi 5 (completa)
Editore it. Panini Comics
Albi it. 5 (completa)

Star Wars: Obsession è una miniserie di fumetti scritti da Haden Blackman, disegnati da Brian Ching e pubblicati dalla Dark Horse Comics dal 24 novembre 2004 al 18 maggio 2005. Le copertine sono di Brian Ching e Brad Anderson.

Storia editorialemodifica | modifica sorgente

È composta da 5 albi ed è temporalmente ambientata nella galassia immaginaria di Guerre stellari tra gli eventi narrati nei film Episodio II - L'attacco dei cloni e Episodio III - La vendetta dei Sith.

La miniserie è stata anche pubblicata in edizione paperback nel novembre 2005, nella raccolta Clone Wars Volume 7: When They Were Brothers (copertina di Tomás Giorello), insieme alla storia Brothers in Arms (storia di Miles Lane, disegni di Nicola Scott, pubblicato per la prima volta nel maggio 2005).

Tramamodifica | modifica sorgente

Convinto che la Jedi Oscura Asajj Ventress sia ancora viva, Obi-Wan Kenobi rinuncia temporaneamente al suo primo periodo di licenza dal fronte e si fa aiutare da Anakin Skywalker e Aayla Secura nella sua disperata caccia a Ventress[1]. Anakin crede di averla già ucciso egli stesso e che Obi-Wan stia "inseguendo un fantasma". I dubbi di Anakin sulla ricerca del suo ex Maestro non si attenuano quando, seguendo la traccia di voci sull'esistenza di Ventress, finiscono in una trappola orchestrata da due loro vecchi avversari, il cacciatore di taglie Durge e il Conte Dooku.

Edizioni esteremodifica | modifica sorgente

In Italia la miniserie è stata pubblicata da Panini Comics nella collana Cult Comics.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Star Wars: Obsession #1 (of 5) :: Profile :: Dark Horse Comics

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Guerre stellari Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari







Creative Commons License