Stazione di Boscoreale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la stazione della Circumvesuviana, vedi Stazione di Boscoreale (Circumvesuviana).
Boscoreale
stazione ferroviaria
Stazionediboscoreale.jpg
La stazione di Boscoreale
Stato Italia Italia
Localizzazione Boscoreale (NA)
Apertura 1885
Stato attuale Chiusa nel 2006
Linee Torre Annunziata - Cancello
Tipo Stazione in superficie, passante
Interscambio Autobus urbani
Dintorni - Centro cittadino
- Scavi archeologici
- Antiquarium di Boscoreale

La stazione di Boscoreale è la stazione FS di Boscoreale, sulla linea Torre Annunziata - Cancello, non più utilizzata a causa della chiusura della linea nel 2006: la città ha anche un'altra stazione, chiamata sempre Boscoreale, sulla ferrovia Napoli - Poggiomarino, gestita dalla Circumvesuviana.

Storiamodifica | modifica sorgente

Nel 1947 la stazione mutò denominazione da "Torre Annunziata Boscoreale" a "Boscoreale"[1].

Strutture e impiantimodifica | modifica sorgente

Oggi la stazione si presenta con un fabbricato viaggiatori, su un solo piano, interamente vandalizzato ed abbandonato già prima della chiusura della linea.

All'interno si contano 2 binari passanti per il servizio passeggeri, serviti da due banchine le quali erano unite da una passerella sui binari: dall'impresenziamento della stazione veniva utilizzato un solo binario.

La stazione presenta anche uno scalo merci con binari tronchi e passanti, già abbandonato dagli anni '70. A partire dal 5 luglio 2009 la stazione di Boscoreale è stata data in comodato all'associazione culturale "Stella Cometa" [1] che ha provveduto al recupero di alcuni locali del fabbricato viaggiatori FS. Tali locali sono a disposizione dei cittadini per attività di pubblica utilità, nel campo sociale, culturale e ricreativo.

Movimentomodifica | modifica sorgente

In passato la stazione ha avuto un ottimo traffico sia passeggeri che merci, calato con il passare degli anni. Negli ultimi tempi le destinazioni dei treni erano esclusivamente per Torre Annunziata e Cancello, mentre in passato alcuni treni raggiungevano anche Caserta, Castellammare di Stabia e Gragnano.

La banchina della stazione

Servizimodifica | modifica sorgente

La stazione non dispone di alcun servizio.

Associazione culturale "Cometa"modifica | modifica sorgente

Il 23 novembre 2009 è stata aperta all'interno della stazione, grazie ad un accordo con RFI. All'apertura del centro era presente Amedeo Piva responsabile delle politiche sociali del gruppo Ferrovie dello Stato. Questo centro ha lavorato per ripulire i segni di vandalismo e degrado che hanno ricoperto la stazione e le zone limitrofe. I senza dimora ed i tossico dipendenti che alloggiavano nella stazione, aumentandone il degrado, sono stati avviati a progetti di recupero ed inserimento sociale. È stato inoltre aperto un punto dell'Unione Nazionale Consumatori che ha creato anche una piccola biblioteca ed avviato lezioni di ballo, tamburo e piccole opere di artigianato. Per le festività natalizie è prevista la creazione di un presepe nella stazione. [2]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Ordine di Servizio n. 22 del 1947
  2. ^ Notizia su FS News

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti







Creative Commons License