Stefano Torrisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Torrisi
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 2009
Carriera
Squadre di club1
1987-1990 Modena Modena 44 (0)
1990-1993 Ravenna Ravenna 64 (0)
1993-1994 Reggiana Reggiana 21 (0)
1994-1995 Torino Torino 22 (0)
1995-1998 Bologna Bologna 86 (0)
1998-1999 Atletico Madrid Atlético Madrid 17 (1)
1999-2002 Parma Parma 31 (2)
2002 O. Marsiglia O. Marsiglia 2 (0)
2002-2004 Reggina Reggina 33 (2)
2004-2007 Bologna Bologna 61 (1)
2008-2009 600px Bianco e Azzurro.png A.P.D. Ribelle  ? (?)
Nazionale
1997 Italia Italia 1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stefano Torrisi (Villanova di Bagnacavallo, 7 maggio 1971) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Muove i suoi primi passi da calciatore come mezz'ala nell'Unione Sportiva Russi, squadra dell'allora Interregionale in provincia di Ravenna. Fatta la trafila nelle giovanili, nel 1987 viene acquistato dal Modena Football Club del presidente Francesco Farina, allora in Serie B. Dopo un primo anno di primavera, nella stagione 1988-1989, complice anche la retrocessione dell'anno precedente, fa il suo debutto nel campionato di Serie C1 e viene convocato nella Nazionale Under-21 di Serie C dall'allora tecnico Giovannini. Nella stagione 1989-1990, con l'arrivo dell'allenatore Renzo Ulivieri, c'è la svolta tecnica nel suo impiego con l'arretramento a centrale difensivo, ruolo che poi svolgerà per tutto il resto della carriera. Il biennio sotto la guida di Ulivieri si conclude con la promozione del Modena in Serie B il primo anno e con la conquista della salvezza in serie cadetta l'anno successivo.

Terminato il servizio militare, nonostante lo spazio trovato nella formazione modenese, Torrisi sceglie di andare a giocare per il Ravenna, squadra della sua città appena acquistata dal presidente Daniele Corvetta. Rimane nella formazione giallorossa per due stagioni, la prima nella stagione 1991-1992 sotto la guida di Luigi Delneri, poi nella stagione 1992-1993 con alla guida Francesco Guidolin, in cui il Ravenna vince il campionato e si proietta in Serie B.

Al termine della stagione di Serie C1 firma un contratto con il Milan del presidente Silvio Berlusconi guidato dal tecnico Fabio Capello. In seguito accetta la proposta di andare a giocare nella neopromossa in Serie A, la Reggiana di Filippo Marchioro. Alla sua prima stagione in Serie A il ravennate totalizza 21 presenze, contribuendo alla salvezza storica della squadra reggiana, ottenuta all'ultima giornata a San Siro contro il Milan con un gol nel finale del secondo tempo di Esposito. Riceve poi la chiamata del tecnico Cesare Maldini nella Nazionale italiana Under-21.

La stagione seguente 1994-1995, sempre in prestito, gioca nel Torino del presidente Calleri, con alla guida Nedo Sonetti.

In seguito accetta l'offerta del suo ex tecnico Renzo Ulivieri, che lo chiama per andare a Bologna, in Serie B. La stagione di Serie B 1995-1996 si conclude con la vittoria del campionato; la difesa rossoblu risulta la meno battuta del torneo. Quindi la società lo riscatta dal Milan e gli fa disputare il campionato 1996-1997 di Serie A. Al termine della stagione, dopo una semifinale di Coppa Italia, arriva al settimo posto e Torrisi viene convocato da Cesare Maldini nella Nazionale italiana per il torneo pre-mondiale di Francia, debuttando con la maglia azzurra nel 2-2 contro la Francia al Parco dei Principi.

Nella stagione 1997-1998 il Bologna ottiene gli ottavi di finale in Coppa Italia e l'ottavo posto in campionato che vale la qualificazione per l'Intertoto. Il tecnico italiano Arrigo Sacchi porta Torrisi con sé nell'avventura spagnola all'Atletico Madrid. La squadra dei colchoneros termina il girone di andata al terzo posto, a due lunghezze dalla capolista Real Madrid e una dalla seconda, il Barcellona. Torrisi, con Sacchi al timone, gioca quasi tutte le partite; all'inizio del girone di ritorno della Liga, al susseguirsi di cinque sconfitte, il presidente Jesus Gil allontana Sacchi che sostituito da Radomir Antic. Nella seconda parte del torneo Torrisi gioca di meno, giocando le semifinali di Coppa UEFA contro il Parma (vincitore poi a Mosca), e, approfittando dell'offerta del club Ducale, torna in Italia. La stagione spagnola si conclude con il tredicesimo posto, la semifinale di Coppa UEFA e la finale di Coppa del Re persa a Siviglia contro il Valencia.

Tornato in Italia al Parma di Malesani, Torrisi riesce a contribuire alla vittoria della Supercoppa italiana ai danni del Milan a San Siro per 2-1. Dopo un inizio di campionato in panchina, riesce a trovare il suo spazio e ottiene l'accesso ai quarti di finale in Coppa Italia e Coppa UEFA. Nel gennaio del 2000, nel'incontro tra Parma e Juventus (1-1), si rompe menisco e legamento crociato anteriore in uno scontro: sei sono i mesi di recupero e per lui la stagione è finita.senza fonte

Nella stagione seguente, terminata la rieducazione, Torrisi ritorna titolare in difesa, sotto la guida di Renzo Ulivieri. Un infortunio al mento dovuto a uno scontro di gioco che provoca un taglio profondo che necessita di 20 punti di sutura e 20 giorni di prognosisenza fonte ferma le prestazioni del giocatore. Torrisi riprende l'attività nel Parma guidato da Passarella, poi esonerato, e poi di Arrigo Sacchi che prima prende il ruolo di allenatore, poi di direttore sportivo.

Nel gennaio 2002 viene mandato in prestito all'Olympic Marsiglia, squadra francese nella quale Torrisi gioca 3 partite. Dopo due mesi rinuncia al contratto e torna in Italia.

Nella stagione 2002-2003 viene messo fuori rosa, quindi a gennaio firma un biennale con la Reggina, squadra all'ultimo posto, in quel momento, del campionato di Serie A. Qui gioca due stagioni che si concludono con due salvezze per il club amaranto: la prima con alla guida Luigi De Canio, mentre la seconda con una stagione guidata da Camolese (salvezza raggiunta a due giornate dal termine battendo il Milan 2-1).

Nell'agosto del 2004 Torrisi torna nel Bologna guidato da Mazzone; quella dei felsinei risulta essere la quinta difesa del campionato di Serie A per gol subiti, col Bologna che retrocede in Serie B perdendo lo spareggio di ritorno col Parma (1-0 all'andata per il Bologna, 2-0 il ritorno per il Parma).

Rimasto a Bologna per due stagioni cadette, la squadra nella stagione 2005-2006 giunge al quinto posto in Serie B. Nel 2006-2007 segna un gol da metà campo contro il Genoa.

Ritiratosi dal calcio professionistico al termine dell annata 2007, appare come opinionista a È Tv, emittente del Bologna. Il 12 marzo 2008 firma con la Ribelle,[1] squadra del paese dove risiede, con cui partecipa ai campionati di Prima Categoria e Promozione, giocando da attaccante e vincendo in entrambe le stagioni il campionato. In seguito dopo il ritiro partecipa al Senior tour di Tennis.[2]

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Modena: 1989-1990
Ravenna: 1992-1993
Ravenna: 1991-1992
Bologna: 1995-1996
Parma: 1999

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Stefano Torrisi, la vita riparte dalla Prima Categoria tuttomercatoweb.com
  2. ^ L'ex calciatore Stefano Torrisi si dà al tennis: "A marzo primo torneo in Turchia" ubitennis.com

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License