Stojan Župljanin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stojan Župljanin (Maslovare, 28 settembre 1951) è un poliziotto bosniaco.

Come comandante della polizia serbo-bosniache durante la guerra in Bosnia, Župljanin aveva un controllo operativo oltre che sulle forze di polizia responsabile dei campi di detenzione in cui migliaia di prigionieri furono detenuti in condizioni terribili e molti dei quali furono assassinati. Župljanin è anche sospettato di aver svolto un ruolo centrale nella distruzione di comunità bosniache e croato bosniache nella regione autonoma della Krajina.

Il 14 marzo 1999 è stato accusato dal tribunale penale per l'ex Jugoslavia di genocidio, crimini contro l'umanità, violazioni delle leggi e delle usanze di guerra delle Convenzioni di Ginevra.

Nel mese di ottobre 2005 non fu trovato nella sua abitazione dalla polizia locale e dai soldati della pace nel momento di un'irruzione; è stato invece arrestato l'11 giugno 2008 non lontano da Belgrado, Serbia e estradato verso il tribunale penale per l'ex Jugoslavia.








Creative Commons License