Strada statale 5 Via Tiburtina Valeria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di SS 5, vedi SS5.
Strada statale 5
Via Tiburtina Valeria
Strada Statale 5 Italia.svg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regioni Lazio
Abruzzo
Mappa della Strada statale 5Via Tiburtina Valeria
Dati
Classificazione Strada statale
Inizio Roma
Fine Pescara
Lunghezza 216,600 km
Provvedimento di istituzione Legge 17 maggio 1928, n. 1094
Gestore Tratte ANAS: dal km 181,300 al km 184,160; dal 2001 la gestione del rimanente tratto è passata alla Regione Lazio e alla Regione Abruzzo, che hanno ulteriormente devoluto le competenze alle rispettive province.

Cenni storicimodifica | modifica sorgente

Strada statale 5 (Pescara)
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Via Tiburtina Valeria.

L'antica via consolare Tiburtina Valeria, ex strada statale 5 Via Tiburtina Valeria (SS 5), ora strada regionale 5 Via Tiburtina Valeria (SR 5), fu elevata a strada consolare d dal console Marco Valerio Massimo attorno al 286 a.C. Collegava Roma all'antica Tibur (Tivoli) già nel 450 a.C. e dopo qualche tempo collegò Alba Fucens. Nel 308/302 a.C. la strada raggiunse Collarmele con una deviazione per Marruvium. La strada percorsa dai soldati durante i conflitti locali e dai pellegrini che visitavano i santuari ivi presenti. In seguito divenne la strada percorsa dalla nobiltà romana che villeggiava nelle splendide ville costruite nella campagna di Tivoli.

Percorso attualemodifica | modifica sorgente

L'attuale tracciato della strada, che segue l'antico, parte dalla città di Roma da Piazzale Tiburtino, in prossimità della Stazione Termini nel quartiere San Lorenzo, costeggia il cimitero del Verano, attraversa Portonaccio e prosegue poi verso la località Ponte Mammolo. Prosegue verso le campagne romane, attraversando Tivoli, Vicovaro (dove inizia ad affiancare l'autostrada A24), Roviano, Arsoli ed entra in Abruzzo. Tocca poi i comuni principali di Oricola, Carsoli, Pietrasecca, Tagliacozzo, Avezzano (dove inizia a costeggiare l'autostrada A25), Collarmele, Castel di Ieri, Castelvecchio Subequo, Raiano, Popoli, Bussi sul Tirino, Tocco da Casauria, Piano D'Orta, Scafa, Manoppello, Chieti e arriva poi a Pescara, dove si immette nella strada statale 16 Adriatica. Tra Collarmele e Castel di Ieri valica lo spartiacque appenninico (tra Tirreno ed Adriatico) al passo di Forca Caruso.

La strada nei pressi del passo di Forca Caruso

L'importanza della strada, che collega le principali città del Lazio e dell'Abruzzo, è iniziata a venire meno proprio con la costruzione delle autostrade A24 e A25.

Gestionemodifica | modifica sorgente

Proprio per questo motivo, in seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001, la gestione di quasi tutta la struttura è passata dall'ANAS alla Regione Lazio e alla Regione Abruzzo, che hanno ulteriormente devoluto le competenze, rispettivamente, alla Provincia di Roma e alla Provincia di Rieti, per il Lazio, alla Provincia dell'Aquila, alla Provincia di Chieti e alla Provincia di Pescara, per l'Abruzzo. Attualmente l'ANAS gestisce dal km 181,300 (Popoli, strada statale 17 dell'Appennino Abruzzese e Appulo Sannitico), al km 184,160 (Bussi sul Tirino, strada statale 153 della Valle del Tirino), perché qui la SS 5 funge da collegamento principale tra queste due strade.

Notemodifica | modifica sorgente


Altri progettimodifica | modifica sorgente

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti







Creative Commons License