Strom Thurmond

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Strom Thurmond
Strom Thurmond.jpg

senatore degli Stati Uniti, Carolina del Sud
Durata mandato 7 novembre 1956 - 3 gennaio 2003
Predecessore Thomas A. Wofford
Successore Lindsey Graham

Durata mandato 24 dicembre 1954 - 4 aprile 1956
Predecessore Charles E. Daniel
Successore Thomas A. Wofford

103° governatore della Carolina del Sud
Durata mandato 21 gennaio 1947 - 4 aprile 1956
Predecessore Ransome J. Williams
Successore James F. Byrnes

Presidente pro tempore del Senato degli Stati Uniti
Durata mandato 3 gennaio 1981 – 3 gennaio 1987
Predecessore Warren G. Magnuson
Successore John C. Stennis

Durata mandato 3 gennaio 1995 – 3 gennaio 2001
Predecessore Robert Byrd
Successore Robert Byrd

Durata mandato 20 gennaio 2001 - 6 giugno 2001
Predecessore Robert Byrd
Successore Robert Byrd

Dati generali
Partito politico democratico (1923-1964)
repubblicano (1964-2003)
Professione avvocato
Firma Firma di James Strom Thurmond

James Strom Thurmond (Edgefield, 5 dicembre 1902Edgefield, 26 giugno 2003) è stato un politico statunitense. Fu il terzo senatore della storia americana a superare i cent'anni d'età e l'unico a festeggiare il secolo di vita mentre era ancora in carica.

Primi annimodifica | modifica sorgente

Figlio di John William Thurmond (1862-1934) e di Eleanor Gertrude Strom (1870-1958), da giovane frequentò la Clemson University (dove divenne membro dell'associazione studentesca segreta Pi Kappa Alpha), laureandosi in orticoltura nel 1923. Lavorò come contadino, allenatore e preparatore atletico prima di essere arruolato nell'Esercito degli Stati Uniti.

Nel 1933 cominciò la sua carriera politica venendo eletto al Senato della Carolina del Sud. Prese parte alla Seconda guerra mondiale e partecipò allo sbarco in Normandia come vice colonnello: ricevette, per le sue imprese belliche, 18 tra decorazioni, medaglie e attestati di merito. Nel dopoguerra, approvò con decisione le leggi Jim Crow, che ribadivano il netto segregazionismo del suo Stato.

Nel 1946 vinse le primarie del Partito Democratico con il 57% dei voti e divenne abbastanza facilmente governatore del South Carolina. Tuttavia le sue scelte in materia d'integrazione col popolo afroamericano lo portarono ad avere numerosi contrasti con la linea ufficiale del partito.

I Dixiecratmodifica | modifica sorgente

Nel 1948, in segno di protesta contro la decisione del presidente democratico Harry S. Truman di abolire la segregazione razziale nell'esercito, fondò il partito dei Dixiecrat (da Dixie, abitante del Sud statunitense) e si candidò come presidente degli USA.

I Dixiecrat erano quegli elettori del sud tendenzialmente favorevoli al programma politico dei democratici, ma strenuamente contrari alla leggi anti-segregazionismo. Nelle elezioni presidenziali del 1948 Thurmond superò il milione di voti, ottenne il 2,4% dei consensi e conquistò 39 grandi elettori: un ottimo risultato, considerando che egli poteva essere votato solo in pochi Stati.

Nel 1950 si candidò al Senato, ma ottenne il 46% dei voti e venne sconfitto dal democratico Olin D. Johnston: questa fu l'unica volta in cui Thurmond perse in un'elezione locale.

Alle elezioni presidenziali del 1952 appoggiò il candidato repubblicano Dwight D. Eisenhower. Due anni dopo venne eletto al Senato con il 63% dei voti: fu la prima volta in cui un candidato write-in (ovvero un candidato non presente nella scheda elettorale, il cui nome viene scritto manualmente dall'elettore) riuscì a vincere una consultazione per il Senato statunitense.

La sua opposizione alle leggi sui diritti civili è sottolineata dal record per il discorso più lungo tenuto da un solo senatore: nel 1957 Thurmond parlò ininterrottamente per 24 ore e 18 minuti contro il Civil Rights Act proposto dal Presidente Eisenhower. Il discorso incluse parti completamente irrilevanti come la ricetta dei biscotti della nonna di Thurmond.[1]

Col passare del tempo però una grandissima fetta dell'opinione pubblica, soprattutto democratica, accettò l'idea dell'integrazione tra bianchi e neri e pertanto i Dixiecrat andarono in crisi: alle presidenziali del 1960 Strom Thurmond venne scelto dall'indipendente (ma anche lui ex democratico) Harry F. Byrd come candidato vicepresidente ma i due ottennero solo lo 0,4% dei voti.

Il passaggio al Partito Repubblicanomodifica | modifica sorgente

Thurmond con Reagan

Il 16 settembre del 1964 Thurmond cambiò nuovamente casacca ed entrò nel Partito Repubblicano. Nel frattempo, dal 1952 in poi (tranne per una breve parentesi dall'aprile al giugno del 1956) confermò sempre il suo seggio al Senato, con risultati abbastanza altalenanti (ma mai sotto il 53%). Anche quando superò i novant'anni di vita gli elettori del suo Stato continuarono a dargli fiducia: raggiunse così un record difficilmente eguagliabile.

Strom Thurmond fu abbastanza influente durante le amministrazioni di Richard Nixon e Ronald Reagan. Nella sua lunghissima permanenza al Senato, egli ebbe modo di sconfessare gran parte delle riforme segregazioniste che aveva fermamente appoggiato negli anni precedenti[2].

A partire dagli anni Ottanta in poi, fu molte volte candidato come presidente pro-tempore del Senato statunitense, incarico che tradizialmente viene affidato a politici molto anziani: nel 1981, nel 1983 e nel 1985 sconfisse il democratico John C. Stennis, che però si prese la rivincita nel 1987; successivamente Thurmond fu battuto da Robert Byrd nel 1989, che lo superò anche nel 1991 e nel 1993 57-43; nelle tre elezioni dal 1995 al 1999 riuscì a spuntarla il repubblicano, mentre nelle quattro consultazioni che si svolsero nel 2001 egli e Byrd si divisero le vittorie.

Vita privatamodifica | modifica sorgente

Thurmond si sposò la prima volta il 7 novembre del 1947 con Jean Crouch, donna di 24 anni più giovane di lui che morì di cancro nel 1960; i due non ebbero figli.

Il 22 dicembre del 1968 avvennero le sue seconde nozze con Nancy Janice Moore, miss South Carolina nel 1965 e 44 anni più giovane di lui; i due si separarono nel 1991 ma non divorziarono mai. La coppia ebbe quattro figli: Nancy Moore Thurmond (nata quando il padre aveva 69 anni e uccisa nel 1991 da un autista ubriaco), James Strom Thurmond Jr., Juliana Gertrude Thurmond Whitmer[3] e Paul Reynolds Thurmond.

Poco dopo la sua morte, Essie Mae Washington-Williams annunciò di essere figlia illegittima dell'ex senatore[4] essendo nata nel 1925 da una relazione tra Thurmond e una domestica di colore di nome Carrie Butler: la notizia, poi confermatasi veritiera[4], fece scalpore considerata l'opinione che egli aveva degli afroamericani in quel periodo.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Caro, Robert (2002). Master of the Senate: The Years of Lyndon Johnson, New York: Knopf, ISBN 0-394-52836-0
  2. ^ Dal sito Slate.com
  3. ^ Dal sito wyff4com
  4. ^ a b Dal sito della CBS

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 5734142 LCCN: n50011902

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License