Supergirl - La ragazza d'acciaio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Supergirl - La ragazza d'acciaio
Supergirl.png
Titolo originale Supergirl
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito, USA
Anno 1984
Durata 124 min
  • (89 min) (Video Version)
  • (105 min) (Theatrical Version)
  • (138 min) (Director's Cut)
  • (150 min) (Original Cut)
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, supereroi
Regia Jeannot Szwarc
Soggetto David Odell
Sceneggiatura David Odell
Produttore Timothy Burrill, Ilya Salkind
Casa di produzione Warner Bros.
Fotografia Alan Hume
Montaggio Malcolm Cooke
Effetti speciali John Evans, Brian Mann
Musiche Jerry Goldsmith
Scenografia Richard MacDonald
Costumi Emma Porteus
Trucco Ann Brodie, Nick Dudman, Pauline Heys, Basil Newall
Sfondi Peter Young
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Supergirl è un film del 1984, diretto da Jeannot Szwarc.

È incentrato sulla supereroina della DC Comics Supergirl, interpretata dall'attrice Helen Slater (nel suo primo ruolo in un film). È uno spin-off del film del 1978 Superman, con Marc McClure che riprende il ruolo di Jimmy Olsen. In questo film sarebbe dovuto apparire anche Christopher Reeve, ma l'attore preferì rinunciare obbligando i produttori a cambiare completamente la sceneggiatura.senza fonte

Tramamodifica | modifica sorgente

La vicenda è incentrata sulla supereroina della DC Comics Supergirl, interpretata dalla allora appena ventenne Slater, che con questo ruolo fece il suo esordio cinematografico. Sulla falsariga del primo Superman accanto al volto inedito della giovane protagonista, il cast annovera nei ruoli di contorno attori celebri come Peter O'Toole, Brenda Vaccaro e Mia Farrow nei panni della madre di Supergirl, Alura. Se per Superman c'è Lois Lane, per Supergirl c'è il bel Ethan, interpretato da Hart Bochner.

La storia prende le mosse dalla città di Argo, una sorta di frammento del pianeta Krypton dove i superstiti hanno instaurato una prosperosa e felice comunità. La vita su Argo è assicurata dall'energia di un potente manufatto chiamato Omegahedron. Quando l'oggetto viene smarrito da Zaltar (O' Toole) e risucchiato nello spazio, la dolce Kara (Slater) decide di scendere sulla terra alla sua ricerca. Sulla Terra, Kara acquisisce tutti i superpoteri del celebre cugino e diventa Supergirl; la nostra bella eroina assume l'identità della brunetta collegiale Linda Lee e divide la stanza con la sorella di Lois Lane, Lucy (Maureen Teefy). Sfortunatamente il potente Omegahedron è finito nelle grinfie della perfida strega Selena (Faye Dunaway) che sogna di dominare il mondo.

Accoglienzamodifica | modifica sorgente

Il film fu un insuccesso al botteghino, nonostante i consensi riscossi da Slater. Faye Dunaway e Peter O' Toole furono candidati rispettivamente come peggior attrice e peggior attore ai tradizionali Razzie Awards che chiudono la stagione cinematografica statunitense assegnando un premio ai peggiori film e alle peggiori interpretazioni dell'anno. Fu il primo film di Helen Slater in un ruolo da protagonista, e fu candidata come miglior attrice agli Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License