TV2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TV2000
Logo di TV2000.png
Paese Italia Italia
Lingua italiano
Tipo generalista
Target tutti
Slogan La tv che non fa male
La tv dei cattolici italiani
Versioni TV2000 16:9 576i (SDTV)
(Data di lancio: 9 febbraio 1998)
Nomi precedenti SAT2000 (1998-2009)
Editore CEI, tramite Rete Blu s.p.a.
Direttore Francesco Ceriotti
Sito www.tv2000.it
Diffusione
Terrestre

RAI Mux 2
TV2000 (Italia)
DVB-T - FTA
canale 28 SDTV

Telelazio Rete Blu
TV2000 (Lazio)
DVB-T - FTA
canale 28 SDTV
Satellite
Sky - Tivù Sat
Hot Bird 13B
13.0° Est
TV2000 (DVB-S - FTV)
12034.00 V - 29900 - 5/6
Sky: canale 140 SDTV
Tivù Sat: canale 18 SDTV
Streaming
video.tiscali.it TV2000 (Adobe Flash)
TV2000.it TV2000 (JWPlayer oppure Windows Media)

TV2000 è un'emittente televisiva italiana a diffusione nazionale, di proprietà della Conferenza Episcopale Italiana per il tramite della Società Rete Blu s.p.a. Nata nel 1998, propone un palinsesto generalista di ispirazione cattolica.

Storiamodifica | modifica sorgente

Dal 1998 al 2009 ha avuto il nome di SAT2000[1] in riferimento al fatto che il canale trasmetteva solo via satellite[2], anche se alcuni programmi erano visibili in analogico grazie a degli accordi con emittenti locali.

Nell'estate del 2009 è stato avviato un graduale restyling al canale, terminato nel settembre dello stesso anno con la ridenominazione dell'emittente in TV2000. L'emittente ha trasmesso fino al 2013 nel tradizionale formato 4:3, utilizzando la modalità letterbox per i programmi di diverso formato. Per un breve periodo era disponibile la versione timeshift TV2000 +1, che però è stata chiusa definitivamente.

TV2000 trasmette 24 ore su 24, ed è visibile gratuitamente tramite diverse tecnologie[3] che hanno portato al nuovo nome.

Inoltre, varie emittenti televisive locali che trasmettono in digitale terrestre e/o via satellite, ripropongono in syndication una parte della programmazione di TV2000. Quando ciò accade, sono presenti in sovraimpressione sia il logo di TV2000 sia quello della tv locale.

La sede principale di TV2000 si trova a Roma in Via Aurelia 796, ma vi è anche una redazione a Milano presso Piazza dei Carbonari.
Dal 2010, il direttore responsabile del TG2000 è Stefano De Martis[6], giornalista originario della Sardegna, già direttore della testata giornalistica di Videomusic. Il direttore di rete, dal 2011 fino al 14 febbraio 2014, è stato Dino Boffo[7], sostituito ad interim da monsignor Francesco Ceriotti.

Su questa emittente la pubblicità commerciale è relativamente poca (anche se è stata incrementata dal 2012), mentre sono molto numerose le "comunicazioni sociali", che pubblicizzano associazioni umanitarie senza fini di lucro. Gli spazi pubblicitari sono gestiti in esclusiva dalla Rai Pubblicità.
A livello editoriale, TV2000 collabora con il network radiofonico InBlu e con il quotidiano nazionale Avvenire.

Nel corso della sua storia, il canale ha utilizzato i seguenti slogan:

  • «Sat 2000, la tv dell'incontro» (fino a settembre 2002)
  • «Sat 2000, la tv che non si ferma all'immagine» (2002-2006)
  • «Sat 2000, la tv che ti accende» (2006-2009)
  • «TV2000, la tv che ti accende» (dal 2009)
  • «TV2000, la tv che non fa male» (dal 2011)
  • «TV2000, più di quello che vedi» (dal 2012)

Il 31 maggio 2012 viene inaugurato il canale ufficiale di TV2000 su YouTube[8].

Dalla fine degli anni 1990 al 2013, la diffusione di TV2000 via satellite avveniva grazie a una frequenza di Rai Way, che era: Eutelsat Hot Bird 13C, 11804.00 V, 27500, 2/3. A partire dal 1º dicembre 2013, TV2000 viene invece trasmessa sul satellite grazie a una frequenza dell'azienda Sky Italia, che è: Eutelsat Hot Bird 13B, 12034.00 V, 29900, 5/6. Con il cambio di frequenza[9] è stata introdotta la codifica per i programmi che l'emittente può mandare in onda solo nel territorio di Italia, San Marino e Città del Vaticano.

A gennaio 2014 il canale è stato convertito al formato d'immagine in 16:9.

Ascoltimodifica | modifica sorgente

Share 24h* di TV2000[10]modifica | modifica sorgente

Anno Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Media anno
2012 0,26% 0,29% 0,30% 0,35% 0,36% 0,39% 0,43% 0,39% 0,41% 0,47% 0,48% 0,49% 0,38%
2013 0,53% 0,60% 0,78% 0,58% 0,67% 0,70% 0,92% 0,58% 0,64% 0,69% 0,62% 0,61% 0,66%
2014 0,59% 0,59% 0,62%

*Giorno medio mensile su target individui 4+

Palinsestomodifica | modifica sorgente

Informazione e approfondimentomodifica | modifica sorgente

Programmi religiosimodifica | modifica sorgente

Grazie alla collaborazione con il Centro Televisivo Vaticano, TV2000 segue in diretta le principali attività pubbliche del Papa, come i viaggi internazionali, le Messe, l'Udienza Generale del mercoledì, la recita dell'Angelus. Il canale offre una copertura degli eventi della Chiesa cattolica più importanti.

Talk showmodifica | modifica sorgente

Programmi culturalimodifica | modifica sorgente

Intrattenimento, musica e sportmodifica | modifica sorgente

Programmi culinarimodifica | modifica sorgente

Fiction e filmmodifica | modifica sorgente

TV2000 manda in onda molte fiction e miniserie prodotte da Rai Fiction (citiamo a titolo di esempio Don Matteo e Casa famiglia) o da R.T.I. (es. Rita da Cascia), acquistandone i diritti come se fosse un'emittente non italiana. TV2000 propone anche alcune fiction di altri network televisivi e alcuni film già usciti al cinema.

Fatti rilevantimodifica | modifica sorgente

Nel novembre del 2010, TV2000 ha avviato una campagna di sensibilizzazione a favore di Asia Bibi, una donna pakistana condannata a morte per blasfemia.

Nel maggio del 2013, TV2000 mostra un filmato di Papa Francesco che impone le sue mani sopra un ragazzo e prega intensamente: secondo la tv dei vescovi italiani, il pontefice argentino ha compiuto un esorcismo[11] in mezzo alla folla. Questa interpretazione viene citata dai mass media non collegati alla CEI, e TV2000 acquisisce particolare visibilità sui quotidiani e nei telegiornali. La notizia viene però smentita e il direttore di rete Dino Boffo presenta le sue scuse[12] e precisa che il Papa ha semplicemente pregato.

In occasione della Giornata Mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro, TV2000 ottiene il 2,16% di share grazie alla programmazione dedicata a tale evento.

Emittenti affiliatemodifica | modifica sorgente

Parte del palinsesto viene ridistribuito in differenti fasce orarie presso le seguenti emittenti:

Questa lista è suscettibile di variazioni e potrebbe non essere aggiornata.

Loghimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Cei, cambia nome la tv dei cattolici, sarà TV2000 in Affaritaliani.it, 9 giugno 2009. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  2. ^ Emilia Costantini, Anche quiz e sit com, parte la tv dei vescovi in Il Corriere della Sera, 9 febbraio 1998. URL consultato il 29 settembre 2010.
  3. ^ Sat2000 diventerà Tv2000 in Millecanali. URL consultato il 29 settembre 2010.
  4. ^ Sat2000: una Tv 'diversa' in Millecanali. URL consultato il 29 settembre 2010.
  5. ^ Multiplex. URL consultato il 14 agosto 2013.
  6. ^ Alberto Mattioli, De Martis: "La mia tv inattuale nel nome di Dio" in La Stampa, 11 marzo 2010. URL consultato il 29 settembre 2010.
  7. ^ Il Cdr di Tg2000: Stima a Boffo per rilanciare l’emittente nel digitale terrestre in BlogTivvu.com, 12 settembre 2011. URL consultato il 5 luglio 2012.
  8. ^ Media: Tv2000 sbarca su YouTube. Boffo, web nuovo cortile dei gentili in ASCA, 31 maggio 2012. URL consultato il 5 luglio 2012.
  9. ^ DVB-S
  10. ^ Dati Auditel
  11. ^ Paolo Rodari, Papa Francesco esorcista, è giallo in la Repubblica, 21 maggio 2013. URL consultato il 23 maggio 2013.
  12. ^ Paolo Rodari, Esorcismo del Papa, il dietrofront di Boffo in la Repubblica, 22 maggio 2013. URL consultato il 23 maggio 2013.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License