Tabun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tabun
Struttura del (±)-Tabun
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C5H11N2O2P
Massa molecolare (u) 162,13 g·mol−1
Aspetto liquido
Numero CAS 77-81-6
PubChem 6500
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione −48 °C
Temperatura di ebollizione 246 °C
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
Molto tossico

Il gas Tabun è un agente chimico scoperto dal dottor Gerhar Schrader nel 1937; in condizioni standard si trova allo stato liquido, è volatile, inodore e incolore. A causa di queste sue caratteristiche, è molto difficile da individuare senza adeguati strumenti.

Essendo molto semplice da produrre in gran quantità, le nazioni in via di sviluppo sovente iniziano i loro programmi di militarizzazione chimica e lo sviluppo di arsenali chimici con il Tabun. Questo gas è apparso per la prima volta in un conflitto durante la guerra Iran-Iraq, ove fu utilizzato per uccidere migliaia di soldati iraniani fino al 1988.

L'entità del danno causato da parte del gas dipende da diversi fattori quali temperatura, vento, pressione atmosferica, concentrazione e modalità con la quale si entra in contatto col gas. I sintomi di esposizione a piccole quantità di gas Tabun includono irritazione del tratto intestinale e naso che cola; esposizione a quantità maggiori producono crampi intestinali, vomito, irrigidimento del diaframma ed infine morte.

Il Tabun, come la maggior parte degli agenti nervini, inibisce l'enzima acetilcolinesterasi, che permette al neurotrasmettitore acetilcolina di legarsi al suo sito attivo. L'accumulo di acetilcolina causa crampi di entità crescente fino al collasso muscolare e la conseguente morte del soggetto.

In caso di esposizione al Tabun, è importante somministrare tempestivamente l'antidoto; dopodiché, la pelle della vittima deve essere lavata con una soluzione al 10% di carbonato di sodio e acqua saponata; gli occhi devono essere invece lavati con acqua pulita. È importante anche fare un'iniezione intramuscolare di farmaci atti a rilassare i muscoli per contrastare l'azione contrattile dell'acetilcolina.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License