Talamello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Talamello
comune
Talamello – Stemma
Talamello – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Rimini-Stemma.png Rimini
Sindaco Francesca Ugolini (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 43°54′17.46″N 12°17′10.88″E / 43.90485°N 12.286356°E43.90485; 12.286356 (Talamello)Coordinate: 43°54′17.46″N 12°17′10.88″E / 43.90485°N 12.286356°E43.90485; 12.286356 (Talamello)
Altitudine 386 m s.l.m.
Superficie 10,53 km²
Abitanti 1 080[1] (31-12-2010)
Densità 102,56 ab./km²
Frazioni Ca' Francescone, Ca' Fusino, Campiano, Cava, Collina
Comuni confinanti Maiolo, Novafeltria, Mercato Saraceno, Sogliano al Rubicone (FC)
Altre informazioni
Cod. postale 47867
Prefisso 0541
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 099027
Cod. catastale L034
Targa RN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti talamellesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Talamello
Posizione del comune di Talamello all'interno della provincia di Rimini
Posizione del comune di Talamello all'interno della provincia di Rimini
Sito istituzionale

Talamello (Talamèl in romagnolo) è un comune italiano di 1.117 abitanti[2] della provincia di Rimini in Emilia-Romagna.

Fu sede di diocesi in epoca basso-medievale (ancora oggi si può ammirare il quattrocentesco Palazzo vescovile). Talamello è anche scrigno di opere artistiche antiche come la celletta affrescata da Antonio Alberti da Ferrara su richiesta del vescovo Giovanni Seclani nel 1437 e moderne come il Museo-pinacoteca Gualtieri "Lo splendore del reale" che riunisce più di 40 quadri del pittore Fernando Gualtieri.

Inoltre Talamello ha anche tradizioni come la fossatura del formaggio: il formaggio viene infossato nel mese di agosto per poi ritornare alla luce nel mese di novembre e tale evento viene accompagnato dalla fiera, l'Ambra di Talamello, chiamata così da Tonino Guerra, che si festeggia nelle prime due domeniche del medesimo mese. Talamello segue rigorosamente la tradizione, che viene rinnovata ogni anno ed è un elemento essenziale della tradizione stessa: quello dell’unica infossatura all’anno, che avviene nel mese di agosto.

Storiamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Variazioni amministrative e territoriali della Regione Marche#2009.

Nell'Italia unita il comune di Talamello è appartenuto alle Marche (provincia di Pesaro e Urbino) fino al 15 agosto 2009, quando ne è stato distaccato congiuntamente ad altri sei comuni dell'Alta Valmarecchia in attuazione dell'esito di un referendum svolto il 17 e 18 dicembre 2006. Contro la variazione territoriale le Marche hanno proposto ricorso alla Corte costituzionale, ma questa lo ha ritenuto infondato.[3]

Il formaggio di fossamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Formaggio di fossa.

Talamello diventa la capitale del formaggio di fossa, con una bella fiera dedicata al prodotto: questa caciotta, tipica della zona, viene fatta riposare e maturare in fosse ottenute nel banco di roccia arenaria su cui è fondato il paese stesso (il nome infatti deriva da thalamos, cioè grotte, abitazione); dopo tre mesi di stagionatura la caciotta è pronta ad essere consumata e prende il nome di Ambra di Talamello (così "battezzata" dal poeta Tonino Guerra), considerati gli odori e i sapori con cui si arricchisce. Questa usanza di mettere il formaggio nelle fosse non nasce con intento culinario: tutto il procedimento pare risalga al medioevo quando gli allevatori della zona dovevano nascondere i formaggi ai predoni e ai ladri; o più semplicemente era necessario che li conservassero per un periodo più lungo senza che questi seccassero eccessivamente.

Festa popolaremodifica | modifica sorgente

Il Comune di Talamello è anche famoso per la celebre Festa della Rana che si svolge nel piccolo borgo in agosto. La festa consiste nel trasportare delle rane o rospi su alcuni carretti trainati. Bisogna poi tagliare il traguardo sperando che queste non saltino giù e vince chi trasporta la rana più grossa.

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[4]

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Bilancio demografico 2008, dati ISTAT
  3. ^ La Valmarecchia rimane in Romagna
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License