Teatro Municipale (Reggio Emilia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°42′03.6″N 10°37′53.04″E / 44.701°N 10.6314°E44.701; 10.6314

Teatro Municipale Valli
Teatro municipale notturno reggio emilia.JPG
Teatro Municipale
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Reggio nell'Emilia
Indirizzo Piazza Martiri del VII Luglio, 42100 Reggio Emilia
Dati tecnici
Tipo Ferro di cavallo
Capienza 1.150 posti
Realizzazione
Costruzione 1852-1857
Architetto Cesare Costa
[1]

Il Teatro Municipale di Reggio Emilia, intitolato oggi a Romolo Valli, sorge su una delle più importanti piazze cittadine, sulla quale si affacciano l'altro teatro cittadino, il Teatro Ariosto, la Galleria San Rocco e i Giardini Pubblici. Il Teatro Municipale è un teatro d'opera e concerti.

L'edificio teatrale è stato costruito negli anni 1852-1857. Fu ideato e condotto a termine dall'architetto Cesare Costa di Modena e i lavori furono diretti dall'ingegnere Antonio Tegani di Reggio. Presenta una facciata neoclassica su due ordini, in laterizio e marmo, con colonne tuscaniche al piano terra e paraste ioniche al primo piano. Sulla trabeazione sono poste statue allegoriche. La sala interna si presenta come un tradizionale teatro d'opera italiano, con pianta a ferro di cavallo e cinque ordini di palchi.

Il teatro fu inaugurato il 21 aprile 1857 con l'opera "Vittor Pisani" del musicista Achille Peri (1813-80). L'ampia costruzione, sorta su parte dell'area dell'antica cittadella, demolita all'inizio del XIX secolo, costò lire 1.683.000.

L'11 febbraio 1882 avvenne la première di "Il conte di Chatillon" di Nicolò Massa.

L'11 febbraio 1888 avvenne la première con successo di Asrael (opera) di Alberto Franchetti.

L'11 settembre 1983 avvennero le prime esecuzioni assolute di "Epitaph" di Edison Vasiljevich Denisov e di "Estremità" di Giacomo Manzoni.

Piazza dei Teatri prima della risistemazione
Il teatro muicipale

Dimensionimodifica | modifica sorgente

L'edificio ha pianta rettangolare di  m 80x43.60 con aggiunte anteriormente due logge pure rettangolari di  m 26,40 x 5,20. Copre un'area di m2 3763. La facciata misura m. 54. La sala aveva una capacità media di 1.609 spettatori (oggi ridotti a 1.150), e dopo le modifiche del 1907 (la cassa armonica fu collocata in trincea accorciando il palcoscenico) misura m. 22,60 per 18.40. II palcoscenico profondo m. 26,60, largo m. 31,20, ha 56 camerini per artisti e 16 sale per le masse. Il teatro conta anche una vasta sala superiore che è stata utilizzata come scuola di scenografia.

Esternomodifica | modifica sorgente

Al piano inferiore il teatro presenta 19 colonne tuscaniche in granito.

Nei sette medaglioni fra le porte Paolo Aleotti scolpì i grandi autori del teatro greco, Menandro, Sofocle, Euripide, Aristofane. La parte superiore, terminata dal coronamento a mensole con attico, è scompartita da lesene ioniche anch'esse di granito con finestre e, al di sopra, bassorilievi allegorici. La decorazione e il coronamento proseguono sulle logge laterali formate da arcate a tutto sesto su pilastri.

Le statue dell'attico e delle logge furono scolpite da Prudenzio Lipeni, Ilario Bedotti, Giovanni Chierici, Antonio Giammai, Attilio Rabaglia. Quelle dell'attico, procedendo da sinistra a destra di chi osserva l'edificio, rappresentano: Moderazione, Pudore, Pittura, Suono, Commedia, Estro, Danza, Scherzo, Favola, Diletto, Istruzione, Lavoro, Virtù, Dramma, Gloria, Vizio, Tragedia, Rimorso, Curiosità, Silenzio. Sulla loggia a ponente partendo dalla fronte, si nota: Medea, Edipo, Achille, Marco Atilio Regolo. Sulla loggia a est: La Concionatrice, il Punitore di sé stesso, Prometeo, Dedalo.

Internomodifica | modifica sorgente

L'interno fu decorato dal prof. Girolamo Magnani di Parma coadiuvato nel vestibolo e nell'atrio da Pasquale Zambini di Reggio. Nel vestibolo sono posti i busti di Cesare Costa e Achille Peri e due medaglie dello scultore Ilarioli raffiguranti Plauto e Terenzio. L'atrio ha forma di ottagono allungato, con colonne e decori, fra cui le dodici Baccanti della volta (opera di Giuseppe Ugolini) e medaglie con putti a chiaroscuro (Magnani). I busti ai lati dell'ingresso rappresentano Cesare Pariati, scrittore melodrammatico (m 1733) e Francesco Fontanesi, rinnovatore della scenografia. Al sommo dello scalone che conduce al ridotto (dove aveva sede la Società del Casino, ora in Palazzo Tirelli) è il busto di Ludovico Ariosto di Ilario Bedotti.

Nella sala che ha forma ellittica prevalgono il bianco e l'oro, vi sono quattro ordini con 106 palchetti, il palco reale e una loggia. I dipinti allegorici del soffitto, da cui pende il lampadario di cristallo, sono opera di Domenico Pellizzi, artista reggiano, con allegorie del melodramma (lato della porta), a sinistra la commedia, a destra la tragedia, e infine la coreografia.

Il sipario fu dipinto da Alfonso Chierici che vi espresse "II Genio delle Arti che loro addita i più chiari uomini d'Italia perché in essi si inspirino e risorgano". Nel cartone il pittore aveva alluso all'Italia, ma il duca, non apprezzando il riferimento risorgimentale, fece dipingere un genio con la fiaccola rivolta verso il basso. Il secondo sipario (comodino) rappresenta una gran veduta di paese ed è opera dell'artista Giovanni Fontanesi.

Il lato sinistro del palcoscenico ospita il pregevole organo Montesanti del 1815.

Eventi storicimodifica | modifica sorgente

Notamodifica | modifica sorgente

  • (informazioni rielaborate da "Guglielmo Piccinini, Guida di Reggio Emilia, ed. 1921)

Altri progettimodifica | modifica sorgente

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro







Creative Commons License