Teatro Sociale (Rovigo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teatro Sociale
Teatro Sociale, Rovigo.jpg
Facciata del Teatro Sociale dalla Piazza Garibaldi
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Rovigo
Indirizzo Piazza Giuseppe Garibaldi, 14, 45100 Rovigo RO
Realizzazione
Costruzione 16 aprile 1819
Architetto Sante Baseggio
[Teatro Sociale su www.comune.rovigo.it

Il teatro Sociale di Rovigo è un teatro lirico italiano. Progettato dall'architetto rodigino Sante Baseggio in stile neoclassico, venne completato nel 1819 e ricostruito sul modello originale nel 1902 a causa di un grave incendio.

Storiamodifica | modifica sorgente

Il Teatro Sociale nasce dalla volontà di sviluppare le attività sociali e culturali della classe media borghese che abitava la città nel secolo XIX e coincideva con l'evoluzione storico politica causata dal passaggio del territorio dalla Repubblica Veneta al Regno Lombardo-Veneto e che attribuiva Rovigo come capoluogo della nuova provincia. A tal scopo in città ci furono diverse attività volte ad una profondo rinnovo edilizio, cominciato già il secolo precedente, tra le quali la realizzazione di una nuova piazza centrale ottenuta con la demolizione, nel 1808 della piccola chiesa dedicata a Santa Giustina.

La passione per l'Opera lirica fece breccia nella volontà di alcuni appassionati che costituirono una apposita società per la raccolta di fondi per la costruzione di un nuovo teatro che si affacciasse sulla nuova piazza. Per il progetto venne incaricato l'architetto rodigino Sante Baseggio, autore tra l'altro del Palazzo Angeli, il quale ne diresse anche i lavori fino al completamento dell'opera nel 1819.

Benché fosse stato ufficiosamente inaugurato nel marzo dello stesso anno, in cui alla presenza dell'imperatore Francesco I d'Austria venne rappresentata l'opera Adelaide di Borgogna, scritta appositamente per l'evento da Pietro Generali su libretto di Luigi Romanelli, in realtà l'inaugurazione ufficiale si ebbe il mese successivo, il 16 aprile 1819.

Fu inaugurato nuovamente nel 1904 con la rappresentazione di Iris di Pietro Mascagni, alla presenza del compositore.

Questo teatro vide tra gli altri il debutto di Beniamino Gigli ne La Gioconda di Ponchielli nel 1914, e l'esibizione nel ’44 di Renata Tebaldi nel Mefistofele, di Maria Callas nel ruolo di Aida nel 1948 e di Luciano Pavarotti nel 1962 nei panni del duca di Mantova.

Notemodifica | modifica sorgente


Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License