Tempio di Diana (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°52′58.18″N 12°28′59.5″E / 41.882828°N 12.483194°E41.882828; 12.483194 Il tempio di Diana si trovava al centro dell'Aventino a Roma ed era dedicato a Diana, dea della caccia.

La sua pianta ci è nota dalla Forma Urbis Severiana, che si trovava tra via San Domenico e l'omonima chiesa, fu costruito come un santuario federale dei Latini da Servio Tullio[1] (tendenzialmente al posto del tempio di Diana Aricina), venne rifatto da Lucio Cornificio dopo il 36 a.C.

Il suo aspetto era simile a quello di altri santuari di Artemide-Diana, in particolare l'Artemision di Efeso, mentre la statua di culto arcaico assomigliava a quella trovata all'Artemision di Marsiglia, che doveva derivare pure dal modello efesino.

Si trattava di un grande tempio ottastilo con due ordini di colonne lungo i lati, simile in pianta all'Artemision di Efeso. Le mura perimetrali della cella sono tuttora custodite all'interno di una delle sale del ristorante Apuleius.

Il tempio era circondato da un portico a due ordini di colonne.

Nel 123 a.C. cercarono inutilmente rifugio in questo tempio Gaio Sempronio Gracco e i suoi sostenitori, durante la fuga da Roma.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.21 e 1.40.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License