Terminator Salvation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terminator Salvation
John Connor.png
Christian Bale in una scena del film
Titolo originale Terminator Salvation
Paese di produzione USA, UK, Germania
Anno 2009
Durata 114 min
117 min (Extended cut)
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere azione, fantascienza
Regia McG
Soggetto James Cameron, Gale Anne Hurd (personaggi)
Sceneggiatura John Brancato, Michael Ferris, Jonathan Nolan, Paul Haggis
Produttore Derek Anderson, Moritz Borman, Victor Kubicek, Jeffrey Silver
Produttore esecutivo Dan Lin, Jeanne Allgood, Peter D. Graves, Mario Kassar, Andrew G. Vajna
Casa di produzione The Halcyon Company, Wonderland Sound and Vision
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Fotografia Shane Hurlbut
Montaggio Conrad Buff
Effetti speciali Industrial Light & Magic, Stan Winston Studio, New Deal Studios, Rodeo FX, Tata Elxsi Visual Computing Lab, Virtuos Holdings, fx3x, Asylum VFX, Rising Sun Pictures, Pacific Title and Art Studio, Pixel Liberation Front, Imageworks India, Imaginary Forces, Whiskytree, Matte World Digital, Kerner Optical, Gentle Giant Studios, Realscan 3D, Halon Entertainment
Musiche Danny Elfman
Tema musicale Brad Fiedel
Scenografia Martin Laing
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
« Il comando vuol farci battere come macchine, prendere fredde e calcolate decisioni. Ma noi non siamo macchine, e se ci comportiamo come loro, qual è il valore della vittoria!? »
(John Connor)

Terminator Salvation è un film di fantascienza del 2009, diretto da McG, quarto capitolo dedicato alla saga di Terminator. Il film è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 5 giugno 2009. In concomitanza con l'uscita del film, è stato immesso sul mercato l'omonimo videogioco, disponibile per Xbox 360, PlayStation 3 e PC.

Tramamodifica | modifica sorgente

Nell'anno 2003 la Dott.ssa Serena Kogan della Cyberdyne Systems Corporation, convince un uomo condannato a morte (e pentitosi di aver ucciso suo fratello e due poliziotti) di nome Marcus Wright a firmare un contratto con questa società e donare il suo corpo alla scienza, prima della sua esecuzione. Un anno più tardi, nel 2004, Skynet viene attivato e, riconoscendo gli umani come minaccia, provoca una guerra nucleare, che ha inizio nel "Giorno del Giudizio".

Nel 2018 John Connor, insieme alla Resistenza, attacca una base di Skynet. Qui John scopre enormi celle in cui vi sono dei prigionieri e alcuni progetti per un nuovo modello di Terminator che implementa l'uso di tessuti umani; tuttavia l'area viene fatta saltare e John è l'unico a sopravvivere. Nel frattempo Marcus, rinchiuso anch'egli e riuscito a scappare dalla base, procede a piedi verso Los Angeles.

John ritorna al Quartier Generale, situato a bordo di un sottomarino, e informa il generale Ashdown della sua scoperta. La Resistenza intanto ha trovato il modo di fermare le macchine emettendo onde radio a una particolare frequenza, basata sui sistemi di comunicazione a onde corte che le macchine usano, che inibisce le loro funzioni. Così decidono di lanciare un'offensiva al quartier generale di Skynet a San Francisco entro quattro giorni, per rispondere a Skynet che ha pianificato di uccidere entro la settimana i maggiori esponenti della Resistenza, compreso lo stesso John e, a sua sorpresa, un ragazzo di nome Kyle Reese. Arrivato a Los Angeles, Marcus viene salvato dal giovane Kyle Reese e dalla sua piccola aiutante Star dall'attacco di un T-600. In seguito, Kyle spiega a Marcus cosa è accaduto dal 2004 ad oggi e, dopo aver ascoltato un messaggio di John Connor alla radio, decidono di cercare la Resistenza. Riescono a sopravvivere ad un attacco da parte delle macchine, ma Kyle, Star e altre persone vengono fatti prigionieri.

Nel frattempo Marcus incontra Blair Williams, pilota della Resistenza, e insieme si incamminano verso la base in cui è nascosto John Connor. Ma poco prima dell'arrivo Marcus ha un incidente, poiché una mina magnetica si attacca improvvisamente alla sua gamba esplodendo. Quando viene tratto in salvo, la Resistenza scopre che si tratta di un cyborg con tessuti umani (compreso il cuore) ed endoscheletro metallico, un modello che John non aveva mai visto prima. John ordina che venga ucciso, ma Blair gli salva la vita e lo aiuta nella fuga. Mentre John sta per essere attaccato da alcuni Hydrobots di Skynet, Marcus gli salva la vita e John lo risparmia a patto che lo aiuti ad entrare nella base di Skynet per salvare Kyle. Marcus si avvicina alla base e scopre di essere autorizzato a entrarvi: quindi vi si introduce, disabilita le difese e permette a John di entrare.

Nel frattempo, il sottomarino con a bordo il generale Ashdown lancia il segnale radio per annientare Skynet ma viene immediatamente distrutto da un Hunter-Killer: il segnale radio si rivela dunque una trappola progettata dalla rete per stanare il comando della Resistenza. Marcus si trova quindi faccia a faccia con la dottoressa Serena Kogan (si tratta di un'immagine proiettata dal computer) che gli spiega che lui non è altri che un cyborg da infiltrazione e che ha compiuto la sua missione, ovvero di portare John Connor dentro le linee nemiche, un'azione mai riuscita prima a nessun altro Terminator. John riesce ad entrare dentro le celle dove sono rinchiusi i prigionieri, ma si ritrova a combattere contro un T-800. Durante la battaglia, John viene ferito gravemente dal Terminator, ma grazie all'aiuto di Marcus riesce a sconfiggerlo; alla fine riescono ad uscire dalla base e a distruggerla facendo esplodere le celle a combustibile dei T-800, stipate nel locale di assemblaggio dei robot. Kate, moglie di John, riferisce agli altri che il cuore di suo marito è danneggiato e che non gli resta molto da vivere; Marcus allora decide di redimersi dalla sua vita precedente, donando il suo cuore a John, sacrificandosi così per il suo leader. Nel finale del film John Connor, in un monologo, dice che gli umani hanno vinto solo una battaglia e che dovranno ancora affrontare anni difficili prima di poter sconfiggere Skynet che è ancora forte nella rete globale aggiungendo che il futuro non è scritto bensì è quello che noi ci creiamo.

Produzionemodifica | modifica sorgente

Originimodifica | modifica sorgente

Il film è sceneggiato da Jonathan Nolan e Paul Haggis sulla base di uno script di John Brancato e Michael Ferris, e diretto da Joseph "McG" McGinty Nichol. È costato ben 200 milioni di dollari, il budget più alto dell'intera saga. I diritti della saga, appartenuti sin dalle origini a Mario Kassar e Andy Vajna, sono stati ceduti nel 2007 ad una nuova società denominata Halcyon, che sembra seriamente intenzionata a donare nuovo vigore ai cyborg della saga e presentando un nuovo ciclo di tre film incentrati sul personaggio di un trentenne John Connor, già visto nelle ultime due pellicole girate rispettivamente da James Cameron e Jonathan Mostow.

Successivamente Victor Kubicek e Derek Anderson, titolari della Halcyon Co. e neodetentori dei diritti della saga di Terminator, hanno querelato la MGM accusandola di interferire con le loro legittime negoziazioni con altre case per gli accordi distributivi relativi ad un prossimo Terminator 4. Chiuse infatti le trattative con la MGM con un nulla di fatto, quest'ultima avrebbe continuato ad asserire di avere i diritti di distribuzione sul film, portando Kubicek ed Anderson a sporgere querela. Un portavoce della MGM aveva invece ribadito che le negoziazioni non erano ancora da considerarsi terminate e che fino a quel momento non era consentita ai titolari dei diritti la ricerca di altri partner.[2]

Castmodifica | modifica sorgente

Nel cast troviamo i nomi di Christian Bale, nel ruolo di John Connor, e Anton Yelchin nei panni di Kyle Reese. Nel film è presente anche l'ex-culturista Roland Kickinger che ha prestato il corpo al T-800, il quale però presenta il volto digitale di Arnold Schwarzenegger.[3]

Alla fine del maggio 2008 è stata confermata la presenza di Charlotte Gainsbourg nel ruolo di Kate Connor[4], moglie di John Connor. Ma poco tempo dopo l'attrice è stata sostituita con Bryce Dallas Howard: la Gainsbourg ha sostenuto di aver rinunciato al ruolo per paura che il dilungarsi della produzione potesse accavallarsi con altri impegni già presi in precedenza.[5]

Nel luglio del 2008 Hollywood Reporter confermò la presenza dell'attrice inglese Helena Bonham Carter nel cast del film, nel ruolo breve ma significativo della dottoressa Serena Kogan.[6]

Le riprese del film sono iniziate il 5 maggio 2008 ad Albuquerque, nel Nuovo Messico.[7] Durante il Festival di Cannes del 2008 è stato annunciato che Christian Bale avrebbe firmato un contratto che lo impegna anche per i successivi capitoli, numero 5 e 6.[8]

Il modello T-800modifica | modifica sorgente

Il culturista Roland Kickinger ha fatto da stand-in per filmare il corpo senza abiti del primo esemplare di T-800; sulle riprese i tecnici hanno poi aggiunto in digitale il volto di Arnold Schwarzenegger così come appare in Terminator; il volto è stato ricavato da calchi fatti nel 1984 per creare il make-up facciale del Terminator, conservati nello Stan Winston Studio per più di vent'anni.

Colonna sonoramodifica | modifica sorgente

La colonna sonora del film è stata composta nel gennaio del 2009 da Danny Elfman candidato all'Oscar per Will Hunting, Big Fish - Le storie di una vita incredibile e Men in Black. Il tema principale è stato ripreso dalle musiche originali di Terminator del 1984 composte da Brad Fiedel che questa volta non ha partecipato al progetto[9]. Elfman espresse dei dubbi sul fatto di utilizzare per intero o in parte la precedente colonna sonora di Fiedel o se avrebbe realizzato da zero le melodie per questo film.

« Quando sono all'inizio di un nuovo lavoro non so cosa aspettarmi e non progetto le cose. Provo solo a entrare a modo mio nell'atmosfera, nel mood delle immagini e a divertirmi. I problemi legati all'uso di materiali precedenti o esterni alla mia musica vengono in un secondo tempo »

Il regista McG coinvolse nel progetto anche il compositore argentino Gustavo Santaolalla che ha realizzato una parte orchestrale con suono analogico come sottofondo per identificare gli umani e la Resistenza mentre per le sequenze dove appaiono le macchine si è preferito creare un suono più meccanico composto da Thom Yorke. Per le sequenze finali è stato scelto uno stile trionfale ispirato alle musiche di Richard Wagner[9]. Nella pellicola è presente inoltre un brano degli Alice in Chains intitolato Rooster tratto dall'album del 1992 Dirt[10] inserito nel CD della colonna sonora mentre il brano dei Guns N' Roses You Could Be Mine tratto dall'album del 1991 Use Your Illusion II è stato utilizzato all'interno del film come collegamento a Terminator 2 - Il giorno del giudizio del 1991, secondo capitolo della serie. Per il trailer cinematografico è stato utilizzato come sottofondo musicale un brano degli Nine Inch Nails intitolato The Day the World Went Away. Il disco della colonna sonora è disponibile sotto etichetta Reprise Records[11] a partire dal 19 maggio 2009.

Traccemodifica | modifica sorgente

Di seguito le tracce:

  1. Opening – 6:01
  2. All Is Lost – 2:45
  3. Broadcast – 3:19
  4. The Harvester Returns – 2:45
  5. Fireside – 1:31
  6. No Plan – 1:43
  7. Reveal / The Escape – 7:44
  8. Hydrobot Attack – 1:49
  9. Farewell – 1:40
  10. Marcus Enters Skynet – 3:23
  11. A Solution – 1:44
  12. Serena – 2:28
  13. Final Confrontation – 4:14
  14. Salvation – 3:07
  15. Rooster (Alice in Chains) – 6:14

Distribuzionemodifica | modifica sorgente

Promozionemodifica | modifica sorgente

Rubens Barrichello sulla sua Brawn GP con il logo del film

Incassimodifica | modifica sorgente

La pellicola è uscita negli Stati Uniti il 21 maggio 2009 e nelle sale italiane il 5 giugno. Il primo fine settimana di apertura ha incassato 42,558,390[13] di dollari e ha raggiunto la somma di 371,352,910[13] di dollari in tutto il mondo, superando il budget di produzione che si aggira sui 200 000 000[13] di dollari.

Sequelmodifica | modifica sorgente

Terminator Salvation è stato pensato come il primo capitolo di una trilogia ambientata nel futuro, con Christian Bale, McG e Jonathan Nolan confermati per i due seguiti.[14] A seguito delle critiche positive esposte ai test screening, la Halcyon Company aveva messo in studio il primo seguito in dicembre 2008 per un'uscita parzialmente fissata al 2011.[15] Tra le possibili location menzionate per svolgere parte delle riprese si è parlato del Medio Oriente.

I guai finanziari della Halcyon Company (proprietaria dei diritti della franchise) e gli scarsi incassi al botteghino hanno fatto accantonare il progetto "trilogia" fino all'interessamento nel 2011 di Arnold Schwarzenegger che ha reso nuovamente speranzosi i fan della saga[16]

Curiositàmodifica | modifica sorgente

Quando John Connor si reca alla base di Skynet, per attirare i Terminator motociclisti mette in mezzo alla strada uno stereo ad altissimo volume che suona "You could be mine", dei Guns n Roses. Quella canzone era la sua preferita da adolescente ed era la colonna sonora del secondo film del franchise, Terminator 2:Judgment Day.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ McG Interview, Terminator Salvation.
  2. ^ Brutte notizie per Terminator 4, BadTaste.it, 22-07-2007. URL consultato il 01-12-2008.
  3. ^ McG aggiorna su Terminator Salvation.
  4. ^ Terminator salvation: the future begins »Cineblog.it
  5. ^ MTV News, mtv.it. URL consultato il 03-07-2008.
  6. ^ MTV News, mtv.it. URL consultato il 03-07-2008.
  7. ^ Terminator Salvation: il futuro inizia oggi, Badtaste.it, 05-05-2008. URL consultato il 24-05-2008.
  8. ^ Christian Bale protagonista della nuova trilogia di Terminator, Cineblog.it, 21-05-2008. URL consultato il 24-05-2008.
  9. ^ a b (EN) McG Interview, Terminator Salvation, Moviesonline. URL consultato il 19-07-2010.
  10. ^ (EN) EXCLUSIVE: Common Writing 'Terminator'-Inspired Song For 'Salvation' Soundtrack, MTV Movies, 10-12-2008. URL consultato il 19-07-2010.
  11. ^ Reprise Records - Miscellaneous Company - filmography, IMDb. URL consultato il 19-07-2010.
  12. ^ Il full trailer di Terminator Salvation, primissima.it, 10-12-2008. URL consultato l'11-12-2008.
  13. ^ a b c (EN) Terminator Salvation Box Office, Box Office Mojo Official Site. URL consultato il 05-11-2009.
  14. ^ David Bentley, Terminator Salvation: Director reveals trilogy plans, Coventry Telegraph, 20-11-2008.
  15. ^ Ali Jafaar, Fifth 'Terminator' film in the works, Variety, 14-12-2008.
  16. ^ Arnold Schwarzenegger torna al cinema con Terminator 5


Altri progettimodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema








Creative Commons License