Terremoti in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La seguente lista contiene la cronologia dei principali terremoti avvenuti in Italia divisa per voci.

Antichità e Medioevomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoti in Italia nell'antichità e nel Medioevo.

Età modernamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoti in Italia nell'età moderna.

XIX secolomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoti in Italia nel XIX secolo.

XX secolomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoti in Italia nel XX secolo.

XXI secolomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoti in Italia nel XXI secolo.

Terremoti principalimodifica | modifica sorgente

Terremoti più fortimodifica | modifica sorgente

  1. Val di Noto, Sicilia orientale (11 gennaio 1693), 7,41 M[1], 60.000 morti (dettagli)
  2. Reggio Calabria e Messina (28 dicembre 1908), 7,24 M[2], 100.000 morti (dettagli)
  3. Calabria tirrenica centrale, Calabria (8 settembre 1905), 7,06 M[2], 557 morti (dettagli)
  4. Nicastro (oggi Lamezia Terme), Calabria (27 marzo 1638), 7,00 M[3], oltre 10.000 morti (dettagli)
  5. Avezzano, Abruzzo (13 gennaio 1915), 6,99 M[2], 33.000 morti (dettagli)
  6. Molise e Sannio (5 dicembre 1456), 6,96 M[3], 30.000 morti
  7. Montemurro, Basilicata (16 dicembre 1857), 6,96 M[1], 12.000 morti (dettagli)
  8. Messina e Reggio Calabria (5 febbraio 1783), 6,91 M[1], 50.000 morti (dettagli)
  9. Irpinia e Basilicata (23 novembre 1980), 6,89 M[4], 2.914 morti (dettagli)
  10. Irpinia e Basilicata (8 settembre 1694), 6,87 M[1], 6.000 morti

Terremoti più disastrosimodifica | modifica sorgente

  1. Messina e Reggio Calabria (28 dicembre 1908), 7,24 M, 100.000 morti (dettagli)
  2. Val di Noto, Sicilia orientale (11 gennaio 1693), 7,41 M, 60.000 morti (dettagli)
  3. Reggio Calabria e Messina (5 febbraio 1783), 6,91 M, 50.000 morti (dettagli)
  4. Avezzano, Abruzzo (13 gennaio 1915), 6,99 M, 33.000 morti (dettagli)
  5. Verona (3 gennaio 1117), 6,49 M, 30.000 morti (dettagli)
  6. Molise e Sannio (5 dicembre 1456), 6,96 Mw, 30.000 morti
  7. Catania (4 febbraio 1169), 6,60 Mw, 20.000 morti
  8. Montemurro, Basilicata (16 dicembre 1857), 6,96 Mw, 12.000 morti (dettagli)
  9. Nicastro (oggi Lamezia Terme), Calabria (27 marzo 1638), 7,00 Mw, oltre 10.000 morti (dettagli)
  10. Carinzia e Friuli (25 gennaio 1348), 6,66 Mw, 10.000 morti (dettagli)

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d Catalogo parametrico dei terremoti italiani 1691-1899, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
  2. ^ a b c Catalogo parametrico dei terremoti italiani 1900-1963, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
  3. ^ a b Catalogo parametrico dei terremoti italiani 217a.C.-1690, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
  4. ^ Catalogo parametrico dei terremoti italiani 1964-1992, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License