Tino Erler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tino Erler

Tino Erler (Oderzo, 31 gennaio 1899Oderzo, 3 agosto 1968) è stato un attore italiano di teatro e cinema.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Diplomatosi geometra, decide di intraprendere la carriera di attore. A teatro recita con vari attori di grido tra cui Antonio Gandusio, Febo Mari, Nino Besozzi, Armando Falconi, Camillo Pilotto, Marta Abba, Paola Borboni, Andreina Pagnani, Ruggero Ruggeri e Vittorio De Sica. Con quest'ultimo fa parte della Compagnia Teatrale Za-Bum dal 1931 al 1933.

Nello stesso periodo dà il via ad una scarna carriera nel cinema: unico film di rilievo tra quelli in qui ha recitato fu L'ultima speranza, vincitore di un premio al Festival di Cannes 1946.

Negli anni quaranta entra a far parte della Compagnia di Prosa di Radio Firenze; con Romano Calò è uno dei protagonisti delle trasmissioni di Radio Monteceneri. È stato anche doppiatore cinematografico.

Dal 1929 al 1943 visse a Casa Russolo, residenza del cognato, a Camino, per poi trasferirsi a Oderzo dove dimorò fino alla morte, sopraggiunta nel 1968.

Prosa radiofonicamodifica | modifica sorgente

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License