Tofiq Bəhramov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tofik Bachramov
Tofiq Bahramov.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Nome Tofik Bachramov
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
Campionato sovietico
Attività internazionale
Esordio 1964

Tofik Bachram-og’ly Bachramov (rus. Тофик Бахрам-оглы Бахрамов, az. Tofiq Bəhram-oğlu Bəhramov; Baku, 29 gennaio 192612 ottobre 1993) fu un calciatore, arbitro di calcio e dirigente sportivo sovietico.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giovane calciatore proveniente dall'allora repubblica sovietica dell'Azerbaigian, Tofik Bachramov prestò servizio nell'Armata Rossa con il grado di sergente durante la Seconda guerra mondiale. Tornato alla vita civile, la sua attività sportiva fu interrotta da un serio infortunio a una gamba. Decise quindi di intraprendere la carriera arbitrale. Divenne arbitro internazionale nel 1964.

La fama di Bachramov è legata alla finale del campionato del mondo 1966 che si svolse in Inghilterra. A quei tempi era uso comune, nelle manifestazioni internazionali, impiegare gli arbitri anche come guardalinee e il 30 luglio 1966, a dirigere a Wembley la finale Inghilterra - Germania Ovest fu designato l'arbitro svizzero Gottfried Dienst che si avvalse della collaborazione, quali guardalinee, del cecoslovacco Karol Galba e dello stesso Tofik Bachramov; all'undicesimo minuto del primo tempo supplementare, sul punteggio di 2-2, l'inglese Hurst tirò in porta, ma la palla colpì la faccia inferiore della traversa e rimbalzò in campo. L'azione fu molto veloce e l'arbitro Dienst non seppe decidere immediatamente se il tiro fosse effettivamente gol o meno, ragion per cui dovette chiedere il parere del suo assistente più vicino, che era proprio Bachramov.

Dopo una discussione avvenuta a gesti, visto che Dienst e Bachramov non avevano una lingua comune nella quale parlare, l'arbitro svizzero convalidò il goal. Alla fine l'Inghilterra vinse 4-2 e divenne campione del mondo. Il gol convalidato nel corso di quell'incontro fu discusso per anni, tanto che da allora si parlò di gol fantasma. Secondo gli inglesi, la decisione del guardalinee sovietico (sebbene i giornali d'Oltremanica parlassero impropriamente di guardalinee russo, ignari dell'etnìa azera di Bachramov) fu corretta, invece i tedeschi hanno sempre sostenuto che questi fece un grosso errore. I tedeschi, infatti, richiamarono l'attenzione sul fatto che la palla, battendo a terra, aveva sollevato polvere di gesso, segno evidente del rimbalzo sulla linea di porta e, quindi dell'impossibilità di avere attraversato tale linea completamente (condizione necessaria perché si possa parlare di gol segnato).

Uno studio del 1995 a cura dell'Università di Oxford fece finalmente luce sulla questione: con l'aiuto del computer e di tecnologie di visualizzazione più avanzate, fu possibile appurare che la palla, in effetti, non attraversò mai la linea di porta. In una sua autobiografia, Bachramov disse di aver sempre creduto che la palla non fosse tornata in campo rimbalzando dalla faccia inferiore della traversa, bensì dalla rete, per cui non aveva importanza il fatto che essa avesse successivamente battuto sulla linea di porta, essendo - per lui - già entrata in precedenza.

In carriera diresse una partita anche ai mondiali di calcio in Messico nel 1970, la finale di Coppa Intercontinentale Ajax-Independiente del 1972 e, nello stesso anno, anche la finale di Coppa UEFA tra Tottenham Hotspur e Wolverhampton. Dopo il termine della sua carriera di arbitro, Tofik Bachramov ebbe vari incarichi nella federcalcio dell'URSS e, prima della morte avvenuta nel 1993, fu anche segretario generale della federazione calcistica dell'Azerbaijan. Vanta anche la direzione di una semifinale di Coppa dei Campioni (nel 1968) e di una semifinale di Coppa delle Coppe (nel 1967).

Lo stadio Tofik Bachramovmodifica | modifica sorgente

Nel 2005 fu intitolato a Tofik Bachramov lo stadio nazionale di Baku, la capitale dell'Azerbaigian. La cerimonia di inaugurazione, durante la quale fu anche scoperta una statua raffigurante lo stesso Bachramov, avvenne prima dell'incontro Azerbaigian - Inghilterra, valido per la qualificazione al campionato del mondo 2006. Alla cerimonia presenziarono il presidente della FIFA Joseph Blatter e i calciatori Michel Platini e lo stesso Geoff Hurst, beneficiato dalla decisione di Bachramov di 39 anni prima.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Jake Arnott. «Il guardalinee sovietico», da E lui ammazza i poliziotti. Il Saggiatore 2002. ISBN 88-428-1045-2

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License