Torre Quezzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°25′44.29″N 8°58′18.41″E / 44.428969°N 8.971781°E44.428969; 8.971781

1leftarrow.pngVoce principale: Forti di Genova.

Torre Quezzi
Genova-IMG 2308.JPG
Tipo di area Sito di interesse comunitario
Class. internaz. IT1331606
Stati Italia Italia
Regioni Liguria Liguria
Province Genova Genova
Comuni Genova
Superficie a terra 2,2 ha

Torre Quezzi (318 s.l.m.) è una torre circolare in laterizio di 15 metri di diametro per 17 m di altezza, costruita dal Corpo Reale del genio Sardo tra il 1818 e il 1823, situata sulle alture di Quezzi.

Storiamodifica | modifica sorgente

La torre domina le alture della val Bisagno, e fu costruita per sopperire alla mancanza di una adeguata difesa di Forte Quezzi lungo il crinale nord del monte, che avrebbe consentito un facile punto di partenza alle truppe nemiche per un eventuale attacco al forte stesso. Il Genio Sardo si prodigò per rinforzare quel lato del monte, con la costruzione di una piccola opera di "appoggio" a pianta circolare.

Nel 1830 una relazione militare riscontrò un'inutilità nel posizionamento di Forte Quezzi e viceversa una ottima posizione difensiva della piccola opera di appoggio, così negli anni subito successivi furono sviluppati diversi progetti per rinforzare e ampliare la torre, con l'aggiunta di bastioni e la creazione di un forte simile a quello di Begato. L'idea tuttavia rimase solo al livello di disegno di progetto, e la torre non fu mai rimaneggiata.

Dopo quasi 100 anni, intorno al 1909, l'opera fu abbandonata dalle autorità militari e adibita a ristorante poi definitivamente abbandonata nell'immediato secondo dopoguerra, quando furono rimosse le parti metalliche e i tiranti del pavimento, che ne causarono il crollo[1].

Oggi Torre Quezzi è in completo abbandono; saltuariamente utilizzata come ricovero per le greggi di pastori locali è in uno stato di conservazione precario e necessiterebbe di restauri, che potrebbero riportare la struttura e l'area subito attorno in uno stato dignitoso[2]. La torre e l'area immediatamente circostante sono considerati sito di interesse comunitario dall'Unione Europea essendo uno dei pochi habitat del raro tarantolino o geco tirrenico (Euleptes europaea, precedentemente noto come Phyllodactylus europaeus)[3].

Strutturamodifica | modifica sorgente

Le caditoie e la cannoniera di difesa a nord-ovest della torre

La Torre è una costruzione a tronco di cono, in cui a metà altezza si innestano delle paraste che sorreggono il parapetto di coronamento del tetto, oggi, come la maggior parte della costruzione, diroccato. Dalla parte interna dei parasti si aprono delle caditoie, protette in origine da possenti grate apribili. L'ingresso era originariamente protetto da un fossato a semi-cerchio, e da un ponte levatoio di cui oggi non rimangono tracce, ma che presenta ancora una muratura controscarpa davanti all'ingresso usata come appoggio per il ponte quando era abbassato.

L'interno presentava 3 piani, oggi in gran parte totalmente crollati, sorretti da quattro pilastri portanti, in cui in uno di essi sono ricavate le scale di servizio che salivano ai piani. Al primo piano troviamo sul lato est la grossa feritoia per la cannoniera, svasata verso il basso in quanto il pezzo d'artiglieria era a difesa della Torre e non era a scopo offensivo. Nel piano superiore si scorge un'altra feritoia per la cannoniera, che al contrario aveva un "tiro" più diritto. Il terrazzo superiore, oggi irraggiungibile, era accessibile tramite una piccola casamatta e fu costruito a "prova di bomba", cioè da uno spesso strato di terra che sarebbe servito ad assorbire l'impatto di una bombarda dell'epoca. Al centro del soffitto esisteva in origine una piccola copertura in marmo, la quale poteva essere aperta per facilitare lo smaltimento del fumo di sparo, tramite un camino circolare verticale collegato con l'interno.

L'armamento era rappresentato da due cannoni da 8, due obici lunghi e i due cannoncini, sopracitati, mentre il personale poteva variare da 20 a 50 unità in caso di necessità.

Posizionemodifica | modifica sorgente

La Torre è raggiungibile dalla strada militare, oggi in parte asfaltata, che parte da Forte Quezzi e porta fino a Forte Richelieu passando da Forte Monteratti, il sito oggi si trova in prossimità di serbatoi dell'Acquedotto Valnoci, in uno spiazzo asfaltato e lasciato al degrado, a ad atti vandalici. A piedi è raggiungibile da via Leamara che parte dal quartiere di Quezzi, oppure da un sentiero percorribile anche in mountain bike che parte dalla piazza di Sant'Eusebio, in macchina dal quartiere del Biscione[4].

Naturamodifica | modifica sorgente

La zona di Torre Quezzi è attualmente riconosciuta dalla Direttiva Habitat come Zona Speciale di Conservazione per la presenza del fillodattilo (Euleptes europaea), un piccolo geco (il più piccolo vertebrato europeo) rinvenibile sulle pareti della torre che nel resto della Liguria è presente esclusivamente nelle isole di Tino e Tinetto, in provincia di La Spezia, e per questo considerata specie protetta.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Scheda di Torre Quezzi su forti-genova.com
  2. ^ rapido video sullo stato odierno di Torre Quezzi
  3. ^ SIC e ZPS in Liguria » Genova » Torre Quezzi in Rete Natura 2000 in Liguria. URL consultato l'11-12-2009.
  4. ^ Vista dal satellite di Torre Quezzi

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Stefano Finauri, Forti di Genova, Servizi Editoriali, Genova, 2007, ISBN 978-88-89384-27-5
  • Tarantino Stefano-Gaggero Federico-Arecco Diana, Forti di Genova e sentieri tra Nervi e Recco alta via dei monti liguri, Edizioni del Magistero, Genova.
  • Roberto Badino, Forti di Genova, Sagep, Genova 1969
  • Riccardo Dellepiane, Mura e fortificazioni di Genova, Nuova editrice genovese, Genova, 2008, [prima edizione 1984].
  • Cappellini A., Le Fortificazioni di Genova, Ed. F.lli Pagano Editore, Genova, 1939
  • Comune di Genova - Assessorato giardini e foreste, Genova. Il parco urbano delle Mura. Itinerari storico-naturalistici

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente









Creative Commons License