Tour de France 2007

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francia Tour de France 2007
Tour de France 2007.png
Il percorso
Edizione 94ª
Data 7 luglio - 29 luglio
Partenza Londra
Arrivo Parigi
Percorso 3 569,9 km, prol. + 20 tappe
Tempo 91h00'26"
Valida per UCI ProTour 2007
Classifica finale
Primo Spagna Alberto Contador
Secondo Australia Cadel Evans
Terzo Stati Uniti Levi Leipheimer
Classifiche minori
Punti Belgio Tom Boonen
Montagna Colombia Mauricio Soler
Giovani Spagna Alberto Contador
Squadre Stati Uniti Discovery Channel
Combattività Spagna Amets Txurruka
Cronologia
Edizione precedente
Tour de France 2006
Edizione successiva
Tour de France 2008

Il Tour de France 2007, novantaquattresima edizione de La Grande Boucle, prevedeva 20 tappe più il cronoprologo per un totale di 3553,9 km con due giornate di riposo il 16 luglio e il 24 luglio. È partito da Londra il 7 luglio con un breve cronoprologo e si è conclusa il 29 luglio a Parigi, sugli Champs-Elysées secondo tradizione. Fu vinto spagnolo Alberto Contador, al suo primo trionfo in un Grande Giro. Si trattò della nona edizione della corsa a tappe francese che vide la vittoria di un corridore di nazionalità spagnola.

Contador, al primo podio della carriera al Tour, concluse in 91h00'26" dopo aver portato la maglia gialla al termine delle ultime quattro frazioni sulle ventuno previste (considerando in questo còmputo totale anche il cronoprologo iniziale). Il madrileno, prima di acquisire il simbolo del primato, era già da tre tappe il secondo in classifica dietro al danese Michael Rasmussen, contro il quale stava ingaggiando epici duelli nelle salite. Tuttavia, al termine della sedicesima frazione, Rasmussen terminò la competizione: l'organizzazione del Tour non lo squalificò, ma lo costrinse ad abbandonare la corsa a seguito della "non negatività" alla Dynepo (considerata EPO di seconda generazione) ad un controllo effettuato durante la corsa, spingendo la sua stessa squadra, la Rabobank, ad obbligarlo al ritiro per aver mentito sui luoghi di allenamento in preparazione della corsa a tappe francese[1].

Contador precedette di soli 23 secondi il secondo della classifica generale, l'australiano Cadel Evans (al primo podio nella Grande Boucle. Tuttora risulta l'unico australiano ad essere mai salito sul podio di Parigi) e di 31 secondi lo statunitense, nonché suo compagno di squadra, Levi Leipheimer (all'unico podio della carriera al Tour), terzo classificato.

Quattro furono i corridori a vincere, in questa edizione, il maggior numero di frazioni (due ciascuno) sulle ventuno previste: Michael Rasmussen (poi cacciato dalla sua squadra mentre era in maglia gialla e, successivamente, squalificato per doping), Fabian Cancellara, Daniele Bennati e Tom Boonen.

Nell'edizione successiva del Tour l'organizzazione non inviterà la nuova squadra (Astana) di Contador, ma il madrileno saprà rifarsi vincendo gli altri due Grandi Giri del calendario, il Giro d'Italia e la Vuelta a Espana, diventando così il quinto, e finora ultimo, ciclista della storia a saper vincere almeno una edizione di tutti i tre Grandi Giri (cingendo, così, la cosiddetta tripla corona).

Tappemodifica | modifica sorgente

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
Prol. 7 luglio Londra (GBR) > Londra (GBR) (cron. individuale) 7,9 Svizzera Fabian Cancellara Svizzera Fabian Cancellara
8 luglio Londra (GBR) > Canterbury (GBR) 203 Australia Robbie McEwen Svizzera Fabian Cancellara
9 luglio Dunkerque > Gand (BEL) 168,5 Belgio Gert Steegmans Svizzera Fabian Cancellara
10 luglio Waregem (BEL) > Compiègne 236 Svizzera Fabian Cancellara Svizzera Fabian Cancellara
11 luglio Villers-Cotterêts > Joigny 193 Norvegia Thor Hushovd Svizzera Fabian Cancellara
12 luglio Chablis > Autun 182,5 Italia Filippo Pozzato Svizzera Fabian Cancellara
13 luglio Semur-en-Auxois > Bourg-en-Bresse 199,5 Belgio Tom Boonen Svizzera Fabian Cancellara
14 luglio Bourg-en-Bresse > Le Grand-Bornand 197,5 Germania Linus Gerdemann Germania Linus Gerdemann
15 luglio Le Grand-Bornand > Tignes 165 Danimarca Michael Rasmussen Danimarca Michael Rasmussen
16 luglio giorno di riposo
17 luglio Val-d'Isère > Briançon 159,5 Colombia Mauricio Soler Danimarca Michael Rasmussen
10ª 18 luglio Tallard > Marsiglia 229,5 Francia Cédric Vasseur Danimarca Michael Rasmussen
11ª 19 luglio Marsiglia > Montpellier 182,5 Sudafrica Robert Hunter Danimarca Michael Rasmussen
12ª 20 luglio Montpellier > Castres 178,5 Belgio Tom Boonen Danimarca Michael Rasmussen
13ª 21 luglio Albi > Albi (cron. individuale) 54 Kazakistan Aleksandr Vinokurov[2]
Australia Cadel Evans
Danimarca Michael Rasmussen
14ª 22 luglio Mazamet > Plateau de Beille 197 Spagna Alberto Contador Danimarca Michael Rasmussen
15ª 23 luglio Foix > Loudenvielle-Le Louron 196 Kazakistan Aleksandr Vinokurov[2]
Lussemburgo Kim Kirchen
Danimarca Michael Rasmussen
24 luglio giorno di riposo
16ª 25 luglio Orthez > Gourette-Colle d'Aubisque 218,5 Danimarca Michael Rasmussen Danimarca Michael Rasmussen
17ª 26 luglio Pau > Castelsarrasin 188,5 Italia Daniele Bennati Spagna Alberto Contador
18ª 27 luglio Cahors > Angoulême 211 Francia Sandy Casar Spagna Alberto Contador
19ª 28 luglio Cognac > Angoulême (cron. individuale) 55,5 Stati Uniti Levi Leipheimer Spagna Alberto Contador
20ª 29 luglio Marcoussis > Parigi Champs-Élysées 146 Italia Daniele Bennati Spagna Alberto Contador
Totale 3 569,6

Squadre e corridori partecipantimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Partecipanti al Tour de France 2007.
N. Cod. Squadra
11-19 GCE Spagna Caisse d'Epargne
21-29 TMO Germania T-Mobile Team
31-39 CSC Danimarca Team CSC
41-49 PRL Belgio Predictor-Lotto
51-59 RAB Paesi Bassi Rabobank
61-69 A2R Francia AG2R Prévoyance
71-79 EUS Spagna Euskaltel-Euskadi
81-89 LAM Italia Lampre-Fondital
91-99 GST Germania Gerolsteiner
101-109 C.A Francia Crédit Agricole
111-119 DSC Stati Uniti Discovery Channel
N. Cod. Squadra
121-129 BTL Francia Bouygues Télécom
131-139 AGR Francia Agritubel
141-149 COF Francia Cofidis, le Crédit par Téléphone
151-159 LIQ Italia Liquigas
161-169 FDJ Francia Française des Jeux
171-179 QSI Belgio Quick Step-Innergetic
181-189 MRM Italia Team Milram
191-199 AST Svizzera Astana Team
201-209 SDV Spagna Saunier Duval-Prodir
211-219 BAR Regno Unito Barloworld

Resoconto degli eventimodifica | modifica sorgente

Per la prima volta nella storia la corsa è partita senza il numero 1, in quanto il Tour 2006 era ancora senza vincitore a causa del ricorso pendente dello squalificato Floyd Landis. Il primo numero assegnato è l'11 sulle spalle di Óscar Pereiro, che si è classificato secondo nella scorsa edizione.

La corsa è stata per l'ennesima volta funestata da avvenimenti relativi al doping: il kazako Aleksandr Vinokurov, vincitore di due tappe, e l'italiano Cristian Moreni sono risultati positivi, rispettivamente per eterotrasfusione e testosterone, e subito squalificati insieme alle loro squadre, la Astana (che aveva ben due corridori nei primi 10 al momento dell'esclusione) e la Cofidis. In più, pochi giorni dopo la conclusione, è venuto fuori che lo spagnolo Iban Mayo (classificatosi 16º) era risultato positivo all'EPO.

Ma l'avvenimento più eclatante è sicuramente l'esclusione in piena corsa della corrente maglia gialla Michael Rasmussen, avvenuta dopo la tappa 16, una tappa pirenaica vinta dal danese che in questo modo ribadiva la sua superiorità e vedeva sempre più vicina la vittoria. Per il corridore è risultato decisivo l'aver mentito quando, a metà giugno, gli fu chiesto di rivelare la sua posizione per sottoporsi a dei controlli antidoping: nonostante abbia dichiarato di trovarsi in Messico, grazie ad alcune frasi (involontarie) in diretta televisiva per la RAI dell'ex-ciclista Davide Cassani si è scoperto che in realtà era in Trentino-Alto Adige ad allenarsi.

Rasmussen, senza comunque essere stato mai trovato positivo ad alcun test, è stato squalificato dalla sua squadra, che quindi, al contrario di Astana e Cofidis, ha potuto rimanere in gara con gli altri suoi corridori.

Dettagli delle tappemodifica | modifica sorgente

modifica | modifica sorgente

Risultati[3]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 8'50"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 13"
3 Stati Uniti George Hincapie Discovery Ch. a 23"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 8'50"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 13"
3 Stati Uniti George Hincapie Discovery Ch. a 23"
Descrizione e riassunto

Il Tour è partito da Londra con un classico cronoprologo di 7,9 km. La frazione è stata vinta dallo svizzero Fabian Cancellara, campione del mondo a cronometro in carica, con il tempo di 8'50" e la media di 53,7 km/h. Tra i ciclisti partiti con ambizioni di classifica, si sono classificati bene il tedesco Andreas Kloden, secondo a 13" dal vincitore e beffato alla fine, il russo Vladimir Karpets, classificatosi a 26", e il kazako Aleksandr Vinokurov, a 30".[4]

1ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 1ª tappa.
Risultati[5]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Robbie McEwen Predictor 4h39'01"
2 Norvegia Thor Hushovd Crédit Agricole s.t.
3 Belgio Tom Boonen Quick Step s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 4h47'51"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 13"
3 Regno Unito David Millar Saunier Duval a 21"
Descrizione e riassunto

Prima tappa in linea della Grand Boucle, pianeggiante (anche se con tre Gran Premi della Montagna di quarta categoria) e adatta ai velocisti. Protagonista della frazione è stato il britannico David Millar, andato in fuga dopo soli 6,5 km e raggiunto poco dopo da quattro corridori, i francesi Stéphane Augé, Freddy Bichot, il bielorusso Aljaksandr Kučynski e l'ucraino Andrij Hrivko. I cinque hanno ottenuto un massimo vantaggio di 6'10" al chilometro 110, per essere poi ripresi uno dopo l'altro (ultimo Augé a 18 km) dal gruppo.

La tappa si è risolta, come previsto, in volata, e a prevalere è stato l'australiano Robbie McEwen, che ha staccato nell'ordine Thor Hushovd, Boonen, Sébastien Chavanel e Romain Feillu. Diverse cadute, compresa quella dello stesso McEwen, poi vincitore, a 22 km dal traguardo.[6]

2ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 2ª tappa.
Risultati[7]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Belgio Gert Steegmans Quick Step 3h48'22"
2 Belgio Tom Boonen Quick Step s.t.
3 Italia Filippo Pozzato Liquigas s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 8h36'13"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 13"
3 Regno Unito David Millar Saunier Duval a 21"
Descrizione e riassunto

La seconda tappa del Tour de France, completamente pianeggiante, portava da Dunkerque a Gand e presentava un altro arrivo adatto ai velocisti. La frazione è stata caratterizzata dalla fuga, durata 140 km, di tre corridori, lo spagnolo Rubén Pérez (Euskaltel-Euskadi), il francese Cédric Hervé (Agritubel) e il tedesco Marcel Sieberg (Team Milram).

Si sono verificate diverse cadute sull'asfalto reso viscido dalla pioggia. In una di queste, a 2,5 km dal traguardo, è rimasto coinvolta anche la maglia gialla Fabian Cancellara: lo svizzero, pur dolorante ad un gomito, ha tagliato il traguardo con 2'30" di ritardo potendo però mantenere il simbolo del primato grazie alla neutralizzazione dei tempi negli ultimi 3 km.

Sul rettilineo finale, in una volata che ha visto protagonisti solo 20 corridori, a spuntarla sono stati i due belgi della Quick Step, Gert Steegmans e Tom Boonen. Curiosamente, la tappa è stata vinta al fotofinish non da Boonen ma da Steegmans, che aveva tirato la volata al compagno di squadra. Terzo al traguardo l'italiano Filippo Pozzato.[8]

3ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 3ª tappa.
Risultati[9]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 6h36'15"
2 Germania Erik Zabel Milram s.t.
3 Italia Danilo Napolitano Lampre s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 15h12'08"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 33"
3 Regno Unito David Millar Saunier Duval a 41"
Descrizione e riassunto

Anche la terza tappa, la più lunga del Tour, con partenza in Belgio e arrivo a Compiègne, presentava percorso praticamente piatto, escluso un Gran Premio della Montagna di quarta categoria. La frazione ha avuto come protagonisti iniziali due corridori francesi, Vogondy (Agritubel) e Ladagnous (Française des Jeux); andati in fuga dopo soli 6 km, i due sono stati ripresi al chilometro 172 dall'altro francese Stéphane Augé (maglia a pois a fine giornata) e dal belga Willems.

Il vantaggio dei quattro, però, è andato via via esaurendosi grazie al lavoro della CSC. A 800 metri dall'arrivo è scattato Fabian Cancellara (CSC): dopo aver ripreso i fuggitivi a soli 500 metri dal traguardo, lo svizzero, leader della generale, è andato a trionfare in volata anticipando il ritorno dei velocisti (Erik Zabel è giunto secondo e Danilo Napolitano terzo). Con il successo di tappa e l'abbuono al traguardo, Cancellara ha anche aumentato di 20" il proprio vantaggio su Klöden.[10]

4ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 4ª tappa.
Risultati[11]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Norvegia Thor Hushovd Crédit Agricole 4h37'47"
2 Sudafrica Robert Hunter Barloworld s.t.
3 Spagna Óscar Freire Rabobank s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 19h49'55"
2 Norvegia Thor Hushovd Crédit Agricole a 29"
3 Germania Andreas Klöden Astana a 33"
Descrizione e riassunto

Quarta tappa ancora pianeggiante, con solo quattro Gran Premi della Montagna di quarta categoria. La corsa è stata caratterizzata dalla lunga fuga, partita al chilometro 30, di cinque corridori, gli spagnoli Flecha (Rabobank) e Verdugo (Euskaltel-Euskadi), i francesi Sprick (Bouygues Télécom) e Sylvain Chavanel (Cofidis), e il tedesco Knees (Team Milram).

I cinque hanno raggiunto un massimo vantaggio di 4 minuti, per poi essere ripresi dal gruppo a soli 5 km dall'arrivo. Come nelle tappe precedenti, la frazione si è decisa con una volata. A prevalere è stato il norvegese Thor Hushovd (Crédit Agricole), al primo successo stagionale, che sul traguardo ha preceduto il sudafricano Robert Hunter (Barloworld), lo spagnolo Óscar Freire (Rabobank) e il tedesco Erik Zabel (Milram). Cancellara ha conservato la maglia gialla, mentre Hushovd, grazie all'abbuono di 20", si è portato al secondo posto nella generale.[12]

5ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 5ª tappa.
Risultati[13]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Italia Filippo Pozzato Liquigas 4h39'01"
2 Spagna Óscar Freire Rabobank s.t.
3 Italia Daniele Bennati Lampre s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 24h28'56"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 33"
3 Italia Filippo Pozzato Liquigas a 35"
Descrizione e riassunto

La quinta tappa, 182,5 km da Chablis ad Autun, presentava un percorso vallonato con un Gran Premio della Montagna di terza categoria a 8,5 km dal traguardo. Anche in questa frazione si è presto staccata, dopo 20 km, una fuga composta da tre ciclisti, i francesi Sylvain Chavanel (Cofidis) e Bonnet (Crédit Agricole) e il belga Gilbert (Française des Jeux); a essi si è aggiunto, 40 km dopo, l'italiano Cheula (Barloworld). Il gruppo ha però rimontato e ripreso i quattro fuggitivi, prima Cheula e Bonnet, poi, a 8 km dal termine, Chavanel (nuova maglia a pois) e Gilbert.

Sono cominciati quindi gli scatti, tutti infruttuosi, di diversi corridori. La tappa si è infine risolta con una volata nella quale l'italiano Filippo Pozzato (Liquigas) ha avuto la meglio sullo spagnolo Óscar Freire e sull'altro italiano Daniele Bennati. Cancellara, protagonista di un dritto in discesa senza conseguenze, ha mantenuto la maglia gialla, mentre Pozzato, in virtù dell'abbuono, è balzato al terzo posto nella generale.

Da segnalare le cadute di Andreas Klöden (sospetta frattura del coccige), che non ha comunque subito ritardi, e quella, a 24 km dall'arrivo, di Aleksandr Vinokurov, che ha invece perso 1'20" da Cancellara.[14]

6ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 6ª tappa.
Risultati[15]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Belgio Tom Boonen Quick Step 5h20'29"
2 Spagna Óscar Freire Rabobank s.t.
3 Germania Erik Zabel Milram s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC 29h49'55"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 33"
3 Italia Filippo Pozzato Liquigas a 35"
Descrizione e riassunto

La sesta tappa del Tour de France era caratterizzata da un percorso piano, con soli due Gran Premi della Montagna di quarta categoria. Protagonista della giornata è stato il britannico Bradley Wiggins (Cofidis), partito in fuga solitaria dopo soli due chilometri dal via. Wiggins, oro olimpico nell'inseguimento ai Giochi di Atene 2004, è arrivato ad avere un massimo vantaggio di 17'30" prima che il gruppo, con in testa la CSC, cominciasse a tirare e lo raggiungesse a soli 7 chilometri dal traguardo.

L'arrivo, nuovamente in volata, ha infine visto lo scatto vincente del belga Tom Boonen (Quick Step) sullo spagnolo Óscar Freire e sul tedesco Erik Zabel. Cancellara ha mantenuto la maglia gialla, mentre Boonen ha fatto sua la maglia verde.[16]

7ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 7ª tappa.
Risultati[17]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Germania Linus Gerdemann T-Mobile 4h53'13"
2 Spagna Iñigo Landaluze Euskaltel a 40"
3 Spagna David de la Fuente Saunier Duval a 1'39"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Germania Linus Gerdemann T-Mobile 34h43'40"
2 Spagna Iñigo Landaluze Euskaltel a 1'24"
3 Spagna David de la Fuente Saunier Duval a 2'45"
Descrizione e riassunto

La settima tappa della corsa, la prima montagnosa, presentava come principale ostacolo il Col de la Colombière, massiccio di 1618 m sul quale era situato, 14,5 km prima del traguardo, un Gran Premio della Montagna di prima categoria. Al chilometro 40 è partita la fuga decisiva: sono andati via in nove (Gerdemann, Pérez, Fofonov, Martínez, Lefèvre, Vaugrenard, Landaluze, Savoldelli e de la Fuente), e a essi si sono in seguito aggiunti due drappelli di tre corridori (Iván Gutiérrez, Flecha e Tankink prima, Elmiger, Wegmann e Pineau dopo). Il gruppetto dei 15 è arrivato compatto al Col de la Colombière con 5 minuti di vantaggio sul peloton, e qui è scattato Linus Gerdemann.

Il tedesco è giunto solo al traguardo con 40" su Landaluze, 1'39" su de la Fuente e 3'38" sul gruppo dei migliori (escluso Mauricio Soler, che, scattato in salita, ha guadagnato 1'22" sugli altri capitani). Fabian Cancellara è ha tagliato il traguardo con 22'47" di ritardo e, come previsto, ha dovuto cedere il simbolo del primato, passato sulle spalle del vincitore di giornata Gerdemann.[18]

8ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico dell'8ª tappa.
Risultati[19]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 4h49'40"
2 Spagna Iban Mayo Saunier Duval a 2'47"
3 Spagna Alejandro Valverde C. d'Epargne a 3'12"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 39h37'42"
2 Germania Linus Gerdemann T-Mobile a 43"
3 Spagna Iban Mayo Saunier Duval a 2'39"
Descrizione e riassunto

L'ottava tappa del Tour de France, 165 km tra Savoia e Alta Savoia, presentava un tipico percorso alpino con ben tre Gran Premi della Montagna di prima categoria, il Cormet de Roselend di 1967 m a 65,5 km dal traguardo, il Montée d'Hauteville di 1639 m a 28,5 km dal traguardo, e il Montée de Tignes all'arrivo, a 2088 m.

La frazione ha avuto come assoluto protagonista il danese Michael Rasmussen (Rabobank), giunto vincitore in solitaria a Tignes dopo essere andato in fuga assieme ad altri 17 uomini pochi chilometri dopo il via. Dietro di lui si sono classificati gli spagnoli Iban Mayo, a 2'37", e Alejandro Valverde, a 3'12".

In classifica Rasmussen, che al mattino era in 39ª posizione, è risalito fino a conquistare maglia gialla e maglia a pois. Linus Gerdemann ha mantenuto il secondo posto, mentre dietro di lui si sono avvicinati, fra gli altri, Mayo, Valverde, Cadel Evans e Alberto Contador. Aleksandr Vinokurov e Andreas Klöden hanno perso 4'30", Michael Rogers si è invece ritirato per infortunio.[20]

9ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 9ª tappa.
Risultati[21]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Colombia Mauricio Soler Barloworld 4h14'24"
2 Spagna Alejandro Valverde C. d'Epargne a 38"
3 Australia Cadel Evans PRL s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 43h52'48"
2 Spagna Alejandro Valverde C. d'Epargne a 2'35"
3 Spagna Iban Mayo Saunier Duval a 2'39"
Descrizione e riassunto

Decima tappa del Tour de France, la nona in linea, giunta dopo un giorno di riposo, vinta da Mauricio Soler che raggiunge i fuggitivi della prima ora e li stacca sul Colle del Télégraphe scalandosi da solo il temibile Colle del Galibier.[22]

10ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 10ª tappa.
Risultati[23]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Francia Cédric Vasseur Quick Step 5h20'24"
2 Francia Sandy Casar F. des Jeux s.t.
3 Svizzera Michael Albasini Liquigas s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 49h23'48"
2 Spagna Alejandro Valverde C. d'Epargne a 2'35"
3 Spagna Iban Mayo Saunier Duval a 2'39"
Descrizione e riassunto

Undicesima tappa del Tour de France, la decima in linea, relativamente pianeggiante, decisa da una fuga di un nutrito gruppo di uomini che ha visto primeggiare Cédric Vasseur.[24]

11ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico dell'11ª tappa.
Risultati[25]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Sudafrica Robert Hunter Barloworld 3h47'50"
2 Svizzera Fabian Cancellara Team CSC s.t.
3 Brasile Murilo Fischer Liquigas s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 53h11'38"
2 Spagna Alejandro Valverde C. d'Epargne a 2'35"
3 Spagna Iban Mayo Saunier Duval a 2'39"
Descrizione e riassunto

Dodicesima tappa del Tour de France, l'undicesima in linea, pianeggiante, finita come da previsioni in uno sprint di gruppo dominato dal sudafricano della Barloworld Robert Hunter.[26]

12ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 12ª tappa.
Risultati[27]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Belgio Tom Boonen Quick Step 4h25'32"
2 Germania Erik Zabel Milram s.t.
3 Sudafrica Robert Hunter Barloworld s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 57h37'10"
2 Spagna Alejandro Valverde C. d'Epargne a 2'35"
3 Spagna Iban Mayo Saunier Duval a 2'39"
Descrizione e riassunto

Tredicesima tappa del Tour de France, la dodicesima in linea, pianeggiante, finita in uno sprint di gruppo.[28]

13ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 13ª tappa.
  • 21 luglio: Albi > AlbiCronometro individuale – 54 km
Risultati[29]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Australia Cadel Evans Predictor 1h07'48"
2 Germania Andreas Klöden Astana a 25"
3 Kazakistan Andrej Kašečkin Astana a 30"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 58h46'39"
2 Australia Cadel Evans Predictor a 1'00"
3 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. a 2'31"
Descrizione e riassunto

Tredicesima tappa del Tour de France, la prima cronometro. La frazione, vinta da Aleksandr Vinokurov, verrà poi assegnata al secondo, Cadel Evans, a seguito della positività del kazako.[30]

14ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 14ª tappa.
Risultati[31]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 5h25'48"
2 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank s.t.
3 Colombia Mauricio Soler Barloworld a 37"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 64h12'15"
2 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. a 2'23"
3 Australia Cadel Evans Predictor a 3'04"

15ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 15ª tappa.
Risultati[32]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Lussemburgo Kim Kirchen T-Mobile 5h35'19"
2 Spagna Haimar Zubeldia Euskaltel s.t.
3 Spagna Juan José Cobo Saunier Duval a 7"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 69h52'14"
2 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. a 2'23"
3 Australia Cadel Evans Predictor a 4'00"

16ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 16ª tappa.
Risultati[33]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 6h23'21"
2 Stati Uniti Levi Leipheimer Discovery Ch. a 26"
3 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. a 35"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Danimarca Michael Rasmussen Rabobank 76h15'15"
2 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. a 3'10"
3 Australia Cadel Evans Predictor a 5'03"

17ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 17ª tappa.
Risultati[34]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Italia Daniele Bennati Lampre 4h14'04"
2 Germania Markus Fothen Gerolsteiner s.t.
3 Svizzera Martin Elmiger AG2R Prév. s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 80h42'08"
2 Australia Cadel Evans Predictor a 1'53"
3 Stati Uniti Levi Leipheimer Discovery Ch. a 2'49"

18ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 18ª tappa.
Risultati[35]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Francia Sandy Casar F. des Jeux 5h13'31"
2 Belgio Axel Merckx T-Mobile a 1"
3 Francia Laurent Lefèvre Bouygues Tél. s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 86h04'16"
2 Australia Cadel Evans Predictor a 1'50"
3 Stati Uniti Levi Leipheimer Discovery Ch. a 2'49"

19ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 19ª tappa.
Risultati[36]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Stati Uniti Levi Leipheimer Discovery Ch. 1h02'44"
2 Australia Cadel Evans Predictor a 51"
3 Russia Vladimir Karpets C. d'Epargne a 1'56"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 87h04'18"
2 Australia Cadel Evans Predictor a 23"
3 Stati Uniti Levi Leipheimer Discovery Ch. a 31"

Nell'ultima occasione per ribaltare il Tour lo spagnolo Contador parte con 1'50" di vantaggio su Cadel Evans,più adatto di lui nelle prove a cronometro.Sebbene l'australiano disputi una ottima cronometro piazzandosi secondo dietro a Leipheimer lo spagnolo riesce a limitare i danni e a mantenere la maglia gialla sul suo rivale per soli 23" .

20ª tappamodifica | modifica sorgente

Profilo altimetrico della 19ª tappa.
Risultati[37]
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Italia Daniele Bennati Lampre 3h51'03"
2 Norvegia Thor Hushovd Crédit Agricole s.t.
3 Germania Erik Zabel Milram s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 91h00'26"
2 Australia Cadel Evans Predictor a 23"
3 Stati Uniti Levi Leipheimer Discovery Ch. a 31"

Evoluzione delle classifichemodifica | modifica sorgente

Tappa Vincitore Classifica generale
Maglia gialla
Classifica a punti
Maglia verde
Classifica scalatori
Maglia a pois
Classifica giovani
Maglia bianca
Classifica a squadre
Numero giallo
Prol. Fabian Cancellara Fabian Cancellara Fabian Cancellara non assegnata Vladimir Gusev Astana
Robbie McEwen Robbie McEwen David Millar
Gert Steegmans Tom Boonen
Fabian Cancellara Stéphane Augé
Thor Hushovd
Filippo Pozzato Erik Zabel Sylvain Chavanel Team CSC
Tom Boonen Tom Boonen
Linus Gerdemann Linus Gerdemann Linus Gerdemann T-Mobile Team
Michael Rasmussen Michael Rasmussen Michael Rasmussen Rabobank
Mauricio Soler Alberto Contador Caisse d'Epargne
10ª Cédric Vasseur Team CSC
11ª Robert Hunter
12ª Tom Boonen
13ª Aleksandr Vinokurov[2]
Cadel Evans
Astana
14ª Alberto Contador Discovery Channel
15ª Aleksandr Vinokurov[2]
Kim Kirchen
Astana
16ª Michael Rasmussen Mauricio Soler Discovery Channel
17ª Daniele Bennati Alberto Contador
18ª Sandy Casar
19ª Levi Leipheimer
20ª Daniele Bennati
Classifiche finali Alberto Contador Tom Boonen Mauricio Soler Alberto Contador Discovery Channel

Classifiche finalimodifica | modifica sorgente

Classifica generale - Maglia giallamodifica | modifica sorgente

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 91h00'26"
2 Australia Cadel Evans Predictor a 23"
3 Stati Uniti Levi Leipheimer Discovery Ch. a 31"
4 Spagna Carlos Sastre Team CSC a 7'08"
5 Spagna Haimar Zubeldia Euskaltel a 8'17"
6 Spagna Alejandro Valverde C. d'Epargne a 11'37"
7 Lussemburgo Kim Kirchen T-Mobile a 12'18"
8 Ucraina Yaroslav Popovych Discovery Ch. a 12'25"
9 Spagna Mikel Astarloza Euskaltel a 14'14"
10 Spagna Óscar Pereiro C. d'Epargne a 14'25"

Classifica a punti - Maglia verdemodifica | modifica sorgente

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Belgio Tom Boonen Quick Step 256
2 Sudafrica Robert Hunter Barloworld 234
3 Germania Erik Zabel Milram 232
4 Norvegia Thor Hushovd Crédit Agricole 186
5 Francia Sébastien Chavanel F. des Jeux 181

Classifica scalatori - Maglia a poismodifica | modifica sorgente

Pos. Corridore Squadra Punti
1 Colombia Mauricio Soler Barloworld 206
2 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 128
3 Ucraina Yaroslav Popovych Discovery Ch. 105
4 Australia Cadel Evans Predictor 92
5 Francia Laurent Lefèvre Bouygues Tél. 85

Classifica giovani - Maglia biancamodifica | modifica sorgente

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Spagna Alberto Contador Discovery Ch. 91h00'26"
2 Colombia Mauricio Soler Barloworld a 16'51"
3 Spagna Amets Txurruka Euskaltel a 49'34"
4 Austria Bernhard Kohl Gerolsteiner a 1h13'27"
5 Bielorussia Kanstancin Siŭcoŭ Barloworld a 1h15'16"

Classifica a squadre - Numero giallomodifica | modifica sorgente

Pos. Squadra Tempo
1 Stati Uniti Discovery Channel 273h12'52"
2 Spagna Caisse d'Epargne a 19'36"
3 Danimarca Team CSC a 22'10"
4 Paesi Bassi Rabobank a 36'24"
5 Spagna Euskaltel-Euskadi a 46'46"

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Choc al Tour: Rasmussen cacciato dalla sua squadra in La Gazzetta dello Sport, 24 luglio 2007. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  2. ^ a b c d Vittoria assegnata d'ufficio nell'aprile 2008, dopo che il vincitore della frazione, Aleksandr Vinokurov, era stato trovato positivo ad un controllo antidoping effettuato durante la competizione.
  3. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Prologue, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  4. ^ Cancellara incanta Londra in www.gazzetta.it, 07 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  5. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 1, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  6. ^ McEwen, sprint regale in www.gazzetta.it, 08 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  7. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 2, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  8. ^ Vince il belga sbagliato Steegmans beffa Boonen in www.gazzetta.it, 09 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  9. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 3, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  10. ^ Cancellara, sprint da urlo in www.gazzetta.it, 10 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  11. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 4, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  12. ^ Hushovd, finalmente la prima in www.gazzetta.it, 11 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  13. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 5, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  14. ^ Ad Autun l'urlo di Pozzato in www.gazzetta.it, 12 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  15. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 6, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  16. ^ La rivincita di Boonen in www.gazzetta.it, 13 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  17. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 7, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  18. ^ Tour, impresa di Gerdemann in www.gazzetta.it, 14 luglio 2007. URL consultato il 22-05-2009.
  19. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 8, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  20. ^ Tour, il giorno di Rasmussen in www.gazzetta.it, 15 luglio 2007. URL consultato il 24-05-2009.
  21. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 9, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  22. ^ Soler è un gigante in www.gazzetta.it, 17 luglio 2007. URL consultato il 26-05-2009.
  23. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 10, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  24. ^ Tour, zampata di Vasseur La tv tedesca però spegne in www.gazzetta.it, 18 luglio 2007. URL consultato il 26-05-2009.
  25. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 11, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  26. ^ Il Sudafrica spunta al Tour in www.gazzetta.it, 19 luglio 2007. URL consultato il 26-05-2009.
  27. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 12, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  28. ^ Boonen viaggia in Eurostar in www.gazzetta.it, 20 luglio 2007. URL consultato il 26-05-2009.
  29. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 13, www.letour.fr. URL consultato il 22-05-2009.
  30. ^ Vinokourov è un leone in www.gazzetta.it, 21 luglio 2007. URL consultato il 26-05-2009.
  31. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 14, www.letour.fr. URL consultato il 26-05-2009.
  32. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 15, www.letour.fr. URL consultato il 26-05-2009.
  33. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 16, www.letour.fr. URL consultato il 26-05-2009.
  34. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 17, www.letour.fr. URL consultato l'08-06-2009.
  35. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 18, www.letour.fr. URL consultato l'08-06-2009.
  36. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 19, www.letour.fr. URL consultato il 19-06-2009.
  37. ^ (EN) Tour de France - 2007 - Stage 20, www.letour.fr. URL consultato il 19-06-2009.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo







Creative Commons License