Tullio Lanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tullio Lanese
Tullio Lanese.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Nome Tullio Lanese
Sezione Messina
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1978 - 1992 Serie A e B Arbitro
Attività internazionale
1985 - 1992 UEFA e FIFA Arbitro
Premi
Anno Premio
1978 Premio Florindo Longagnani

Tullio Lanese (Messina, 10 gennaio 1947) è un ex arbitro di calcio italiano, nonché ex Presidente dell'AIA.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Arbitromodifica | modifica sorgente

Siciliano di Messina, è stato per anni uno dei più celebri fischietti del campionato di calcio italiano. Dal 1986 al 1992 ha ricoperto la qualifica di arbitro internazionale, dirigendo in totale 38 incontri, comprese alcune partite della fase finale del Campionato mondiale di calcio 1990: Brasile-Svezia 2-1 a Torino, Uruguay-Corea del Sud 1-0 a Udine, l'ottavo di finale a Napoli Camerun-Colombia (2-1 dopo i tempi supplementari), incarico quest'ultimo che ha condiviso con il collega Luigi Agnolin. Ha diretto, inoltre, alle Olimpiadi di Seoul nel 1988 la partita tra i padroni di casa della Corea del Sud e i futuri campioni olimpici dell'URSS, terminata a reti bianche, ai mondiali FIFA under 20 del 1989 in Arabia Saudita e la semifinale del Campionato europeo di calcio 1992 Svezia-Germania (2-3). Ebbe la soddisfazione di dirigere a Bari la finale di Coppa dei Campioni 1990-1991 Stella Rossa-Olympique Marsiglia.

In ambito nazionale, tra il 1978 e il 1992 ha diretto 159 partite di Serie A, tra cui numerose "classiche" del campionato: tre Juventus-Inter, un Derby di Milano, un Juventus-Milan, due Inter-Roma, 3 Milan-Roma, due Derby della Lanterna e lo spareggio per l'accesso in Coppa UEFA 1987-1988 Milan-Sampdoria. Ha diretto anche due finali di Coppa Italia (1986 e 1989), e la finale di Supercoppa italiana 1991.

Dirigentemodifica | modifica sorgente

Dopo aver ricoperto dal 1994 al 1998 il ruolo di designatore degli arbitri di serie C, è stato Presidente dell'AIA. Fino al 2006 è stato osservatore degli arbitri UEFA.

Lo scandalo di Calciopolimodifica | modifica sorgente

Per effetto dello scandalo del calcio italiano del 2006, si dimette dalla carica di Presidente dell'AIA: al termine del processo sportivo è stato condannato dalla Corte Federale all'inibizione per 2 anni e 6 mesi, pena poi diminuita dalla Camera di Conciliazione e Arbitrato del CONI ad 1 anno, venendo sostituito alla Presidenza da Luigi Agnolin, in qualità di Commissario straordinario.

Per quanto invece concerne l'inchiesta sotto il profilo penale, la Procura di Napoli ha chiesto il rinvio a giudizio di Lanese per il reato di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva, e il processo si è concluso in primo grado con la condanna a 2 anni di reclusione.

Il 5 dicembre 2012 la IV sezione della Corte d'Appello di Napoli ha ribaltato la sentenza di primo grado assolvendolo.

Il 17 ottobre 2012 la Corte dei conti ha condannato Lanese, insieme agli arbitri coinvolti nello scandalo, a risarcire la Federcalcio con l'accusa di danno all'immagine. L'ex arbitro dovrà versare 500.000 euro.[1]

Politicamodifica | modifica sorgente

Nel 2008 viene candidato dall'UDC alle elezioni regionali in Sicilia, non risultando però eletto.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Calciopoli, la Corte dei conti condanna gli arbitri: 4 milioni di danni alla Figc, Corriere della Sera, 17 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License