Ugo Macera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ugo Macera

Ugo Macera (Lecce nei Marsi, 5 novembre 1914Roma, 5 agosto 2010) è stato un poliziotto e funzionario italiano.

È stato capo della Squadra mobile di Roma, questore di Agrigento, Salerno e Roma, direttore della Criminalpol e prefetto di 1ª categoria.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ha conseguito due lauree, una in legge ed una in scienze politiche. Si è poi specializzato in Medicina legale. Ha inoltre frequentato la Scuola di Cavalleria di Pinerolo, da cui è uscito col grado di ufficiale, e la Scuola di Osservazione Aerea di Cerveteri.

Come ufficiale di Cavalleria, ha partecipato ad azioni di guerra in Albania. In seguito ad un'impresa aerea a Capo Tindari, durante la quale neutralizzò un sommergibile nemico, gli fu conferita la croce di guerra al valor militare.

Entrato nella Polizia, veniva nominato commissario di pubblica sicurezza nel Commissariato romano di Villa Glori, e poi capo della Squadra Mobile di Roma. Nel 1954 organizzava l'operazione che conduceva alla cattura del bandito Luigi Dejana. Nel 1958, per il delitto di Maria Martirano a Via Monaci, a Roma, le sue indagini portavano all'incriminazione di Giovanni Fenaroli e Raoul Ghiani[1].

Nel 1962, in qualità di questore di Agrigento, coordinava l'operazione di recupero dell'Efebo di Selinunte, trafugato dal Museo di Castelvetrano.

Nel 1964, come capo della Criminalpol, infiltrava sotto copertura la comunità italiana di Melbourne, Australia, aiutando così le autorità locali a debellare le cosche criminali di esportazione. Un giornale dell'epoca riportava la storia con il titolo «Ha fatto tacere la lupara in Australia»[2][3].

Prezioso il suo contributo come scorta di insigni personalità della politica e della diplomazia, italiane e straniere, sia sul territorio nazionale sia in missione all'estero, come nel caso del viaggio a Londra del 1964 al seguito dell'allora Presidente del Consiglio Aldo Moro.

Nominato questore di Salerno nel 1970, faceva estendere all'agro nocerino-sarnese la Legge Antimafia, valida fino ad allora solo per la Sicilia.

Nel 1973, in seguito all'attentato terroristico ad un aereo della Pan American, con un bilancio di 32 morti, era nominato direttore della sicurezza degli aeroporti di Fiumicino e Ciampino[4].

Divenuto vicecapo della Polizia nel 1977, si occupava personalmente della liberazione dal sequestro di sua nipote Patrizia Spallone a Torvajanica[5].

È in seguito questore di Roma e quindi prefetto di 1ª categoria. Per gli alti meriti conseguiti nei servigi prestati allo Stato italiano, gli è stato conferito il titolo di cavaliere di gran croce.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 15 luglio 1981[6]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 dicembre 1977[7]
Croce di guerra al Valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al Valor militare
Cavaliere di grazia magistrale dell'Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di grazia magistrale dell'Ordine di Malta

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Fulvio Di Lieto. Il caso Fenaroli, marzo 2008
  2. ^ Andrea Barbato. Ha fatto tacere la lupara in Australia. «Il Giorno», 21 giugno 1964.
  3. ^ Zeno Dardi. Coronate dal successo le indagini d'un brillante agente della Polizia italiana. «Il Globo», giugno 1964.
  4. ^ Macera: l'esperienza unita al coraggio. «Il Tempo», dicembre 1973.
  5. ^ Leonardo Gorra. Ha lottato e l'hanno narcotizzata (il rapimento di Patrizia Spallone). «Paese Sera», 23 aprile 1977.
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  7. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License