Ulderico Munzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ulderico Munzi (Roma, 17 aprile 1932[1]) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ulderico Munzi è stato inviato speciale, dal 1962 al 1975, de Il Resto del Carlino di Bologna e de La Nazione di Firenze. Nel 1975 è stato assunto al Corriere della Sera diretto da Piero Ottone diventando in seguito inviato speciale. Nel 1985, quando era direttore del Corriere della Sera Piero Ostellino, è stato nominato corrispondente da Parigi. Ha collaborato all'Espresso, diretto da Giulio Anselmi e Giampaolo Pansa, e a La Stampa di Torino. Ha scritto libri di storia e saggi ("Matusa", "Scandali italiani", "Un'altra Parigi", "L'uomo che poteva salvare il Duce", "Il Romanzo del Rex", "Le donne di Salò", "Gesù in camicia nera, Gesù partigiano", "Gli aquiloni non volano più", "Il generale" per diverse case editrici tra le quali Frassinelli, Sperling & Kupfer e Colla. Ultimamente, nel mese di luglio 2011, ha pubblicato per la casa editrice Marsilio di Venezia, di cui è presidente il professor Cesare de Michelis, il suo primo romanzo intitolato "Mussolini e il mostro di Tolmezzo". Vive in Francia.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Ordine dei Giornalisti - Elenco iscritti - Professionisti. URL consultato il 12 dicembre 2012.







Creative Commons License