Umberto Casilini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Umberto Casilini (Bologna, 4 novembre 1880Torino, 8 marzo 1942) è stato un attore italiano del teatro, del cinema e della radio.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Appartenente ad un'illustre famiglia di attori teatrali, esordì come «amoroso» nella compagnia teatrale di Bianca Iggius, per poi passare nel 1904 a quella di Emma Gramatica e Leo Orlandini dove fu «primo attore giovane».

Divenuto «attore brillante» nel 1914, due anni dopo esordì nel cinema con il film Buon sangue non mente. Sul grande schermo, Casilini vanta un discreto numero di apparizioni tra il 1916 e il 1942, solitamente in ruoli secondari.

Chiamato alle armi durante la prima guerra mondiale, dove combatté con il ruolo di capitano, riprese l'attività teatrale nel 1918, e passò nelle compagnie di Cesare Dondini, Armando Falconi e nuovamente in quella della Gramatica, dove divenne «primo attore».

Nel 1924 formò una compagnia teatrale in società con Letizia Bonini e Calisto Beltramo, che durò fino al 1929. Fu poi «caratterista» nelle compagnie di Tatiana Pavlova, nella Tofano-De Sica-Rissone e in quella di Antonio Gandusio.

Nel 1930 fu direttore dell'Accademia Luigi Rasi di Ravenna. Successivamente, Casilini si dedicò anche alla prosa radiofonica presso gli studi EIAR di Torino.

Teatrografiamodifica | modifica sorgente

Filmografia parzialemodifica | modifica sorgente

Prosa radiofonicamodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • AA.VV. - Enciclopedia dello Spettacolo vol. 3 - ed. varie.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License