Una notte all'opera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi A Night at the Opera.
Una notte all'opera
Una nit a l'òpera - intertitle.jpg
Titolo originale A Night at the Opera
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1935
Durata 96 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere comico
Regia Sam Wood
Soggetto James Kevin McGuinness
Sceneggiatura George S. Kaufman,
Morrie Ryskind,
non accreditati:
Al Boasberg,
Buster Keaton
Produttore Irving Thalberg
Casa di produzione MGM
Fotografia Merritt B. Gerstad
Montaggio William LeVanway
Musiche Nacio Herb Brown, Walter Jurmann, Bronislau Kaper, Herbert Stothart
Scenografia Cedric Gibbons, Edwin B. Willis
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Doppiaggio del 1940:

Doppiaggio del 1980:

Una notte all'opera è un film comico statunitense del 1935.

Nel 1993 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Nel 2007 l'AFI lo ha inserito all'ottantacinquesimo posto nella classifica dei migliori cento film americani di tutti i tempi, e nel 2000 lo ha inserito al dodicesimo posto nella classifica delle migliori cento commedie americane di tutti i tempi.

La tramamodifica | modifica sorgente

Un eccentrico impresario teatrale newyorkese (Groucho Marx), convince una ricca vedova (Margaret Dumont) a investire una forte somma di denaro a favore del Metropolitan Opera House di New York, somma che servirà per ingaggiare il famoso tenore Lasspari. Ma per errore egli scritturerà un giovane tenore disoccupato, innamorato di un affascinante soprano, ed insieme ad altri due allegri mattacchioni (Harpo Marx e Chico Marx) parte con lui per l'America. Dopo mille peripezie il giovane tenore verrà scritturato dall'Opera di New York e coronerà il suo sogno d'amore, mentre i tre fratelli montano un vero putiferio.

Il castmodifica | modifica sorgente

Una notte all'opera è il primo film dei Marx in cui non compare Zeppo che, non trovando valide alternative al ruolo di spalla dei fratelli, e spesso costretto a ripiegare sul meno prestigioso ruolo di "amoroso", aveva deciso di abbandonare le scene per intraprendere l'attività di agente teatrale. L’elemento romantico del film venne quindi affidato al tenore Allan Jones e a Kitty Carlisle, con i Marx impegnati nel ruolo di angeli tutelari della loro storia d’amore. Durante lo spettacolo lirico all'Opera di New York, i tre fanno una memorabile irruzione in scena, con l’orchestra che passa dalla sinfonia de Il trovatore di Giuseppe Verdi al popolare motivo Take me out to the ball game.

Produzionemodifica | modifica sorgente

Il film, girato nel 1935, segnò il passaggio dei fratelli Marx dalla Paramount alla Metro Goldwyn Mayer, sotto l'egida del noto produttore Irving Thalberg, che li scritturò con l'idea di valorizzare al massimo il loro delirante estro comico. La pellicola si propone come una sferzante satira della buona società, ipocrita e fatua, e della "santità" della musica operistica.

Thalberg affidò la regia a Sam Wood e richiamò George S. Kaufman e Morrie Ryskind, già autori di The Cocoanuts e di Animal Crackers, i quali lavorarono al soggetto di Una notte all'opera insieme con altri scrittori, tra i quali Bert Kalmar, Harry Ruby e il commediografo Al Boasberg, considerato un maestro delle gag. Per tastare la validità delle scene, Thalberg ebbe inoltre la brillante idea di allestire una compagnia di giro per verificare sul pubblico dei teatri, in alcune città di provincia, il copione che gli sceneggiatori stavano cucendo addosso ai tre comici.

Il successo del film fu sensazionale, con incassi clamorosi che raggiunsero i tre milioni di dollari.

Citazionimodifica | modifica sorgente

  • A Night at the Opera è anche il titolo di un album dei Queen pubblicato nel 1975 che contiene, tra le altre, Bohemian Rhapsody.
  • Almeno due gag indimenticabili: la scena della cabina del transatlantico, che man mano si riempie di persone fino a "scoppiare", e quella in cui i tre fratelli portano scompiglio durante la rappresentazione de Il trovatore.

Remakemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Names 25 More Films to National Film Registry, Library of Congress, 14 dicembre 1993. URL consultato il 5 gennaio 2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema







Creative Commons License