Valentin Bulgakov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valentin Bulgakov con Tolstoj, nel 1910

Valentin Fëdorovič Bulgakov (in russo: Валенти́н Фёдорович Булга́ков[?]; Kuzneck, 25 novembre 1886Jasnaja Poljana, 22 settembre 1966) è stato uno scrittore e pacifista russo.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Affascinato dalla dottrina tolstoiana, fu chiamato nel 1910, dopo essere stato raccomandato da Čertkòv[1], come segretario privato di Lev Tolstoj, al quale fu dunque vicino nell'ultimo anno di vita.

Raccontò poi di questa esperienza nella biografia L'ultimo anno di Lev Tolstoj, che ispirò il libro di Jay Parini L'ultima stazione: il romanzo degli ultimi giorni di Tolstoj, da cui nel 2009 è stato tratto il film The Last Station.

Fu autore anche di altri scritti su Tolstoj, e divenne uno degli organizzatori dei musei dedicati al celebre narratore.[2]

Il pacifismo radicale teorizzato da Bulgakov, e ispirato ai precetti cristiani, fu da lui esposto nel libro Etica cristiana (1917).

Emigrò a Praga dopo la rivoluzione d'ottobre.

Operemodifica | modifica sorgente

  • Etica cristiana, 1917
  • Lev Tolstoi v posliednii god ego zhizni, 1920
  • L'ultimo anno di Lev Tolstoj, 1971
  • Slovar Russkykh Zarubezhnikh Pisatelei, 1993

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Cfr. la nota in Sof'ja Tolstaja, I diari: 1862-1910, La Tartaruga edizioni, Milano, 2010, p. 260. ISBN 978-88-7738-485-0.
  2. ^ Julia D. Jadovker, nota in Tatjana Tolstaja, Lettere dalla Rivoluzione, traduzione di Giovanna Tonelli, Liberal Libri, Firenze, 1998, p. 24. ISBN 88-8270-011-9.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 71432133 LCCN: nr90001352








Creative Commons License