Vangeli giudeo-cristiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I tre vangeli detti giudeo-cristiani, in uso tra i cristiani dei primi secoli rimasti legati alla tradizione religiosa giudaica, sono andati perduti. Ci è giunta traccia di essi solo attraverso testimonianze indirette e occasionali fornite da alcuni Padri della Chiesa. Se esiste una certa tendenza nella comunità scientifica a ricondurli verso un unico vangelo (anche sulla scia delle citazioni patristiche[1]), detto appunto vangelo degli Ebrei [2] (ritenuto verosimilmente dai Padri della Chiesa come il vangelo originario di Matteo[1] privo almeno della parte iniziale, la genealogia di Gesù [3]), oggi ci sono anche due teorie differenti[2][4]. La prima identifica nel vangelo degli Ebrei anche il cosiddetto vangelo dei Nazarei [5], e nel vangelo degli Ebioniti il cosiddetto vangelo dei Dodici. A supporto di questa ipotesi la probabilità che, sulla base dei riferimenti pervenutici, il vangelo degli Ebioniti sia stato composto con il contributo fondamentale dei tre vangeli sinottici (Matteo, Marco, Luca), e pertanto appare difficile il riferimento ad un unico vangelo aramaico per questi tre testi citati dai ‘’Padri’’[6]. Una seconda ipotesi parla di tre entità distinte: (vangelo degli Ebrei, vangelo dei Nazarei e vangelo degli Ebioniti.

Testimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b James Keith Elliott, “The Apocryphal New Testament: A Collection of Apocryphal Christian Literature”, Oxford University Press, 2005, p. 3
  2. ^ a b Wilhelm Schneemelcher, R McL Wilson, New Testament Apocrypha: Gospels and Related Writings, Westminster John Knox Press, 1991, p.135
  3. ^ Vangelo degli Ebrei
  4. ^ Paul Foster, "The Apocryphal Gospels: A Very Short Introduction", Oxford University Press, 2009
  5. ^ James Keith Elliott, “The Apocryphal New Testament: A Collection of Apocryphal Christian Literature”, Oxford University Press, 2005, p. 4
  6. ^ James Keith Elliott, “The Apocryphal New Testament: A Collection of Apocryphal Christian Literature”, Oxford University Press, 2005, p. 5

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License