Venanzio Gabriotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Venanzio Gabriotti

Venanzio Gabriotti (Città di Castello, 26 aprile 1883Città di Castello, 9 maggio 1944) è stato un antifascista e militare italiano, Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di un artigiano garibaldino[1], partecipò come volontario alla Prima guerra mondiale, ottenendo durante tale conflitto la promozione a tenente e due medaglie d'argento, due medaglie di bronzo e una croce di guerra al valor militare[2]. Ricevette inoltre la cittadinanza onoraria dei comuni di Arsié e Giustino per l'assistenza garantita alla popolazione dai suoi reparti[1].

Gravemente ferito, dopo la guerra fu nominato presidente dell'Associazione Mutilati e Invalidi di Città di Castello[2]. Negli anni venti fu anche segretario provinciale del Partito Popolare Italiano, ed in seguito fu tra i fondatori della Democrazia Cristiana (1942-43)[1].

Punto di riferimento per gli antifascisti dell'Alta Valle del Tevere durante tutto il Ventennio[3], Gabriotti, che nel frattempo era stato promosso a tenente colonnello[4], dopo l'Armistizio di Cassibile organizzò formazioni partigiane e fu membro del CLN nella sua città. Presiedendo il Comitato Clandestino di Soccorso e Liberazione tenne i contatti con il comando della Brigata "San Faustino" che operava nei dintorni di Città di Castello. Fu catturato dai fascisti il 5 maggio 1944[5] e rinchiuso nella locale caserma dei carabinieri. Consegnato alle SS tedesche, dopo alcuni giorni di serrati interrogatori e torture[4], fu fucilato, senza processo,[2] sul greto del torrente Scatorbia nei pressi della chiesetta di Santa Maria del Latte[4] da un plotone della Guardia Nazionale Repubblicana[5].

A Venanzio Gabriotti sono intitolate, fra le altre cose, una delle piazze principali di Città di Castello[3] e il locale Istituto di Storia Politica Sociale[6].

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Stele in memoria di Venanzio Gabriotti a Città di Castello
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
— Prima guerra mondiale
2 Medaglie di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria 2 Medaglie di bronzo al valor militare
— Prima guerra mondiale
2 Medaglie d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria 2 Medaglie d'argento al valor militare
— Prima guerra mondiale
Medaglia d'oro al valor militare (alla memoria) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare (alla memoria)
«Volontario di guerra, valoroso combattente della campagna 1915-1918, decorato di due medaglie d’argento, due medaglie di bronzo e di una croce al V.M., gravemente ferito e promosso per merito di guerra. Cittadino ottimo, costantemente sollecito verso gli ideali di libertà e di Patria, subito dopo l’armistizio partecipava al movimento di liberazione attivamente adoperandosi come organizzatore e come animatore. Tratto in arresto e ripetutamente interrogato manteneva esemplare contegno nulla rivelando ed affrontava, da soldato valoroso, la morte nel nome della Patria che aveva sempre fedelmente servita[7].»
— Città di Castello, 9 maggio 1944.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Chi era Venanzio Gabriotti in Istituto di Storia Politica Sociale "Venanzio Gabriotti". URL consultato il 04-09-2009.
  2. ^ a b c Venanzio Gabriotti in ANPI.it. URL consultato il 04-09-2009.
  3. ^ a b Venanzio Gabriotti: il ricordo nel 60° della fucilazione in La Voce - Pagine diocesane, 07-05-2004. URL consultato il 04-09-2009.
  4. ^ a b c Venanzio Gabriotti in INSMLI - Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia. URL consultato il 04-09-2009.
  5. ^ a b Pietro Malvezzi e Giovanni Pirelli (a cura di), Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (8 settembre 1943 - 25 aprile 1945), 16ª ed., Torino, Einaudi [1952], 2003, pag. 126. ISBN 978-88-06-17886-4.
  6. ^ Istituto di Storia Politica Sociale "Venanzio Gabriotti". URL consultato il 04-09-2009.
  7. ^ Onorificenze - Dettaglio del decorato in Presidenza della Repubblica. URL consultato il 04-09-2009.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License