Tram ATM serie 1500

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vettura a carrelli tipo 1928)
Tram ATM serie 1500
Vettura tranviaria a carrelli
Vettura n. 1503, restaurata e riportata allo stato d'origine
Vettura n. 1503, restaurata e riportata allo stato d'origine
Anni di costruzione 1927-1930
Anni di esercizio 1928-...
Quantità prodotta 502
Costruttore Breda, Carminati & Toselli, OEFT, OM, OML, Reggiane
Lunghezza 13.890 mm
Larghezza 2.350 mm
Altezza 3.230 mm
Capacità 29 posti a sedere
101 posti in piedi
Quota del piano di calpestio 742 mm
Scartamento 1.445 mm
Interperno 7.200 mm
Passo dei carrelli 1.625 mm
Massa vuoto 15 t
Rodiggio Bo'Bo'
Velocità massima omologata 42 km/h
Tipo di motore Ansaldo LC 221
Dati tratti da:
Cornolò, Severi, Top. cit., pp. 92–93
ATM Milano - tram storici serie 1928
La vettura 1544 in livrea a due toni di verde

Le vetture tranviarie serie 1500 dell'ATM di Milano (note anche come "vetture a carrelli" o "tram tipo 1928") sono una serie di motrici tranviarie urbane.

Storiamodifica | modifica sorgente

Benché comunemente note come Ventotto, il primo prototipo realizzato vede la luce un anno prima, nel 1927, immatricolato con il numero 1501. Un secondo prototipo, immatricolato poi 1502, viene completato per lo stesso anno, sempre dalla Carminati & Toselli.

Il posto di comando

Nel giro di due anni (1928-1930) vengono realizzate altre 500 unità, destinate a rivoluzionare e rinnovare il parco tranviario milanese. Costruite con la collaborazione di varie aziende del settore, presero servizio effettivo dal 1929 con le numerazioni da 1503 a 2002. Originariamente a due porte, fin dal 1931 si decide di aggiungerne una terza (dapprima mezza-porta) per facilitare i flussi dei passeggeri e l'accesso al salottino fumatori in coda alla vettura. In quell'anno, la postazione centrale del bigliettario viene spostata, per consentire il pagamento all'ingresso, in conformità con la recente normativa sulla salita e discesa dai mezzi pubblici.

Con i pesanti bombardamenti del 1943, molte unità vengono danneggiate dagli incendi provocati dalle bombe lanciate dagli Alleati. La loro robusta ossatura, però, fa sì che al termine del conflitto mondiale vengano ricostruite senza troppi problemi, tutte eccetto la 1624, andata irrimediabilmente perduta.

La vettura 2000 in livrea arancio, introdotta nella seconda metà degli anni settanta

All'inizio degli anni settanta i tram abbandonano la tradizionale livrea a due toni di verde, sostituita dall'arancione, che alcuni anni dopo sarebbe stato imposto a tutti i mezzi pubblici urbani d'Italia. Negli stessi anni, la tradizionale presa di corrente ad asta, vittima frequente di scarrucolamenti, in concomitanza con l'introduzione dell'agente unico, viene sostituita da un moderno pantografo.

Nel dicembre 2007 l'ATM decide la ricolorazione delle Ventotto nella livrea giallo crema, erroneamente considerata quella "storica", tanto che l'intera operazione viene presentata come un ritorno alle origini di questi tram, ormai universalmente considerati uno dei simboli della città stessa. Congiuntamente ATM annuncia di voler rinunciare all'utilizzo di queste vetture per la pubblicità mobile[1], proposito tuttavia tradito già nei primi anni di servizio delle vetture ricolorate. La nuova livrea, assurta in seguito come livrea ufficiale per i mezzi tramviari della città, verrà estesa anche ai Sirietto di prima e seconda serie e alle 4600/4700.[2]

La 1504 in livrea giallo crema, affiancata alla 1790 in livrea biverde, ritratte entrambe nel 1929 davanti alla vecchia Stazione Centrale

L'operazione indetta da ATM tuttavia non ha il fondamento di storicità che quest'ultima rivendicaconsiderazione POV: la livrea giallo crema infatti venne applicata soltanto ai prototipi e alle prime vetture di serie, poiché già dal 1929 era stato imposto il nuovo verde bitonale, che sarebbe stato applicato direttamente in fabbrica alle nuove vetture consegnate. Nonostante questa inesattezza storica, l'operazione ha avuto l'indubbio merito di operare un corposo restyling di queste vetture, delle quali nel 2010 è cominciata la revisione generale, che ha visto un rifacimento degli interni (risistemazione degli ambienti e del separé fra il posto di guida e l'abitacolo) e delle finiture (montaggio di pannelli pubblicitari in simil legno, ricolorazione dei parafanghi in marrone, poi estesa anche alle vetture che stavano semplicemente ricevendo il semplice cambio di livrea). Attualmente sono soltanto cinque le vetture rimaste in livrea arancione, assegnate al Deposito Leoncavallo e in servizio ordinario sulla linea 33.

Anche nel momento in cui sono entrati in servizio nuovi modelli le Ventotto continuano ad essere usate come caposaldo della rete milanese. La fortuna di questi tram non si limita alla sola Milano: alcune di queste vetture infatti prestano regolarmente servizio sulla linea F (Castro-Fisherman’s Wharf) di San Francisco. Nel 1983 venne infatti organizzata dalla Camera di Commercio di San Francisco l'Historic Trolley Festival, una manifestazione in cui venivano esposti alcuni storici tram provenienti da tutto il mondo, in concomitanza con l'inaugurazione della nuova linea F. La vettura inviata da Milano, che riscosse particolare successo, venne al termine della manifestazione donata alla città id San Francisco e aprì la strada all'importazione delle successive vetture che ancora oggi circolano nella città californiana.[3].

Le Ventotto in Europamodifica | modifica sorgente

Il prospetto della vettura in servizio a Madrid.
La Ventotto in servizio regolare a Madrid.
La Ventotto esposta a Francoforte, nel 1929.

Nell'agosto 1929 un'unità prodotta dalla Breda[4] venne venduta a Bruxelles, dove sarebbe circolata fino al 1935 (anno di entrata in servizio della serie 5000 a Bruxelles), venendo successivamente ceduta nel dicembre dello stesso anno a Madrid, dove ricevette la matricola 1000 e la livrea rossa. Qui avrebbe circolato secondo alcune fonti fino al 1965, secondo altre fino al 1972, anno della soppressione dell'ultima tramvia madrilena. Curiosa in questo caso la modifica della prima delle tre porte della vettura, evidentemente trasformata una volta a Madrid, ad un'anta sola.

Nel luglio 1929, arrivò a Francoforte una vettura nuova, noleggiata per l'occasione per sei settimane in occasione del congresso dell'Unione Internazionale delle Ferrovie Locali e Tranvie (che si tenne in quel settembre). Anch'essa risultava essere stata prodotta dalla Breda; inoltre non presentava numerazione alcuna (pertanto risultava ancora di proprietà del costruttore), e sarebbe in seguito tornata a Milano prendendo regolare servizio presso l'ATM.[5] Era munita di pantografo prestato dalla STEL ed era curiosamente già in livrea biverde, a conferma del fatto che il recente ritorno di queste vetture alla storica livrea bi-gialla sia in realtà più un falso storico.considerazione POV

Alcune perplessità sono state avanzate in merito alla vettura in prova a Francoforte. Molto genericamente si fa riferimento ad un suo ritorno a Milano, al termine del periodo di prova. Tuttavia alcuni puntualizzano sul fatto che se è vero che sarebbe stata venduta a Madrid nell'agosto 1935, essa non sarebbe materialmente potuta esser consegnata prima di settembre, considerando il relativo ritardo che una commessa per una vettura nuova nel mese di agosto avrebbe potuto avere anche all'epoca. Peraltro la commessa era stata rivolta proprio alla Breda: pertanto quest'ultima avrebbe tranquillamente potuto trasferire a Bruxelles la vettura che già si trovava in prova a Francoforte fino a settembre, con un ingente risparmio sul doppio trasporto (della vettura da Francoforte a Milano e di una seconda vettura da Milano a Bruxelles) e sull'aggiustamento dello scartamento. Va inoltre contestualizzato anche il presunto ritorno a Milano di questa vettura, chiedendosi che questo non sia in realtà una semplice deduzione dovuta al fatto che non fosse rimasta a Francoforte. A sostegno di questa tesi bisogna anche considerare l'assoluta mancanza di una qualsiasi ricostruzione della successiva matricola che la vettura, tornata da Francoforte, avrebbe poi assunto entrando in servizio presso l'ATM, anche se in questo caso il rientro in Italia sarebbe avvenuto presso il costruttore stesso, per gli aggiustamenti del caso, che l'avrebbero sostanzialmente resa indistinguibile dalle altre vetture di serie prodotte.sezione POV, probabile ricerca originale

L'assenza tuttavia di documentazione fotografica relativa alla presenza effettiva della vettura a BruxellesFalso! Si vedano le foto alle pp. 80 e 81 del Boreani, dove sarebbe comunque arrivata con la perteghetain italiano? e senza i rinforzi agli zatteroni, impedisce un qualsiasi confronto visivo fra le due vetture. Della vettura consegnata a Bruxelles oltre a questi due aspetti si ignorano infatti tutta una serie di dettagli che permetterebbe di chiarire definitivamente la vicenda, non per ultima la livrea della vettura.

Curiosamente ottant'anni più tardi un'altra Ventotto sarebbe arrivata a Bruxelles, circolando per un periodo ridotto di tempo in occasione del 125º anniversario dell'UITP (International Association of Public Transport), per il quale si è tenuto un convegno dedicato, con tram ospitati da varie reti, il 19 settembre 2010.[6] Tuttavia anche in quest'occasione non è stato mostrato alcun materiale storico inerente alla precedente permanenza della Ventotto milanese nella città belga.

La vettura storica 1503
Vettura 1856 (ex 1556) in uso sulla linea F di San Francisco, in livrea arancione
Vettura 1818 in uso sulla linea F di San Francisco, in livrea verde

Vetture particolarimodifica | modifica sorgente

  • 1503, riportata allo stato d'origine (due porte, livrea giallo-crema) nel 1996 e preservata funzionale come vettura storica
  • 1552, tuttora nella livrea arancio
  • 1699, colorata in rosso/blu nel 2001 e dedicata a servizi scolastici (Tramito)
  • 1702, colorata in bianco nel 1984 e dedicata al noleggio e a servizi pubblicitari; accantonata a Baggio per problemi tecnici nel settembre 2012
  • 1723, riportata in livrea biverde nel gennaio 1994 e dedicata al noleggio
  • 1744, tuttora nella livrea arancio
  • 1794, modificata per il traino dei Sirio guasti, assegnata a Precotto[7]
  • 1796, unita alla 1973 nel 1984 per realizzare la vettura prototipo a due casse 4500 (II), accantonata a Precotto[7]
  • 1822, dedicata al noleggio e a servizi pubblicitari in sostituzione della 1702 nel settembre 2012
  • 1847, riportata in livrea biverde nell'ottobre 1995 e dedicata al noleggio e a servizi pubblicitari
  • 1855, colorata in un verde simile a quello dei tram storici di New Orleans, trasformata in ristorante viaggiante col nome di ATMosfera, nel 2006
  • 1908, in origine 1502 (scoperta nel 2002, in attesa di restauro)
  • 1915, modificata per il traino dei Sirio guasti, assegnata a Precotto[7]
  • 1927, colorata in rosso-azzurro, poi coi colori della bandiera inglese per Saiwa; infine in verde chiaro e dedicata a servizi scolastici nel 1983. Accantonata a Famagosta, ripristinata nel 2010 come traino
  • 1949, dotata dei profili per le prove di ingombro dei Sirio
  • 1955, dotata di spazzaneve nel 1983 e pantografo sperimentale Rebosio, accantonata a Precotto[7]
  • 1957, colorata in argento nel 1999 e dedicata a servizi scolastici (Scuolaintram).
  • 1966, dotata di perteghetta, accantonata a Precotto[7]
  • 1970, colorata in un verde simile a quello dei tram storici di New Orleans, trasformata in ristorante viaggiante col nome di ATMosfera, nel 2006
  • 1973, unita alla 1796 nel 1984 per realizzare la vettura prototipo a due casse 4500 (II), accantonata a Precotto[7]
  • 1980, tuttora nella livrea arancio
  • 1982, tuttora nella livrea arancio e utilizzata come mezzo di servizio e traino

Vetture preservate non ATMmodifica | modifica sorgente

Vetture preservate altrovemodifica | modifica sorgente

  • 1507, a San Francisco con la matricola 1807, ridipinta (2007?) in livrea giallo/crema[3]
  • 1515, a San Francisco con la matricola 1815, non in servizio.[3]
  • 1532 presso lo stabilimento Gomaco in attesa di restauro
  • 1556, a San Francisco con la matricola 1856[3]
  • 1588, a San Francisco con la matricola 1888, non in servizio (incidentata l'11 dicembre 2003), verrà ripristinata in livrea verde[3]
  • 1640, presso lo stabilimento Gomaco in attesa di restauro
  • 1692, a Melbourne.
  • 1793, a San Francisco con la matricola 1893[3]
  • 1795, a San Francisco con la matricola 1895[3]
  • 1814, a San Francisco con la matricola 1814, non in servizio (incidentata il 18 febbraio 2010[3]
  • 1811, a Saint Louis con la matricola 1352, ridipinta in livrea rosso e bianco e ripristinata l'asta di captazione
  • 1818, a San Francisco con la matricola 1818, ridipinta (2007) in livrea biverde.[3]
  • 1834, a San Francisco dal 1983 con la matricola 1838, solo addestramento conducenti[3]
  • 1859, a San Francisco con la matricola 1859[3]
  • 1906, a Saint Louis con la matricola 1351 ridipinta in livrea rosso e bianco e ripristinata l'asta di captazione
  • 1911, a San Francisco con la matricola 1811, ridipinta (2007?) in livrea giallo crema[3]
  • 1943, a San Jose, utilizzata per rendere bidirezionale la 2001
  • 1945, a Mount Pleasant, Iowa, colorata in rosso e bianco e ripristinata l'asta di captazione, in servizio dedicato presso la Gomaco dal 2002[17]
  • 1996, presso lo stabilimento Gomaco in attesa di restauro
  • 2001, a San Jose, resa bidirezionale a spese della 1943 e ricolorata in biverde.

Utilizzo vetturemodifica | modifica sorgente

La serie 1500 è oggioggi quando? Termine recentista deprecato - mancano fonti utilizzata prevalentemente sulle linee 1 - 5 - 19 - 23 - 33 e per qualche rinforzo sulla linea 2.

Galleria fotograficamodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ 2007: ATM restituisce alla città di Milano la “carrelli” con la livrea originale di colore giallo e priva di pubblicità commerciale. - http://www.atmservizi.it/it/tram_storici.php
  2. ^ Comunicato ATM
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Complete Streetcar Roster - Market Street Railway
  4. ^ Erroneamente molti confondono questa vettura con la 1501 prototipo, che era stata invece realizzata dalla Carminati e Toselli. Ad accreditare questa tesi lo stesso Tram e tranvie a Milano scritto da Francesco Ogliari e pubblicato da ATM nel 1987Libro inesistente! "Tram e tranvie a Milano" fu scritto da Cornolò e Severi!! sostiene esplicitamente questa versione, pur al tempo stesso contraddicendosi, nel momento in cui riporta che la vettura sarebbe stata prontamente sostituita nella produzione con una delle 500 motrici di serie, e solo in seguito venduta.
  5. ^ Guido Boreani, Un tram che si chiama Milano, Calosci Cortona
  6. ^ UITP - International Association of Public Transport
  7. ^ a b c d e f Photorail - Info ATM (tram urbani di Milano)
  8. ^ Immagine vettura 1524
  9. ^ Livrea ricevuta in loco, la vettura è stata infatti ceduta in livrea arancione.
  10. ^ Immagine vettura 1575
  11. ^ Immagine vettura 1731 II
  12. ^ Immagine vettura 1731 I
  13. ^ Immagine vettura 1761
  14. ^ http://www.atts.to.it/it/veicoli/tram-restauro/1854
  15. ^ Immagine vettura 1904
  16. ^ [1]
  17. ^ Gomaco Trolley Company: Open Trolley Photos

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Giovanni Cornolò, Giuseppe Severi, Tram e tramvie a Milano 1840-1987, Milano, Azienda Trasporti Municipali, 1987, pp. 86–93.
  • Guido Boreani, Un tram che si chiama Milano, Calosci - Cortona, 1995. ISBN 8877851139

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License