Vincent Yves Boutin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincent Yves Boutin (Le Loroux-Bottereau, 1772Siria, agosto 1815) è stato un militare francese, colonnello del genio della Grande Armée durante il primo Impero[1].

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nel corso della sua carriera realizzò diverse missioni di spionaggio in Nord Africa, fra le quali una nella Reggenza di Algeri, nel 1808, che servì poi come piano di invasione postumo per la conquista conquista dell'Algeria nel maggio 1830. Ebbe una relazione con la britannica Lady Hester Stanhope che fece inviare una spedizione punitiva contro i colpevoli, quando Boutin scomparve dopo essere stato ucciso da banditi Hashashin in Siria nel 1813 o 1815. Ella dichiarò la sua ammirazione per l'esploratore più tardi in una lettera inviata al fratello della vittima.[2]

Missione a Costantinopoli (1807)modifica | modifica sorgente

Nel 1807 a Costantinopoli, Boutin venne incaricato, dall'ambasciatore di Francia generale Horace Sébastiani, di approntare la difesa turca contro la flotta britannica comandata dall'ammiraglio John Thomas Duckworth. A seguito della reazione delle batterie costiere turce i britannici batterono in ritirata.

Missione in Siria (1813-1815)modifica | modifica sorgente

Mentre era in missione in Siria venne attaccato da una banda di predoni ed assassinato in quanto ritenuto in possesso di ingenti valori.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ L'Univers: histoire et description de tous les peuples, page 294
  2. ^ "Visite à Lady Stanhope", Bulletin, Volume 1, Par Société archéologique et historique de Nantes et de Loire-Atlantique, 1859

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License