Vincenzo Reverchon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo Reverchon
VincenzoReverchon.jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Ritirato 1960 - giocatore
Carriera
Giovanili
Noflag2.svg Brambilla Verrès
Squadre di club1
1947-1950 Casale Casale 66 (-?)
1950-1955 Sampdoria Sampdoria 24 (-46)
1955-1957 Cagliari Cagliari 35 (-47)
1957-1959 Casale Casale 49 (-?)
1959-1960 Asti Asti  ? (?)
Carriera da allenatore
1972-1979 Juniorcasale Juniorcasale Vice
1973-1975 Juniorcasale Juniorcasale
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vincenzo Reverchon (Aosta, 8 agosto 1927) è un ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Gli inizi al Casale e gli anni alla Sampdoriamodifica | modifica sorgente

Nativo di Aosta, iniziò la sua carriera nel Brambilla di Verrès[1], passando al Casale nel 1947. Fu titolare nella prima stagione da professionista, disputata in Serie C, in cui giocò 30 gare[2]. Nell'annata seguente giocò solo 10 incontri[2], che salirono a 26 nel 1949-1950[2].

Nell'estate del 1950 fu acquistato dalla Sampdoria, militante in Serie A, come riserva del titolare Satiro Lusetti: in realtà ci fu una certa alternanza, dato che Reverchon giocò 17 gare (contro le 21 di Lusetti) nelle quali subì 34 reti[3], di cui 7 dalla Juventus in una singola gara (7-2 l'11 febbraio 1951[3]. L'esordio ufficiale è datato 1º gennaio 1951, alla 17a giornata di campionato, nella gara Sampdoria-Como 1-1[3][4].

Nella stagione seguente, l'arrivo di Giuseppe Moro relegò in panchina sia l'aostano che Lusetti, che non disputarono neppure una gara di campionato[5]: l'anno dopo, Lusetti venne ceduto alla Lucchese e Reverchon rimase come unica riserva, ma anche in questa stagione non giocò alcuna gara[2]. Nel 1953-1954 Moro venne ceduto, ma il contemporaneo ingaggio di Antonio Pin ripropose la stessa situazione dell'anno precedente: difatti, l'aostano non giocò neppure un incontro[6]. Nel 1954-1955 Pin subì un infortunio nelle prime giornate di campionato, pertanto Reverchon giocò 7 gare consecutive, dalla quarta alla decima giornata, prima che il rientro del titolare lo relegasse ancora una volta in panchina: nelle sette partite giocate, il portiere aostano subì 12 reti[7].

Le ultime stagioni al Cagliari, al Casale e all'Astimodifica | modifica sorgente

Nell'estate 1955 Reverchon venne ingaggiato dal Cagliari, militante in Serie B: sotto la guida di Silvio Piola Reverchon fu titolare dei sardi che terminaono nella parte alta della classifica, e giocò 27 gare subendo 35 reti complessive[8]. Nella stagione successiva i rossoblu acquistarono dalla SPAL il portiere Piero Persico, che divenne il titolare: il gatto magico giocò infatti 26 gare[9], lasciando all'aostano (nuovamente nel ruolo di secondo portiere) otto gare di campionato in cui subì 12 gol[9].

Nel 1957 Reverchon decise di tornare alla squadra dei suoi esordi, il Casale, nel frattempo retrocesso in IV Serie: l'aostano giocò 17 gare[2] e la squadra conquistò la promozione in Serie C, dove il portiere giocò 30 gare nell'annata 1958-1959[2]. L'anno dopo passò all'Asti, militante nella nuova Serie D, dove disputò la sua ultima stagione prima di ritirarsi dal calcio giocato[10].

Dopo il ritiromodifica | modifica sorgente

Al termine della carriera di calciatore, Reverchon intraprese quella di dirigente: dal 1972 al 1979 fu infatti direttore sportivo e tecnico in seconda del Juniorcasale (del quale fu allenatore titolare in più di un'occasione, tra il 1973 e il 1975[11]), nel quale si occupava anche di ingaggi e cessioni[11]. Nel 1979 passò alla Sanremese, dove ricoprì l'incarico di direttore sportivo fino al 1982[12], anno in cui diede le dimissioni.

Subito dopo passò alla Pro Vercelli, dove ricoprì lo stesso incarico[10][13]: rimase nell'organico dei piemontesi fino al 1984, quando tornò (sempre come direttore sportivo) al Casale[14].

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1947-1948 Italia Casale C 30 -?
1948-1949 C 10 -?
1949-1950 C 26 -?
1950-1951 Italia Sampdoria A 17 -34
1951-1952 A 0 0
1952-1953 A 0 0
1953-1954 A 0 0
1954-1955 A 7 -12
Totale Sampdoria 24 -46
1955-1956 Italia Cagliari B 27 -35
1956-1957 B 8 -12
Totale Cagliari 35 -47
1957-1958 Italia Casale IV 19 -?
1958-1959 C 30 -?
Totale Casale 115 -?
1959-1960 Italia Asti D ? -?
Totale carriera 174+? -?

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Sessarego, op. cit., pag.441
  2. ^ a b c d e f Reverchon Vincenzo, enciclopediadelcalcio.it. URL consultato il 1º aprile 2011.
  3. ^ a b c Stagione 1950-1951 - I Tabellini, testimonidigenova.it. URL consultato il 1º aprile 2011.
  4. ^ Altre fonti riportano come esordio la gara Pro Patria-Sampdoria 1-1 del 4 gennaio 1951 in quanto recupero della 16a giornata, giocata però dopo la 17a come riportato nel testo.
  5. ^ Stagione 1951-1952 - I Tabellini, testimonidigenova.it. URL consultato il 1º aprile 2011.
  6. ^ Stagione 1953-1954 - I Tabellini, testimonidigenova.it. URL consultato il 1º aprile 2011.
  7. ^ Stagione 1954-1955 - I Tabellini, testimonidigenova.it. URL consultato il 1º aprile 2011.
  8. ^ Vargiu, op. cit., pagg.204-207
  9. ^ a b Vargiu, op. cit., pagg.208-211
  10. ^ a b L'ex casalese Reverchon il nuovo d.s. della Pro, La Stampa, 3 giugno 1982. URL consultato il 1º aprile 2011.
  11. ^ a b E Reverchon se ne va, La Stampa, 19 giugno 1979. URL consultato il 1º aprile 2011.
  12. ^ Dirigente: Reverchon Vincenzo, U.S. Sanremese Calcio, 21 agosto 2007. URL consultato il 1º aprile 2011.
  13. ^ Programma di Reverchon per la Pro «Presto il ritorno fra i professionisti», La Stampa, 5 giugno 1982. URL consultato il 1º aprile 2011.
  14. ^ Il Casale cambia pelle per risalire subito in C2, La Stampa, 18 giugno 1984. URL consultato il 1º aprile 2011.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Valerio Vargiu, Cagliari 90 - La storia e i protagonisti della squadra più amata dell'isola dal 1920 al 2010, Cagliari, La Guida, 2010.
  • Piero Sessarego, Sampdoria ieri oggi domani, Genova, Nuove Edizioni Periodiche, 1991.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License