Vitale De Stefano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vitale Gioacchino De Stefano (Acireale, 4 maggio 1886Milano, 9 febbraio 1959) è stato un attore e regista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di Angela e di padre ignoto, inizialmente si dedicò al teatro. Molto giovane lasciò la Sicilia ed emigrò prima a Torino, dove si avvicinò al cinema e nel 1909 fu ingaggiato dalla Ambrosio Film, una delle prime case cinematografiche della città, e poi si stabilì per un breve periodo a Parigi, dove girò alcuni film.

Ritornato in patria, nel 1911 lavorò per altre due importanti case cinematografiche torinesi, la Itala Film e la Savoia Film, interpretando alcune pellicole, tra cui Triste fascino. Nel 1912 tornò alla Ambrosio, per la quale lavorò per interpretare ruoli principali nei film Il pellegrino, Parsifal, Sigfrido e Satana.

L'Itala Film lo richiamò per interpretare il ruolo di Massinissa nel film Cabiria del 1914.

Durante la Prima guerra mondiale fu richiamato sotto le armi e quindi costretto ad abbandonare il cinema, e al termine del conflitto riprese la sua attività a Milano, dove lavorò per la Proteus Film e la Rosa Film.

Dal 1913 al 1916 e dal 1919 al 1921, girò un discreto numero di film da regista, tra i quali Agenzia Griffard, Colpa o mistero?, e una serie di film ispirati ai romanzi di Emilio Salgari, del ciclo I corsari delle Antille.

Unico film sonoro lo interpretò da attore, nel 1942 quando fece una breve apparizione in La pantera nera.

Filmografia parziale[1]modifica | modifica sorgente

Attoremodifica | modifica sorgente

Registamodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • S. Alovisio, A. Barbera - Cabiria & Cabiria (pag. 116) - Torino, Museo nazionale del cinema, 2006 ISBN 8880333607.
  • Franco La Magna, Vitale De Stefano imprenditore e attore dimenticato, La Sicilia, 7 giugno 2013, p. 19.
  • Franco La Magna, Vitale De Stefano, corsaro di Acireale, La Sicilia, 5 luglio 2012, p. 20.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ In alcuni film è accreditato come Vitale Di Stefano

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License