Vito Molinari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vito Molinari nel 1955

Vito Molinari (Sestri Levante, 6 novembre 1929[1]) è un regista italiano.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Principalmente regista televisivo, Molinari ha debuttato come regista il 3 gennaio 1954 in occasione del programma inaugurale della Rai[2] ed ha in seguito curato la regia di oltre duemila[3] produzioni per la televisione italiana fra cui L'amico del giaguaro, La via del successo, Un due tre e Canzonissima [1].

È inoltre regista teatrale ed ha fondato il Teatro dell'Università di Genova[3], insieme a il professor Della Corte.[4]

Per il Teatro Verdi (Trieste) nel 1965 cura la regia di Il pipistrello, nel 1970 Al cavallino bianco nel Teatro Stabile Politeama Rossetti con Tony Renis, Aldo Fabrizi e Sandro Massimini e nel 1972 La principessa della Czarda con Adriana Innocenti ed Elio Pandolfi.

Negli anni ottanta è stato regista anche di alcune serie televisive: Cinquant'anni d'amore nel 1982, di cui è anche sceneggiatore e Atelier nel 1986.

Nel 2006 ha curato lo spettacolo teatrale "Umorista sarà lei".

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Vito Molinari su MyMovies
  2. ^ Backstage: Vito Molinari, il regista che ha "inaugurato" la Rai, e Bruno Gambarotta, il comico-regista di Celentano
  3. ^ a b Vito Molinari
  4. ^ Vito Molinari: «Ho diretto di tutto. Tranne i quiz

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License