Vittorio Angius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vittorio Angius (Cagliari, 11 giugno 1797[1]Torino, 19 marzo 1862) è stato un presbitero, scrittore, giornalista, storico e politico italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Vittorio Angius nacque a Cagliari l'11 giugno del 1797 da un'agiata famiglia che gli garantì un'ottima formazione.

Giovanissimo divenne sacerdote dell'ordine degli Scolopi, del quale nel 1829 divenne prefetto. Nello stesso anno fu socio di filosofia e docente di retorica presso l'Università di Sassari.
Il suo impegno fu però molto più vasto, si occupò di storia, geografia, folclore, statistica, scienze naturali, economia agraria.

Fu anche un proficuo scrittore, tra le sue opere troviamo romanzi, novelle, poemi, inni e liriche.

Spesso, però, la qualità delle sue opere non fu all'altezza dell'impegno, molte tesi rimasero solo abbozzate e talune completamente infondate per aver commesso l'errore di utilizzare le false carte d'Arborea. Tuttavia il suo impegno fu sicuramente ripagato quando decise di collaborare con Goffredo Casalis al Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna. Di tale opera Angius curò tutta la parte riguardante l'isola di Sardegna e dal 1832 al 1848 la percorse tutta, appuntando di ogni singolo villaggio la storia, le leggende e le credenze.

Nel 1838 fondò "La Biblioteca sarda", il primo giornale scientifico-letterario della Sardegna, nel 1840 collaborò al "Promotore" e alla "Meteora".

Nel 1842, lasciati i panni sacerdotali, divenne deputato nella I e IV legislatura alla Camera subalpina ottenendo anche nella politica dei risultati apprezzabili sebbene non fosse particolarmente apprezzato dai colleghi per via delle sue posizioni conservatrici e per i suoi eccessi polemici.

Fu anche l'autore del testo del Cunservet Deus su Re (S'hymnu sardu nationale), l'inno del Regno di Sardegna sabaudo, il quale fu eseguito per la prima volta a Cagliari nel Teatro Civico il 20 febbraio 1844.

Nel 1862, ormai dimenticato, morì a Torino in miseria.

Il contributo al Dizionario degli Stati del Re di Sardegnamodifica | modifica sorgente

Angius, viene ricordato soprattutto per la collaborazione col Casalis alla stesura della monumentale opera del Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna. Egli si occupò dei tre volumi riguardanti la Sardegna effettuando ricerche d'archivio per quanto riguarda l'epoca medioevale, mentre per il resto si recò di persona in ogni singolo paese per appuntare le usanze, le credenze, le feste, la geografia e le storia tramandata oralmente di ogni singolo villaggio.

La forma di tale opera è quella di un resoconto di viaggio nel quale sono appuntati minuziosamente tutti gli aspetti della Sardegna. Ancora oggi quest'opera rappresenta una fonte indispensabile per gli studiosi della cultura sarda.

Operemodifica | modifica sorgente

  • Corografia antica della Sardegna, sistema stradale dell'epoca romana, “Biblioteca sarda”.
  • Riviste del Bollettino milanese di notizie statistiche ed economiche, d'invenzioni e scoperte... , Torino, s.n., 1834.
  • Alla nobilissima madamigella d. Giovannina Berlinguer-Manca di Sassari: epistola di Balanio Niceta s.d.a.t. intorno al libello intitolato lettera ad un amico... , Cagliari, Stamperia Arcivescovile, 1835.
  • De laudibus Leonorae Arborensium Reginae oratio quam in Turritana Academia inter solemnia studiorum auspicia die 4 novembris anni 1835 habuit Victorius Angius, Carali, Ex typis Monteverde, 1839.
  • Notizie statistiche-storiche dei quattro Giudicati della Sardegna, Torino, Cassone e Marzorati, 1841.
  • Sulle famiglie nobili della monarchia di Savoia, Torino 1841-1857.
  • Cronografia del Logudoro dal 1294 al 1841 preceduta dalla descrizione degli antichi dipartimenti del regno, Torino, Cassone e Marzorati, 1842.
  • Leonora d'Arborea, programma d'associazione, Torino, 1844.
  • Leonora d'Arborea o scene sarde gli ultimi lustri del sec. XIV, trad. dal sardo di V. Angius, Torino, Tipografia G. Cassone, 1847.
  • Riflessioni di Vittorio Angius intorno alle considerazioni politiche ed economiche sulla Sardegna di Carlo Baudi di Vesme, Torino, Tipografia G. Cassone, 1848.
  • Poche parole in risposta a un libro, o Considerazioni sul progetto del L. T. Generale Alberto Della Marmora di una nuova, radicale ed unica circoscrizione territoriale della Sardegna, [Torino], Tipografia G. Cassone, 1851?].
  • Geografia, storia e statistica dell’Isola di Sardegna, voll. XVIII bis, XVIII ter, XVIII quater, in G. Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, Torino, Maspero e Marzorati, 1853.
  • L'8 maggio del 1853 in Torino: versi, Torino, Tipografia G. Cassone, 1853.
  • Cenni sulla lingua dei Sardi scritta e parlata, Torino, Tipografia G. Marzorati, 1855.
  • La presa di Sebastopoli, Torino, Tipografia G. Cassone, 1856.
  • Novena in onore di Sant'Efisio, Cagliari, Tipografia dell'Avvenire di Sardegna, 1879.
  • Novena in onore di Sant'Efisio, Cagliari, Tipografia Nazionale, 1882.
  • Hymnu sardu nationali: (inno Sardo Nazionale) / parole del dott. V. Angius, Milano, M. Aromando, 1926; 1930; 1936.
  • Hymnu sardu nationale (1843): [per canto e pianoforte] / parole di G. Vittorio Angius, Roma, Edizioni De Santis, 1932.
  • Sassari: voce per il Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli Stati di s.m. il Re di Sardegna, Sassari, Chiarella, 1984.
  • Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di Sua Maestà il re di Sardegna, Sassari, Archivio fotografico sardo, 2000.
  • G. Casalis-V. Angius, La Sardegna paese per paese, Cagliari, L'Unione sarda, 2004-2005.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ G. Sofri in Dizionario Biografico degli Italiani (Collegamenti esterni) posticipa la data di nascita al 18 giugno 1797.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • P. Tola, Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna, Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1837-38, vol. I, p. 202.
  • G. Siotto Pintor, Storia letteraria di Sardegna, Cagliari, Tipografia Timon, 1843-44, vol. I, pp. 147–148. vol. III, pp. 203–208, 283, 384, 403, 425, 427, 429, 459, 482-483, 506-507. vol. IV, pp. 184, 266-271, 308.
  • F. Loddo Canepa, Vittorio Angius, Cagliari, Edizioni della Fondazione Il Nuraghe, 1926.
  • F. Loddo Canepa, Vittorio Angius, il parlamentare, “Il nuraghe: rassegna letteraria di Sardegna”, vol. IV, 39-40, 1926.
  • F. Loddo Canepa, Vittorio Angius, “Il nuraghe: rassegna letteraria di Sardegna”, vol. IV, 1926, 37, pp. 12–16; 44, pp. 19–24; 45, pp. 13–16.
  • R. Ciasca, Bibliografia sarda, Roma, 1931-34, vol. I, pp. 45–51, nn. 429-486.
  • F. Alziator, Storia della letteratura di Sardegna, Cagliari, Edizioni della Zattera, 1954, pp. 355–357, 369.
  • G. Della Maria, Tradizioni popolari religiose della Sardegna in Vittorio Angius, Atti del Convegno di studi religiosi sardi, Cagliari, 24-25 maggio 1962, pp. 344–358.
  • G. Della maria, Tradizioni popolari sarde in Vittorio Angius, “Nuovo bollettino bibliografico sardo e archivio tradizioni popolari”, vol. X, 57-58, 1966; vol. X, 59-60, 1967; vol. XI, 61, 62, 63, 64, 65, 66, 1968; vol. XII, 67, 68, 69, 1969; vol. XII, 70, 71, 72, 1970; vol XIII, 73, 74, 75, 1971.
  • R. Bonu, Scrittori sardi, Cagliari, Editrice Sarda Fossataro, 1972, vol. II, pp. 261–276.
  • L. Carta, Il mito storiografico di Eleonora d'Arborea in Vittorio Angius, in Intellettuali e società in Sardegna tra restaurazione e unità d'Italia, Atti del convegno nazionale di studi: Oristano, 16/17 marzo 1990, - Oristano, S'Alvure, 1991, pp. 174–202.
  • M. Brigaglia, Intellettuali e produzione letteraria dal Cinquecento alla fine dell'Ottocento, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. I, sez. Arte e Letteratura, pp. 37–38.
  • S. Bullegas, Breve storia del teatro, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. I, sez. Arte e Letteratura, p. 121.
  • F. C. Casula, Oristano, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. I, sez. La Storia, p. 260.
  • A. Cesaraccio, La tradizione musicale a Sassari, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. I, sez. Arte e Letteratura, p. 133.
  • G. Doneddu, Castelsardo, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. I, sez. La Storia, p. 274.
  • P. Pillonca, La poesia improvvisata, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. II, sez. La cultura popolare, p. 149, 154.
  • P. Pittalis, Lo sguardo straniero, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. III, p. 150.
  • D. Qaqglioni, Storia della cultura filosofico-giuridica: I secoli XIV-XVIII, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. III, p. 109.
  • S. Sechi, La questione sarda, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. III, p. 89.
  • G. Sotgiu, L'età dei Savoia (1720-1847), in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. I, sez. La Storia, p. 108.
  • R. Turtas, Nuoro, in M. Brigaglia (a cura di), La Sardegna. Enciclopedia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1994, vol. I, sez. La Storia, p. 252.
  • G. Sotgiu, Vittorio Angius e i suoi tempi, pref. di A. Accardo, Nuoro, Poliedro, 2001.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • Gianni Sofri, «ANGIUS, Vittorio» in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 3, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1961.







Creative Commons License