Vittorio Salvetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vittorio Salvetti

Vittorio Salvetti (Cremona, 6 giugno 1937Padova, 19 ottobre 1998) è stato un produttore televisivo e conduttore televisivo italiano.

Cenni biograficimodifica | modifica sorgente

Festivalbar 1969 - Vittorio Salvetti consegna, durante la serata inaugurale a Sistiana, a Liana Orfei il premio Volto del juke-box e al sarto Angelo Litrico il premio Sarto dei Giovani; il premio è la scultura "Dama bianca" di Marcello Mascheroni.

Il suo nome è legato a manifestazioni di intrattenimento musicale, come Musicaneve, Azzurro e soprattutto il Festivalbar, da lui inventato nel 1964, di cui fu patron e organizzatore fino al 1998 (anno della sua scomparsa), nonché presentatore fino al 1982.

Dopo la sua morte, l'organizzazione della rassegna canora estiva è passata al figlio Andrea fino all'improvvisa sospensione nel 2008, anno in cui peraltro cadeva il decennale della sua scomparsa.

È stato anche patron del Festival di Sanremo dal 1973 al 1978 (esclusa l'edizione del 1975), oltre che autore di alcune trasmissioni d'intrattenimento musicale trasmesse dalla RAI dagli anni settanta fino a metà anni ottanta, quando Azzurro e il Festivalbar iniziarono ad essere trasmessi sulle reti Fininvest.

Salvetti con Barry White

Conduttoremodifica | modifica sorgente

  • Festivalbar (1964-1966 Radio Juke-Box, 1967-1982 Rai 2)
  • Quota 2000 (1976, Rai Due)
  • Incontri musicali (1976, Rai Uno)
  • Incontri d'estate (1976, Rai Uno)
  • Festival di Sanremo 1978 (1978, Rai Uno come voce fuoricampo)
  • Festa d'inverno (1978, Rai Due)
  • Sanremo anteprima (1978, Rai Uno)
  • 3,2,1...ed è '82 (31 dicembre 1981 a reti RAI unificate)

Autoremodifica | modifica sorgente

Filmografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License