Vladimir Vladimirovič Nabokov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vladimir Nabokov)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Monumento di Nabokov a Montreux
Monumento di Nabokov a Montreux
 
Firma di Nabokov
Firma di Nabokov

Vladimir Vladimirovič Nabokov (in russo: Владимир Владимирович Набоков[?] pronunciato [vlʌˈdʲimʲɪr nʌ'bokəf]; Pietroburgo, 23 aprile 1899[1]Montreux, 2 luglio 1977) è stato uno scrittore, saggista, critico letterario, entomologo, drammaturgo e poeta russo naturalizzato statunitense.

Scrisse i suoi primi libri in russo, ma fu con i suoi romanzi in inglese che raggiunse la notorietà.

L'opera più conosciuta di Nabokov è sicuramente il romanzo Lolita del 1955, spesso citato come uno dei più importanti testi narrativi del XX secolo (e da cui il regista Stanley Kubrick trasse l'omonimo film), seguito da un altro romanzo scritto in lingua inglese del 1962: Pale Fire (Fuoco pallido).

Compose altri scritti di argomento totalmente diverso, come alcuni contributi sull'entomologia e sul gioco degli scacchi.

Bio-bibliografiamodifica | modifica sorgente

La casa natale di Nabokov a San Pietroburgo, ora sede del Museo Letterario.

Figlio di Vladimir Dmitrievič Nabokov, noto politico che finì assassinato, ed Elena Ivanovna Rukavišnikova, nacque da una nobile famiglia russa a San Pietroburgo, dove trascorse l'infanzia e la giovinezza in una casa che ora ospita un museo dedicato allo scrittore. Poiché in famiglia si parlava correntemente sia il russo sia l'inglese sia il francese, fin dalla sua più tenera età Nabokov fu in grado di comprendere e parlare queste lingue, come narra nella sua autobiografia Speak, memory ("Parla, ricordo").

I Nabokov lasciarono la Russia dopo la rivoluzione del 1917 per recarsi in una tenuta di alcuni amici in Crimea, dove rimasero per un anno e mezzo. A seguito della disfatta dell'Armata bianca in Crimea, abbandonarono definitivamente la Russia e si trasferirono in Occidente, in Gran Bretagna.

Nel 1922 completò gli studi di slavo e di lingue romanze al Trinity College dell'Università di Cambridge. Si trasferì quindi a Berlino dove il padre venne assassinato il 28 di marzo e poi a Parigi, acquistando una sempre maggiore notorietà nell'ambiente dei russi emigrati, grazie ai suoi primi scritti in russo, pubblicati sotto lo pseudonimo di Sirin. Nel 1925 sposò Vera Slonim dalla quale, nel 1934 ebbe un bambino di nome Dmitri.

Nabokov soffriva di sinestesia, disturbo del quale egli descrive i diversi aspetti in molte sue opere. Nella sua raccolta di interviste e saggi Strong Opinions (Intransigenze), egli nota che anche la moglie e il figlio erano sinisteti, poiché associavano colori particolari a determinate lettere.

Nel 1940 si trasferì negli Stati Uniti e nel 1945 prese la cittadinanza statunitense. Da quel momento egli scrisse in inglese e tradusse in questa lingua alcune delle sue opere precedenti.

Insegnò letteratura russa per undici anni presso la Cornell University di Ithaca e negli ultimi anni visse in Svizzera, a Montreux, dove alternò la sua attività letteraria con quella delle appassionate ricerche di entomologo.

Morì a Montreux in Svizzera nel 1977.

La prima produzione: l'ibrido culturalemodifica | modifica sorgente

Iniziò scrivendo liriche di stampo simbolista e nel 1926 uscì il suo primo romanzo dal titolo Mašen'ka (Maria al quale seguì, nel 1928, Re, donna, fante che vuol essere una parodia del romanzo tradizionale.

Nel 1929 pubblicò una storia sugli scacchi, argomento prediletto da Nabokov, ricco di metafore, dal titolo La difesa di Lužin al quale fecero seguito L'occhio nel 1930 che narra, in stile pirandelliano, la vicenda di un russo emigrato a Berlino. Nel 1932 pubblica sulla falsariga di un poliziesco Camera oscura, nel 1933 un romanzo dal tono enigmatico, Gloria e nel 1935 Invito a una decapitazione che sembra ispirato ad alcuni dei racconti kafkiani. Tuttavia nel 1959, nella prefazione alla nuova edizione americana del romanzo, Nabokov afferma che a quei tempi addirittura ignorava l'esistenza del grande autore che sarebbe poi divenuto uno dei suoi punti di riferimento. È da sottolineare come l'edizione che leggiamo oggi di Invito a una decapitazione non sia l'opera edita in russo nel '35, bensì la traduzione, con diversi ritocchi stilistici e anche contenutistici, che l'autore fece, insieme a suo figlio, per il mercato americano appunto nel 1959.

In questi romanzi si avverte l'ibrida cultura di Nabokov che ripropone i temi della letteratura russa, come quello dello sdoppiamento esistenziale di Dostoevskij e del grottesco di Gogol', fondandoli con le nuove forme che, tra le due guerre, stavano rivoluzionando l'idea stessa del romanzo.

La seconda produzione: la nuova realtà socialemodifica | modifica sorgente

Un ulteriore approfondimento della già intensa ricerca formale di Nabokov, si ebbe con il passaggio alla lingua inglese e soprattutto con il contatto della diversa realtà sociale che lo scrittore si trova ad affrontare dal 1940 vivendo negli Stati Uniti.

La frammentazione dell'identità individuale nella società contemporanea diventerà il tema fondamentale della narrativa di Nabokov dando luogo alla scrittura di romanzi come La vera vita di Sebastian Knight (The real life of Sebastian Knight) nel 1941, I bastardi (Bend Sinister) nel 1949 e in seguito i romanzi di vita americana.

I romanzi di vita americanamodifica | modifica sorgente

Vera e Vladimir Nabokov giocano a scacchi.

Nel 1955 venne pubblicato con grande successo il romanzo Lolita che fece conoscere Nabokov ad un pubblico mondiale offrendo una perfetta immagine "interna" dell'America, con i suoi miti e le sue ossessioni, soprattutto il sesso.
Il romanzo ebbe molta influenza sugli stessi narratori americani della nuova generazione e, in modo particolare, su John Barth.

Dopo Pnin del 1957 che esplorava in modo ironico la realtà dei college americani, lo scrittore riprende il tema producendo, nel 1962, una delle sue opere formalmente più mature, Fuoco pallido (Pale fire).

Segue, nel 1969, Ada o ardore (Ada or ardor: A family chronicle) che offre una suggestiva sintesi dell'arte di Nabokov. Ritornano in questo romanzo, stravolti da una scrittura ironica, tutti i temi dello scrittore: l'ambigua duplicità della realtà, la passione del gioco, del puzzle, l'ossessione del sesso.

I racconti e gli ultimi romanzimodifica | modifica sorgente

Tra i racconti vanno citati quelli raccolti in Nabokov's Dozen del 1958 e in Nabokov's Quartet del 1967 mentre tra i romanzi più tardi Cose trasparenti (Transparent Things) del 1973, Guarda gli arlecchini! (Look at the Arlequins!) del 1974 e Parla, ricordo (Speak, Memory) del 1967 che è la ricerca autobiografica del passato russo cancellato dalla storia.

I saggi critici e le traduzionimodifica | modifica sorgente

Nabokov fu anche un eccellente critico di letteratura russa e a lui dobbiamo il bellissimo saggio su Nikolaj Gogol' del 1944. Altri saggi e conferenze su scrittori europei dell'Ottocento e del Novecento sono stati raccolti postumi nel 1980 in Lezioni di letteratura, Lezioni di letteratura russa e Lezioni sul Don Chisciotte.

Tra le traduzioni si ricordano quella commentata dell'Evgenij Onegin di Puškin e di Un eroe del nostro tempo di Lermontov (dal russo all'inglese) o Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll (dall'inglese al russo).

Nabokov e l'entomologiamodifica | modifica sorgente

Farfalle della collezione di Nabokov.

La sua carriera di entomologo fu altrettanto notevole. Nel 1940 gli fu affidato l'incarico di organizzare la collezione di farfalle al Museo di Zoologia Comparata dell'università Harvard. I suoi scritti in questo campo sono molto tecnici. Questa tecnicità, combinata al fatto che la sua specializzazione era la tribù dei Polyommatini della famiglia Lycaenidae, relativamente poco attraente, ha comportato che questo lato della sua vita sia rimasto poco esplorato dagli ammiratori delle sue opere letterarie.

Il paleontologo e saggista Stephen Jay Gould ha discusso l'entomologia di Nabokov in un saggio ristampato nel libro I Have Landed. Gould rileva che Nabokov è stato occasionalmente uno scienziato 'retrogrado', non accettando mai, ad esempio, che la genetica o il numero di cromosomi potesse essere un valido modo per distinguere le varie specie di insetti. Alcuni ammiratori di Nabokov hanno provato a riconoscere un valore letterario a tali lavori scientifici, rileva ancora Gould. Altri hanno sostenuto che la sua opera scientifica ha dato un contributo fondamentale alla sua opera letteraria. Gould afferma invece che entrambe traggono origine dall'amore di Nabokov per i dettagli, l'osservazione e la simmetria.

Compositore di problemi di scacchimodifica | modifica sorgente

Nabokov era un buon giocatore di scacchi, ma era interessato soprattutto ai problemi, che se ben costruiti considerava delle vere e proprie opere d'arte. Ne compose una ventina, riportati su diversi database di problemi disponibili online.

Il seguente esempio è riportato sulla sua autobiografia Speak, Memory:

Vladimir Nabokov, 1951
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
d8 cavallo del bianco
h8 alfiere del bianco
a7 re del bianco
b7 pedone del bianco
d7 pedone del nero
g7 torre del nero
b6 donna del bianco
c6 pedone del nero
e6 cavallo del bianco
h6 alfiere del nero
e5 re del nero
g5 cavallo del nero
h5 torre del bianco
e4 alfiere del bianco
f4 torre del bianco
c3 pedone del nero
g3 pedone del bianco
e2 cavallo del nero
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Matto in due mosse (10 + 8)

Operemodifica | modifica sorgente

Romanzimodifica | modifica sorgente

Romanzi scritti in russomodifica | modifica sorgente

Romanzi scritti in inglesemodifica | modifica sorgente

Raccolte di raccontimodifica | modifica sorgente

In italiano tutti i racconti sono distribuiti nei due seguenti volumi:

Raccolte originali
  • Vozvraščenie Čorba: Rasskazy i stichi (1929)
    • 15 racconti in russo: Il ritorno di Čorb, Il porto, Il campanello, Una lettera che non raggiunse mai la Russia, Favola, Natale, Il temporale, Bachmann, Guida di Berlino, Una questione d'onore, Il passeggero, Dettagli di un tramonto, La grazia, Il folletto patata, Terrore e 24 poesie
  • Nine Stories (1947)
    • 9 racconti, dal russo: L'Aureliano, Nuvola, lago, castello, Primavera a Fial'ta; dal francese: Mademoiselle O; in inglese: Un poeta dimenticato, L’assistente del produttore, "Che una volta in Aleppo...", Il tempo e il riflusso, Quadro di conversazione, 1945
  • Vesna v Fial'te i drugie rasskazy (1956)
    • 14 racconti in russo: Primavera a Fial'ta, Il cerchio, Il Leonardo, Fumo torbido, In memoria di L.I. Šigaev, Una visita al museo, Reclutamento, Lik, La distruzione dei tiranni, Vasilij Šiškov, La guglia dell'Ammiragliato, Nuvola, lago, castello, Labbra contro labbra, Ultima Thule
  • Nabokov's Dozen: A Collection of Thirteen Stories (1958)
    • 13 racconti: i 9 racconti di Nine Stories con (scritti in inglese) Primo amore, Segni e simboli, Scena dalla vita di un doppio mostro e Lance
  • Nabokov's Quartet (1966)
    • 4 racconti dal russo: Una questione d'onore, Lik, Le sorelle Vane, Una visita al museo
  • Nabokov's Congeries (1968, poi come The Portable Nabokov, 1971)
    • antologia di 11 racconti, 10 poesie, 7 saggi, con estratti di altre opere
  • A Russian Beauty and Other Stories (1973)
    • 13 racconti dal russo: Una bellezza russa, Il Leonardo, Fumo torbido, Una brutta notizia, Labbra contro labbra, Una visita al museo, Una questione d'onore, Terra Incognita, Il dritto, Ultima Thule, Solus Rex, Il folletto patata, Il cerchio
  • Tyrants Destroyed and Other Stories (1975)
    • 13 racconti dal russo: La distruzione dei tiranni, Favola, Musica, Lik, Reclutamento, Terrore, La guglia dell’Ammiragliato, In balia del caso, In memoria di L.I. Šigaev, Bachmann, Perfezione, Vasilij Šiškov, Le sorelle Vane
  • Details of a Sunset and Other Stories (1976)
    • 13 storie dal russo: Dettagli di un tramonto, Una brutta giornata, L’atreplice, Il ritorno di Čorb, Il passeggero, Una lettera che non raggiunse mai la Russia, Guida di Berlino, Il campanello, Il temporale, L'incontro, Una "tranche de vie", Natale, Un uomo occupato
  • The Stories of (1995)
    • collezione completa dei 65 racconti[2]

Teatromodifica | modifica sorgente

  • L'invenzione di Valzer e altri drammi per il teatro (Izobretenie Val'sa) (1938)
    • ed. it. a cura di Anastasia Pasquinelli, Brescia: L'obliquo, 1992
  • The Man from the USSR and Other Plays (1984)

Poesiamodifica | modifica sorgente

  • Poesie (Poems, 1959)
    • trad. ital. di Alberto Pescetto e Enzo Siciliano, Milano: Il Saggiatore, 1962 («Biblioteca delle Silerchie» 80)

Saggisticamodifica | modifica sorgente

Critica letterariamodifica | modifica sorgente

  • Nikolai Gogol (1944)
    • trad. ital. di Annamaria Pelucchi, Mondadori, 1972 («Saggi» 41)
  • Notes on Prosody (1963)
  • Lezioni di letteratura (Lectures on Literature), a cura di Fredson Bowers (1980)
  • Lectures on Ulysses (1980)
  • Lezioni di letteratura russa (Lectures on Russian Literature) (1981), a cura di Fredson Bowers
  • Lezioni sul Don Chisciotte (Lectures on Don Quixote) (1983), a cura di Fredson Bowers

Autobiografie e altromodifica | modifica sorgente

  • Parla, ricordo (autobiografia pubblicata nel 1951 come Speak, Memory: A Memoir; riscritta per l'ed. russa Drugie Berega nel 1954, e per la versione definitiva Speak, Memory: An Autobiography Revisited, 1967; nota anche come Conclusive Evidence)
  • Intransigenze (Strong Opinions) (1973)
  • The Nabokov–Wilson Letters: Letters between Nabokov and Edmund Wilson (1979, prima edizione)
  • Nostalgia: lettere 1945-1974 (Perepiska s Sestroi / Переписка с Сестрой) (1984) (corrispondenza con Elena Sikorskaja), tr. ital. e note di Luciana Montagnani, Milano: Archinto, 1999 («Lettere») ISBN 88-7768-009-1
  • Carrousel (1987)
  • Selected Letters (1989)
  • Nabokov's Butterflies, riproduzione della collezione di farfalle (2000)
  • Dear Bunny, Dear Volodya: The Nabokov–Wilson Letters, 1940–1971 (2001, edizione definitiva)

Critica essenziale in italianomodifica | modifica sorgente

  • Stefania Pavan, Nabokov. Una vita, Roma: Castelvecchi, 1994
  • Andrea Carosso, Invito alla lettura di Vladimir Nabokov, Milano: Mursia, 1999
  • Sara Marcucci, Lolita: analisi di un'ossessione, Roma: Bulzoni, 1999 (sul film)
  • Maria Sebregondi ed Elisabetta Porfiri (a cura di), Vladimir Nabokov, numero 16 di «Riga», Milano: Marcos y Marcos, 1999 (contiene interventi e articoli di Anthony Burgess - Stanley Elkin - Marco Ercolani - Mati Laansoo - Robert Robinson - Marina Rumjanceva - Schamma Schahadat - Vladislav Chodasevich - Alberto Arbasino - Frank Kermode - Mary McCarthy - Giorgio Manganelli - Gabriel Josipovici - George Steiner - John Updike - William H. Gass - Alfred Appel - Gilles Barbedette - Maurice Couturier - Philippe Sollers - Donald Barton Johnson - Ellendea Proffer - Véra Nabokov - Dmitri Nabokov - Vladimir Nabokov - Pietro Citati - Claudio Gorlier - Brian Boyd - Stefano Bartezzaghi - Marco Belpoliti - Francesco M. Cataluccio - Caterina Graziadei - Mauro Martini - Elisabetta Porfiri - Massimo Rizzante - Luigi Sasso - Maria Segrebondi - Daniel Dezeuze - Vincenzo Cabiati)
  • Stacy Schiff, Véra. Mrs Vladimir Nabokov (1999), trad. ital. di Luca Scarlini, Roma: Fandango, 2003 (biografia della moglie)
  • Gabriella Schiaffino I romanzi russi di Nabokov, Milano: Arcipelago, 2004 ISBN 88-7695-275-6
  • Gregor von Rezzori, Uno straniero nella terra di Lolita, introduzione di Zadie Smith, tr. ital. di Silvia Albesano, Parma: Guanda, 2009 ISBN 978-88-6088-128-1

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ La data di nascita di Nabokov, secondo il calendario giuliano è il 10 aprile. La data equivalente in quello gregoriano era il 22 aprile, ma fu cambiata nel 23 aprile nel 1900, sebbene la Russia non abbia adottato il calendario gregoriano fino al 1918. Di conseguenza la sua data di nascita può essere considerata a buon diritto il 22 aprile, come affermano certe fonti, ma è oggi generalmente accettata la data del 23 aprile. Infatti, anche in onore di Nabokov, l'UNESCO ha scelto il 23 aprile per celebrare annualmente la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore.
  2. ^ In Una bellezza russa e altri racconti ne sono stati aggiunti 3 inediti.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 27069388 LCCN: n81015312








Creative Commons License