Vladivostok Avia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vladivostok Avia
(RU) Владивосток Авиа

Vladivostok Air Airbus A330.jpg

Stato Russia Russia
Fondazione 9 agosto 1993 a Artëm
2011 (fusione con Aeroflot)
Sede principale Aeroporto di Vladivostok-Kneviči
Filiali Aeroporto di Mosca-Vnukovo

Aeroporto di Abakan
Aeroporto di Chabarovsk
Aeroporto di Ekaterinburg-Kol'covo

Settore trasporti
Prodotti trasporti aerei
Slogan Sempre a vostro servizio
Sito web www.vladivostokair.co.jp
Vladivostok Avia
Codice IATA XF
Codice ICAO VLK (codice internazionale),
ЖЛК (codice interno)
Descrizione
Hub Aeroporto di Vladivostok-Kneviči, Russia
Flotta 25+ aerei, 23+ elicotteri
Destinazioni 55+
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Vladivostok Avia o Vladivostok Air (ex-Aeroflot-Vladivostok) (in russo: Владивосток Авиа) è una compagnia aerea russa con base tecnica all'Aeroporto di Vladivostok-Kneviči (UHWW), con sede a Artem, nel Territorio del Litorale, in Russia.

Gli hub principali della compagnia aerea sono i seguenti aeroporti: nella parte europea della Russia - l'Aeroporto di Mosca-Vnukovo, nella Siberia - l'Aeroporto di Abakan, nella parte estremo-orientale della Russia - l'Aeroporto di Vladivostok e l'Aeroporto di Chabarovsk.

Storiamodifica | modifica sorgente

La Vladivostok Avia è stata fondata nel 1993 in seguito alla privatizzazione dell'Aeroflot-Vladivostok, la divisione dell'aviazione civile di Vladivostok creata nel 1932.

Nel 1999 l'aeroporto di Vladivostok-Kneviči è diventato uno scalo internazionale.

Dal 2004 la Vladivostok Avia è entrata nell'IATA.

Nel 2005 la Vladivostok Avia è diventata la prima compagnia aerea nel mondo che opera con i nuovi aerei russi a lungo raggio Tupolev Tu-204-300 che permettono di trasportare 166 passeggeri da Vladivostok alla capitale russa Mosca senza i rifornimenti del carburante

Nel 2009 gli aerei della compagnia aerea russa hanno trasportato 1.084.020 passeggeri registrando una crescita del 21,42% rispetto all'anno precedente grazie all'entrata in servizio degli aerei Airbus A330. La Vladivostok Avia ha confermato così la sua posizione nei primi 10 compagnie aeree russe[1], posizionandosi al ottavo posto nel mercato russo dei trasporti aerei ed al quinto posto nei voli domestici subito dopo la moscovita Transaero Airlines.[2]

Nel periodo gennaio - giugno 2010 gli aerei della Vladivostok Avia hanno trasportato 546.067 passeggeri registrando una crescita del 18,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. In particolare, sui voli di linea domestici la compagnia aerea russa ha mostrato la crescita del 39,5% trasportando 418.816 passeggeri.[3]

Il 25 agosto 2010 la Vladivostok Avia è stata rinnovata nel registro degli operatori IOSA (IATA Operational Safety Audit). La procedura di certificazione di sicurezza è stata effettuata per la seconda volta per la compagnia aerea dopo il certificato rilasciato nel 2008.[4]

Nel 2010 la Vladivostok Avia ha trasportato 1,261,700 passeggeri, il +16,39% in più rispetto al 2009, piazzandosi al nono posto tra le compagnie aeree russe.[5]

Nel 2011 la compagnia aerea ha trasportato 1,214 milioni di passeggeri effettuando un totale di 8948 voli nazionali ed internazionali.[6]

Nei primi 11 mesi del 2012 la compagnia aerea ha trasportato 1,080 milioni passeggeti effettuando un totale di 9647 voli nazionali ed internazionali.[7]

Strategiamodifica | modifica sorgente

Flottamodifica | modifica sorgente

Airbus A320 della Vladivostok Avia
Airbus A330 della Vladivostok Avia
Un Tupolev Tu-154M nella livrea storica della Vladivostok Avia
Un Tupolev Tu-204-300 della Vladivostok Avia
Un Yakovlev Yak-40 nella livrea storica della Vladivostok Avia
Terminal Internazionale dell'aeroporto di Vladivostok
Terminal Nazionale dell'aeroporto di Vladivostok
Aerei
  • 7 Unione europeaAirbus A320-212/214 (VP-BEQ, VP-BFX, VP-BFY, VP-BRB, VQ-BCG, VQ-BFM, VQ-BHS)
  • 6 RussiaTupolev Tu-204-300 (RA-64026, RA-64038, RA-64039, RA-64040, RA-64044, RA-64045)
  • 2 RussiaYakovlev Yak-40 (RA-87273, RA-88216 (versione VIP))
Elicotteri
  • 11 RussiaKamov Ka-32 (versioni Ka-32C, Ka-32T, Ka-32)
  • 12 RussiaMil Mi-8 (versioni Mi-8AMT, Mi-8MTV-1, Mi-8T)

Ordinazionimodifica | modifica sorgente

Flotta storicamodifica | modifica sorgente

Destinazioni passeggerimodifica | modifica sorgente

Europa
America del Nord
Asia
Medio Oriente

Frequent Flyer Programmodifica | modifica sorgente

  • Leader

Accordi commercialimodifica | modifica sorgente

Incidentimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 15-01-2010 - В 2009 году "Владивосток Авиа" перевезла более 1 млн. человек.URL consultato il 13-07-2010
  2. ^ (RU) ATO.Ru - 15-02-2010 - Top 20 Russian airlines, by passenger carried and passenger kilometers flown in 2009.URL consultato il 13-07-2010
  3. ^ (RU) AviaPort.Ru - 13-07-2010 - ИТОГИ РАБОТЫ "ВЛАДИВОСТОК АВИА" В ПЕРВОМ ПОЛУГОДИИ.URL consultato il 13-07-2010
  4. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 25-08-2010 - "Владивосток Авиа" прошла аудит IOSA.URL consultato il 25-08-2010.
  5. ^ (RU) ATO.Ru - 12-02-2011 - Рейтинг 20 ведущих авиакомпаний России по объему перевозок пассажиров за 2010 годURL consultato il 14-02-2011.
  6. ^ (RU) Pda.avia.ru - 18-01-2012 - В 2011 году авиакомпания "Владивосток Авиа" перевезла более 1,21 млн. пассажиров. URL consultato il 18-01-2012.
  7. ^ (RU) AviationEXplorer.Ru - 06-12-2012 - За 11 месяцев авиакомпания "Владивосток Авиа" перевезла 1,08 млн. пассажиров. URL consultato il 06-12-2012.
  8. ^ AEX.Ru - 19-03-2010 - "Владивосток Авиа" создает филиал в Хабаровске.
  9. ^ AviaPort.Ru - 20-08-2010 - Закупит российские.
  10. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 26-08-2009 - "Владивосток Авиа" вводит рейсы в Гонконг из Владивостока и Хабаровска.URL consultato il 13-07-2010
  11. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 17-09-2010 - Японская Ниигата осталась без авиарейсов "Владавиа".
  12. ^ (RU) AEX.Ru - 01-03-2010 - "Владивосток Авиа" запустила электронный интерлайн с авиакомпаниями Bangkok Airways и Hainan Airlines. URL consultato il 27-04-2011.
  13. ^ (RU) AviaPort.Ru - 18-08-2010 - "Владивосток Авиа" заключила интерлайн-соглашение с United Airlines. URL consultato il 27-04-2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Gallerie fotografichemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License