William Turner Walton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da William Walton)

William Turner Walton (Oldham, 29 marzo 1902Forio, 8 marzo 1983) è stato un compositore e direttore d'orchestra inglese.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Sir William Walton è nato in una famiglia di musicisti; suo padre era il direttore del coro della chiesa locale. Tramite la sua esperienza nel coro si appassionò alla Creazione di Haydn, al Messiah di Georg Friedrich Händel ed a molti degli altri lavori tipicamente allestiti nelle chiese.

Quando ebbe compiuto i dieci anni, fu accettato come corista nella Cattedrale Cristiana dell'università di Oxford, il che fu per lui una grande opportunità. Trascorse moltissime ore tra i libri di musica conservati ad Oxford, studiando interi volumi di composizioni di autori quali Gustav Holst, Igor Stravinskij, Béla Bartók, Sergej Prokof'ev, Richard Strauss, e Arnold Schoenberg e formandosi nella composizione da autodidatta.

Walton compose diversi brani in quel periodo; Hugh Allen, l'organista della chiesa, e Thomas Strong, decano della chiesa cristiana, notarono in lui un gran talento, del quale furono molto comprensivi. Nel 1918, mentre si trovava ancora ad Oxford, Walton cominciò a scrivere un Quartetto con pianoforte, il suo miglior pezzo. Nel frattempo strinse una profonda amicizia con il poeta Sacheverell Sitwell.

Walton lasciò Oxford nel 1920 senza aver ancora conseguito la laurea. Quando lasciò l'università Sacheverell Sitwell ospitò il giovane William nella sua famiglia come un fratello "adottivo". Intanto lì Walton incontrava molti importanti musicisti e completava la stesura del Quartetto, che presenterà a Salisburgo nel 1923.

In questo periodo Walton suonava in una jazz-band, ma continuava a comporre. Iniziava a crescere la sua fama di compositore significativo. La sua Portsmouth Point Overture divenne popolare negli Stati Uniti d'America, e l'Orchestra Sinfonica di Chicago la incluse nel suo repertorio già nell'autunno del 1929.

All'inizio del 1929, intanto, Walton compose un Concerto per viola e orchestra, commissionato da Lionel Tertis. Tertis inizialmente rifiutò il pezzo, che venne poi eseguito da Paul Hindemith. Esso fu subito riconosciuto come un capolavoro. Tertis eseguì di nuovo il pezzo nel 1930.

Le colonne sonoremodifica | modifica sorgente

Sempre in questo periodo compose la sua prima colonna sonora per il film Non mi sfuggirai (Escape Me Never). Nel 1935 eseguì la sua Prima Sinfonia.
Dopo altri successi, Jascha Heifetz e il British Council gli commissionarono un Concerto per violino e orchestra. Presentò il pezzo a Heifetz nel 1939, riscuotendo molto entusiasmo. Intanto in Europa imperversava la Seconda guerra mondiale, che ritardò l'esecuzione del concerto. Walton nel frattempo faceva le sue prime esperienze di direttore d'orchestra, e infatti divenne in seguito un ottimo direttore, particolarmente per la sua musica.

Nel 1941 Walton fu richiamato dal servizio militare, e fu incaricato di comporre colonne sonore per film patriottici. Scrisse anche le musiche per l' Enrico V, il primo dei tre film ispirati dal lavoro di William Shakespeare diretti da Laurence Olivier, grazie al quale Walton fu anche nominato per il Premio Oscar.

Finita la guerra, compose una Sonata per violino (per Yehudi Menuhin) e due lavori per commemorare l'incoronazione della Regina Elisabetta II. Fu nominato "Sir" nel 1951.

Nel 1955, Walton compose le musiche per un altro film shakespeariano di Laurence Olivier, Riccardo III. Scrisse poi per Gregor Piatigorsky un Concerto per violoncello e orchestra, eseguito nel 1956. Walton continuava a comporre e fu ammesso nell'Ordine del Merito nel 1967. Seguirono pezzi corali ed orchestrali. Scrisse un ciclo di canzoni d'amore. Era ormai diventato un compositore di chiara fama mondiale.

Sul finire della vita, comporre per Walton divenne sempre più difficile. Provò a scrivere una terza sinfonia, ma l'abbandonò. I suoi ultimi lavori sono per lo più rimaneggiamenti di lavori precedenti, come pezzi corali liturgici.

William Turner Walton morì nella sua casa a Forio, comune dell'isola d'Ischia, l'8 marzo 1983.

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 104009466 LCCN: n81055560








Creative Commons License