Zali Steggall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zali Steggall
Dati biografici
Nazionalità Australia Australia
Altezza 175 cm
Peso 75 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale
Squadra Mt Buller Ski Club
Ritirata 2002
Palmarès
Olimpiadi 0 0 1
Mondiali 1 0 0
Campionati australiani 7 1 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Zali Steggall (Sydney, 16 aprile 1974) è un'ex sciatrice alpina australiana.

È sorella della snowboarder Zeke e moglie del canottiere David Cameron, a loro volta atleti di alto livello[1].

Biografiamodifica | modifica sorgente

Una delle prime atlete australiane a ottenere buoni risultati in Coppa del Mondo, la slalomista Zali Steggall, in attività tra il finire degli anni novanta e l'inizio del decennio successivo, in carriera è stata in grado di aggiudicarsi uno slalom speciale nel 1997 nella località di Park City negli Stati Uniti.

I migliori risultati sono giunti in occasione dei XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998, dove riuscì a vincere la medaglia di bronzo, ma soprattutto l'anno successivo, nell'edizione dei Mondiali di Vail, dove giunse all'apice dell'attività agonistica salendo sul gradino più alto del podio.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Olimpiadimodifica | modifica sorgente

  • 1 medaglia di bronzo (in slalom speciale a Nagano 1998)

Mondialimodifica | modifica sorgente

  • 1 medaglia d’oro (in slalom speciale nel 1999).

Coppa del Mondomodifica | modifica sorgente

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 32ª nel 1998
  • 2 podi (entrambi in slalom speciale):
    • 1 vittoria
    • 1 secondo posto

Coppa del Mondo - vittoriemodifica | modifica sorgente

Data Luogo Paese Disciplina
23 novembre 1997 Park City Stati Uniti Stati Uniti SL

Campionati australianimodifica | modifica sorgente

  • Campionessa australiana di slalom gigante nel 1994 e nel 1995
  • Campionessa australiana di slalom speciale nel 1994, nel 1995, nel 1997, nel 1998 e nel 1999

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Scheda Sports-reference. URL consultato il 25 ottobre 2010.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License