Zoran Đinđić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Zoran Djindjic)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Zoran Đinđić
Зоран Ђинђић
Zoran Đinđić, Davos.jpg

Primo ministro della Serbia
Durata mandato 25 gennaio 2001 –
12 marzo 2003
Predecessore Milomir Minić
Successore Nebojša Čović

Dati generali
Partito politico Partito Democratico

Zoran Đinđić (Zoran Djindjić, in serbo cirillico Зоран Ђинђић, pronuncia [ˈzɔran ˈd͜ʑind͜ʑit͜ɕ]; Bosanski Šamac, 1 agosto 1952Belgrado, 12 marzo 2003) è stato un politico e filosofo serbo che ha ricoperto le cariche di primo cittadino di Belgrado e di primo ministro della Repubblica di Serbia, ma prima di tutto era un oppositore al regime di Slobodan Milošević. Đinđić è nato a Bosanski Šamac nella Republika Srpska (Bosnia ed Erzegovina), una cittadina che confina con la Croazia sul fiume Sava. Ha completato gli studi di scuola secondaria a Belgrado dove suo padre Dragomir fu trasferito come ufficiale dell'Armata Popolare Jugoslava. Come studente dell'Università di Belgrado ha dimostrato interesse per la politica.

Il 12 marzo 2003, mentre scende dalla propria autovettura nel cortile del parlamento serbo a Belgrado, viene assassinato dal cecchino Zvezdan Jovanović appostato nel palazzo di fronte. La salma di Đinđić è sepolta al cimitero Novo Groblje (Nuovo Cimitero) di Belgrado[1].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Find a grave http://www.findagrave.com/cgi-bin/fg.cgi?page=gr&GRid=7256571

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 54985293 LCCN: n85065764








Creative Commons License