Avignone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avignone
comune
Avignon
Avignone – Stemma
Avignone – Veduta
Dati amministrativi
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Blason département fr Vaucluse.svg Vaucluse
Arrondissement Avignone
Cantone Avignone-Est
Avignone-Nord
Avignone-Ovest
Avignone-Sud
Sindaco Marie-Josée Roig (UMP) dal 25 giugno 1995
Territorio
Coordinate 43°57′N 4°49′E / 43.95°N 4.816667°E43.95; 4.816667 (Avignone)Coordinate: 43°57′N 4°49′E / 43.95°N 4.816667°E43.95; 4.816667 (Avignone)
Altitudine 122 m s.l.m.
Superficie 64,78 km²
Abitanti 91 451[1] (2009)
Densità 1 411,72 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 84000
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 84007
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Avignone
Sito istituzionale

Avignone (Avignon in francese, Avignoun in provenzale in grafia mistraliana, Avinhon in provenzale in grafia classica), è una città della Francia meridionale, la prefettura del dipartimento di Vaucluse, di cui è il capoluogo, nella regione amministrativa della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Si affaccia sulla riva sinistra del Rodano. I suoi abitanti si chiamano avignonesi (avignonnais).

Geografiamodifica | modifica sorgente

È capoluogo anche della circoscrizione omonima (arrondissement), una delle tre del dipartimento, che comprende 10 cantoni e 37 comuni.

La stessa città è suddivisa in quattro cantoni:

  • Avignon-Est, che comprende parte del territorio di Avignone e il comune di Morières-lès-Avignon.
  • Avignon-Nord, che comprende parte del territorio di Avignone e il comune di Le Pontet.
  • Avignon-Ovest, che comprende parte del territorio di Avignone.
  • Avignon-Sud, che comprende parte del territorio di Avignone.

Gli altri sei cantoni compresi nella circoscrizione sono: Bédarrides, Bollène, L'Isle-sur-la-Sorgue, i due cantoni di Orange e Valréas. La città è situata sulla riva sinistra del fiume Rodano, dove questo piega formando un gomito. Il Rocher des Doms è un colle che domina il fiume e costituisce un luogo di rifugio ideale dalle frequenti inondazioni delle rive.

Storiamodifica | modifica sorgente

La frequentazione umana nel sito della città risale al periodo paleolitico. Un villaggio neolitico della "cultura di Chassey" nacque intorno al 3000 a.C. e si sviluppò nel millennio successivo fino ad occupare una notevole estensione tra le pendici del Rocher des Domes e la riva del fiume.

Il nome della città risale a circa il VI secolo a.C., quando si trovava nei territori dei Galli Cavari (Aouenion). Del nome esistono due interpretazioni: "città del vento violento" o "signore del fiume". Altre fonti ne fanno rimontare l'origine al termine celtico mignon (palude costiera), preceduto dall'articolo. Fu anche emporio foceo, con propria monetazione (con il nome di Aoye).

Sotto i Romani con il nome di Avenio è citata sotto Augusto tra le città della Gallia e fu colonia latina sotto Claudio e ottenne la cittadinanza romana sotto Adriano.

Nell'alto Medioevo fu cittadella avanzata dei Burgundi. Nel 1129 divenne comune indipendente, con governo presieduto dal vescovo. Alleata di Tolosa fu presa dal re Luigi VIII di Francia nel 1226, all'inizio della crociata albigese, e le mura furono distrutte. Le mura ricostruite furono ancora smantellate quando nel 1251 la città entrò a far parte dei domini del duca di Angiò.

Avignone è conosciuta come antica città papale, a seguito della scelta di papa Giovanni XXII nel 1316 di farne la propria sede. In totale nove papi governarono sul seggio cittadino, dei quali due scismatici, risiedendo nel castello detto "Palazzo dei Papi" che fu progressivamente ampliato dai vari pontefici:

Dopo la partenza dei papi, la città - che continuò, con il circostante Contado Venassino, a fare parte dello Stato della Chiesa - fu governata da un legato pontificio e quindi da vice-legati. Come exclave straniera in Francia beneficiò di un notevole ruolo in campo commerciale e finanziario.

Il 20 agosto 1372 ad Avignone venne firmato il famoso trattato di pace da Giovanna I di Napoli e Federico IV di Aragona e con l'assenso di Papa Gregorio XI che pose fine al conflitto dei Vespri siciliani. Nel 1791, durante la rivoluzione francese, la città venne occupata militarmente e votò per l'annessione alla Francia, ufficializzata nel 1797 dal Trattato di Tolentino.

Nel XIX secolo divenne capoluogo di un dipartimento a vocazione prevalentemente agricola. Alla fine dello stesso secolo si ebbe una rinascita culturale provenzale che culminò con l'assegnazione a Frédéric Mistral del Premio Nobel per la letteratura nel 1904.

La vocazione turistica si sviluppò soprattutto dopo la creazione del festival teatrale nel 1948.

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Il ponte di Avignone visto dall'isola della Barthelasse

L'attuale sindaco di Avignone è Marie-Josée Roig (UMP) dal 1995pisdamati crucea mati datan pula a me curva proasta

Avignone è capoluogo del dipartimento di Vaucluse, della circoscrizione (arrondissement) di Avignone e di quattro cantoni:

  • il cantone di Avignone-Est (Avignon-Est) è costituito da una parte di Avignone (comprendente Montfavet) e il comune di Morières-lès-Avignon (32.228 abitanti)
  • il cantone di Avignone-Nord (Avignon-Nord) è costituito da una parte di Avignone e dal comune di Pontet (33.028 abitanti);
  • il cantone di Avignone-Ovest (Avignon-Ouest) è costituito da una parte di Avignone (23.118 abitanti)
  • il cantone di Avignone-Sud (Avignon-Sud) è costituito da una parte di Avignone (19.690 abitanti).

Inoltre Avignone è la sede della Comunità di agglomerazione della Grande Avignone (Communauté d'agglomération du Grand Avignon), creata nel 2001 in sostituzione di una comunità di comuni che esisteva dal 1995. La comunità comprende dodici comuni (nel dipartimento di Vaucluse, nella regione di Provenza-Alpi-Costa Azzurra, oltre ad Avignone, i comuni di Caumont-sur-Durance, Jonquerettes, Morières-lès-Avignon, Le Pontet, Saint-Saturnin-lès-Avignon, Vedène e Velleron; nel dipartimento del Gard, nella regione amministrativa di Linguadoca-Rossiglione, i comuni di Les Angles, Rochefort-du-Gard, Saze e Villeneuve-lès-Avignon).

Persone legate ad Avignonemodifica | modifica sorgente

Iscrizione a memoria dei lavori fatti eseguire da papa Paolo V

Monumenti e luoghi d'interessemodifica | modifica sorgente

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico di Avignone
(EN) Historic Centre of Avignon: Papal Palace, Episcopal Ensemble and Avignon Bridge
AvignonePalazzoPapi.JPG
Tipo Culturali
Criterio (i) (ii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1995
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La città è circondata dalle mura difensive e le sue case antiche hanno grande fascino.

Il Palazzo dei Papi e il ponte di Avignone (pont Saint-Bénezet), uno dei simboli della città, fanno parte dei Patrimoni mondiali dell'umanità dell'UNESCO.

Palazzo dei papi

Il Palazzo dei Papimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Palazzo dei Papi.

Il Palazzo dei Papi fu contemporaneamente residenza papale, luogo di culto, fortezza e sede amministrativa.

Clemente V al suo arrivo ad Avignone si era insediato nel vasto Convento dei predicatori, sulle rive del fiume, mentre il suo successore Giovanni XXII, che era stato vescovo della città, si trasferì nel suo vecchio palazzo episcopale, che fece ingrandire e ridecorare, aggiungendovi sul lato sud una sala di udienza. Trasformò inoltre l'antica chiesa di Santo Stefano, sul fianco sinistro della cattedrale, in cappella pontificale.
A partire dal 1334 Benedetto XII intraprese grandi lavori nel palazzo, incaricandone Pierre Poisson. Inizialmente fu costruita una grande torre a sud del vecchio palazzo episcopale e una nuova grande cappella pontificale su due livelli sovrapposti. Successivamente verso nord vennero costruite le ali degli appartamenti privati e la torre dello Studio. Contemporaneamente venivano progressivamente distrutte le altre ali del palazzo più antico, sostituite da nuovi corpi di fabbrica, articolati ciascuno intorno ad un cortile: ad est gli ambienti ufficiali della corte, a ovest gli alloggi dei familiari, a sud i vasti appartamenti per gli ospiti. I lati sud e est furono fortificati da un possente bastione.

Clemente VI ingrandì ancora il palazzo: fu costruita la torre del Guardaroba che si addossava alla precedente torre del Papa e fu affidato l'incarico di costruire nuovi corpi di fabbrica verso sud e ovest a Jean de Louvres, originario della regione parigina, che realizzò a partire dal 1345 l'ala meridionale, con la Grande Audience e la Grande Chapelle, e l'ala ovest per alloggiare i principali dignitari della corte.
A quest'epoca risale la maggior parte delle decorazioni del palazzo: il pittore Matteo Giovannetti e la sua bottega crearono i cicli di affreschi sui temi della grandezza della Chiesa e sui legami tra Roma e Avignone. Negli appartamenti privati del papa altri pittori non identificati realizzarono una decorazione naturalistica inedita, che rappresentava una foresta con le attività di caccia e pesca.

Sotto Innocenzo VI furono costruite le torri di san Lorenzo e della Grazia e sotto Urbano V creò la galerie Roma nel giardino superiore.

La piazza antistante il Palazzo dei papi

Il ponte di Avignonemodifica | modifica sorgente

Il ponte di Saint-Bénezet, secondo la leggenda, fu edificato da un giovane pastore di nome Bénezet per ordine divino. Dapprima il progetto non venne nemmeno considerato dal re cui il pastore aveva chiesto di poterlo costruire, ma infine il re propose di accettare la richiesta di Bénezet a patto che egli riuscisse a spostare un gigantesco masso. L'impresa ebbe buon frutto e il ponte fu edificato. Completato nel 1185 e più volte ricostruito, ne restano oggi solo quattro arcate e una cappella per via di varie inondazioni. Dal ponte di Avignone prende il nome la tradizionale canzone per bambini Sur le pont d'Avignon.

Il ponte di Saint-Bénezet

Luoghi di culto ed ecclesiasticimodifica | modifica sorgente

La cattedrale di Notre-Dame des Doms (XII secolo) è l'unico edificio romanico interamente conservato della città. Vi si custodisce fra l'altro un organo, dalla notevole cassa dorata, costruito nel 1820 dall'organaro italiano Lodovico Piantanida.

L'abbazia di Saint-Ruf fu fondata fuori le mura in epoca carolingia su un edificio di culto più antico e fu ricostruita nel 1139 dai canonici della cattedrale. Restano le rovine della chiesa romanica, della seconda metà del XII secolo.

La chiesa di Saint-Didier, interamente ricostruita tra il 1356 e il 1359 in stile gotico provenzale e a navata unica, conserva affreschi dell'epoca.

Nel periodo papale furono edificati anche altri palazzi di grandi dignitari ecclesiastici nella città, tra i quali si distingue il palazzo Ceccano, edificato intorno al 1340 dal cardinale Annibaldo da Ceccano, paese oggi in provincia di Frosinone, che oggi ospita la biblioteca municipale.

Il Petit Palais fu costruito come residenza cardinalizia e divenne quindi sede arcivescovile. Deve il suo aspetto attuale alla ricostruzione del 1481-1495, voluta dall'arcivescovo-legato Giuliano della Rovere, futuro papa Giulio II. Ospita oggi un museo di arte medioevale (Musée du Petit Palais). Tra le opere conservate il monumento funebre al cardinale La Grange.

Al primo quarto del XVI secolo risale la facciata della chiesa di Saint'Pierre, in stile gotico flamboyant. Le porte in legno scolpito sono del 1551.

Esempi di architettura contemporanea sono la chiesa di Saint-Joseph travailleur edificata nel 1969 dall'architetto Guillaume Gillet

Palazzi e muramodifica | modifica sorgente

La città ebbe inoltre una nuova cinta fortificata a partire dal 1356, tuttora conservata con restauri di Eugène Viollet-le-Duc nel XIX secolo per la parte meridionale.

Il palazzo dei Monnaies è un notevole esempio di architettura barocca, edificato nel 1619. Ospita oggi il conservatorio di musica.

Il palazzo di Villeneuve-Martignan, costruito tra il 1741 e il 1753 dall'architetto Jean-Baptiste Franque, ospita attualmente il Museo Calvet (Musée Calvet), con collezioni di pitture e sculture dal XV al XX secolo.

Il piccolo centro di Montfavet, compreso nel comune di Avignone, è conosciuto grazie al suo ospedale psichiatrico, situato sul Mont de Vergues, che ha ospitato per trent'anni la scultrice francese Camille Claudel (1864-1943).

Un altro esempio di architettura moderna è rappresentato dalla nuova stazione ferroviaria, dell'architetto Jean-Marie Dutilleul con i due ponti ferroviari sul Rodano.

La Scuola di Avignonemodifica | modifica sorgente

Si definisce con questa denominazione la pittura francese compresa tra gli inizi del XIV secolo e la fine del XV secolo, anche se alcuni critici la suddividono in due periodi distinti: il primo appartenente al Trecento e caratterizzato dalla presenza di artisti italiani; il secondo, relativo al secolo seguente, segnato dalle influenze prima dei Fiamminghi e poi nuovamente degli italiani.[2] Gli artisti stranieri furono attratti dalla prosperità economica della Provenza e dalle iniziative della corte pontificia.

Il primo periodo iniziò con le decorazioni del Palazzo Papale volute da papa Giovanni XXII, sotto la guida di Pietro Massonier. I maggiori artefici dei lavori artistici furono Simone Martini e Matteo Giovannetti, il primo dal 1340 al 1344 si distinse per gli affreschi nella chiesa di Notre-Dame-des-Doms, mentre il secondo, nel periodo che va dal 1344 al 1367 si mise in evidenza per gli eleganti affreschi nel Palazzo Papale, dalla Sala delle Udienze alla Camera del Guardaroba, ma anche per le opere alle cappelle di San Marziale e di San Giovanni.

La figura più importante del secondo periodo fu Enguerrand Quarton (o Charonton), che si impose con pregevoli opere quali la Pietà d'Avignone (1457), frutto di un connubio fra la scuola toscana e la sua cultura pittorica di origine.

Festival di Avignonemodifica | modifica sorgente

Ogni anno in luglio, la città accoglie il Festival di Avignone, durante il quale numerosi attori di teatro, ballerini e cantanti vengono a tenere spettacoli.

Il festival fu iniziato da Jean Vilar nel 1948 e costituisce oggi una delle più importanti manifestazioni teatrali della Francia. In origine si svolgeva nella prestigiosa Corte d'Onore del Palazzo dei Papi, ma presto gli spettacoli sono stati rappresentati anche in altri luoghi, per lo più all'interno del centro storico di Avignone, ma anche lontani quanto la Certosa di Villenuve-lez-Avignon (nel dipartimento del Gard) e le cave di Boulbon (nel dipartimento delle Bocche del Rodano).

A partire dalla fine degli anni sessanta si sono aggiunti al festival ufficiale (Festival In) decine e quindi centinaia di altre rappresentazioni e spettacoli (Festival Off).

Il festival si svolge nelle ultime tre settimane di luglio e durante questo periodo la città viene totalmente trasformata e ogni luogo che possa ospitare almeno una trentina di persone viene utilizzato per qualche rappresentazione.

Centro Internazionale dei Convegnimodifica | modifica sorgente

Il Centro Internazionale dei Convegni della città di Avignone è stato creato nel 1976, all'interno del monumentale Palazzo dei Papi, ed attualmente vi si svolgono numerose manifestazioni.[3]

Gemellaggimodifica | modifica sorgente

Avignone è gemellata con:

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol. I, pag.477-479
  3. ^ www.palais-des-papes.com

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License