Filosofia della biologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La filosofia della biologia può essere considerata una sotto-branca della filosofia della scienza che si occupa di tematiche relative alle scienze biologiche e bio-mediche. Sebbene generalmente i filosofi siano stati storicamente interessati alla biologia (ad esempio Aristotele, Cartesio e persino Kant), la filosofia della biologia è emersa come disciplina autonoma solo tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni Settanta.

Alcune domande alle quali i filosofi della biologia tentano di rispondere sono:

  • "Cos'è un organismo vivente? Cos'è la vita?"
  • "Cos'è una specie biologica?"
  • "Com'è possibile la razionalità, date le nostre origini biologiche?"
  • "Come coordinano gli organismi i loro comportamenti comuni?"
  • "Cos'è la selezione naturale e come opera in natura?"
  • "Da dove derivano la logica e il linguaggio?"
  • "Qual è la base biologica della coscienza? Che rapporti ci sono tra mente e cervello?"
  • "Quali sono le basi biologiche di etica ed estetica?"

Riduzionismo, olismo, e vitalismomodifica | modifica sorgente

Due approcci differenti alla biologia: filosofia "analitica" e "continentale"modifica | modifica sorgente

Filosofi della biologiamodifica | modifica sorgente

Biologi con un interesse per gli aspetti filosofici della biologiamodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License