Gneo Nevio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Nevio" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Nevio (disambigua).

Gneo Nevio (latino: "Gnaeus Naevius" od anche, e più precisamente, "Cnaeus Naevius"; Capua o Atella[1][2], 275 a.C. circa – Utica, 201 a.C.) fu un poeta e drammaturgo romano, fondatore dell'epos nazionale latino.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nacque tra il 275 e il 270 in Campania[3], probabilmente a Capua[4], che dalla fine delle guerre sannitiche godeva della cittadinanza romana senza diritto di voto (civitas sine suffragio). Altre fonti individuano la sua nascita nell'antica città di Atella, in particolare nell'area che attualmente è la zona di Nevano (da cui appunto prende il nome) del comune di Grumo Nevano[5]. Proveniva dunque da una terra di cultura greca e latina assieme; era di stirpe italica (osca) e libero, a differenza del contemporaneo Livio Andronico, schiavo di origine greca. Militò nelle file dell'esercito romano durante la prima guerra punica (264-241)[6]. e fu allora che ebbe occasione di approfondire la conoscenza della cultura siceliota (ma anche magnogreca e greca in generale) militando nel presidio romano di stanza ad Agrigento nel 254 a.C.È probabile che tornando dalla Sicilia portasse con sé copioni greci.[7].

Terminata la guerra, Nevio visse a Roma lavorando come poeta: fece rappresentare la sua prima opera drammatica nel 235 a.C. Le scarse notizie conservate sulla sua vita e l'esiguo numero di frammenti delle sue opere giunte fino ad oggi non permettono di ricostruirne dettagliatamente la vita e le opinioni politiche; si configura tuttavia come un poeta indipendente, che, tramite le sue opere, seppe manifestare pubblicamente la sua opposizione alla classe dominante[4]. È infatti rimasto noto il suo scambio di invettive (altercatio) con la potente famiglia dei Metelli: alla notizia dell'elezione al consolato scrisse Fato Metelli Romae fiunt consules, ovvero Per la rovina di Roma, i Metelli sono fatti consoli, oppure Per volere del destino i Metelli sono fatti consoli a Roma (e dunque senza alcun merito personale). Nevio è stato molto attento a non rendere chiaro l'insulto verso i Metelli, sfruttando il termine Fato, che significa sia sorte sia sfortuna, e il termine "Romae" può essere inteso come locativo o come genitivo. Si conosce anche la risposta data dai Metelli[8]: Malum dabunt Metelli Naevio poetae, La mala sorte daranno i Metelli al poeta Nevio, ma anche "I Metelli daranno una mela al poeta Nevio", giacché "malum" può essere inteso come "malum", mela, o come "malum", male, cattiva sorte.

In ottemperanza alla legge delle XII tavole che puniva i mala carmina, nel 206 a.C.[4] Nevio fu imprigionato in Roma, dove, dal carcere, scrisse due commedie con le quali faceva ammenda delle offese recate[9]; fu dunque liberato grazie all'intervento dei tribuni della plebe, e la sua pena fu commutata in una condanna all'esilio: Nevio morì in Africa durante la seconda guerra punica attorno al 201 a.C.[4].

Opere letterariemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della letteratura latina (240 - 78 a.C.).

Tragediemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Clastidium (Nevio), Romulus (Nevio) e Lycurgus.

L'innovazione che Nevio portò nella letteratura latina fu l'introduzione della fabula praetexta, tragedia ambientata a Roma (anziché in Grecia). Ne conosciamo due titoli: Romulus (o Lupus) e Clastidium. In Romulus si parla della vicenda di Romolo e Remo; Clastidium narra della battaglia di Clastidium del 222 a.C. vinta da Marcello contro i Galli, vittoria che permise ai romani di conquistare la Gallia Cisalpina.[10]

Nevio scrisse anche sei tragedie non praetextae due delle quali (Danae e Equos Troianus, con la messa in scena di quest'ultima venne inaugurato il teatro di Pompeo a Roma nel 55a.C.) ripetono titoli di Livio Andronico. La tragedia meglio conosciuta è il Lycurgus di cui ci restano 24 frammenti. Nel Lycurgus la storia ruota attorno al re di Tracia Licurgo (da non confondere con il mitico legislatore spartano) che cacciò dalla sua terra il Dio Bacco e le Baccanti, provocando l'ira funesta del dio del vino che si vendicò uccidendo il re e incendiando la sua reggia. Il tema era attuale a Roma: il culto di Dioniso (Bacco per i Romani) che era stato introdotto a Roma, negli ultimi decenni del III secolo a.C. aveva assunto connotati da rito propiziatorio e orgiastico, vietati da una sentenza del senato romano (senatus consultum de Bacchanalibus).

Commediemodifica | modifica sorgente

Per quanto riguarda la produzione comica, quella di Nevio lo rende il più importante predecessore di Plauto in questo campo; dai frammenti a noi giunti si nota una colorita inventiva verbale che sembra preparare il campo a quella di Plauto.[11]

A differenza degli altri autori comici del II secolo a.C., la commedia di Nevio trattava temi più "seri" e "impegnativi", come la politica: le sue opere attaccavano personaggi politici (in particolare la potente famiglia dei Metelli[12]).[13] Questo fenomeno, anticonformista a Roma, ricorda la commedia greca del periodo di Aristofane, ed avrà però vita breve: Nevio avrebbe pagato per i suoi attacchi con il carcere ed il teatro comico latino fu emarginato dalla vita politica della città.[14]

Delle commedie di Nevio si conoscono 28 titoli più un'ottantina di frammenti per un totale di 125 versi, di cui non pochi incompleti.[11] Tra le varie opere, di cui ci sono giunti i titoli sia greci che latini, si distingue la Tarentilla, di cui si ha un frammento molto vivace in cui Nevio descrive la civetteria di una ragazza; altre opere sono "Colax" (GRC) ("L'adulatore"), "Guminàsticus" (GRC) (= "Gymnasticus" (LA) , "Il maestro di ginnastica"), "Dolus" (LA) ("L'inganno") e "Corollaria" (LA) ("La commedia delle ghirlande").[11]

Poema epicomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bellum Poenicum.

Il Bellum Poenicum è un poema epico che narra della prima guerra punica (264-241 a.C.), scritto in tarda età e considerata la sua opera più importante già in età romana. Dai frammenti rimasti si evince come già Nevio cantasse il viaggio di Enea da Troia all'Italia, narrando anche dell'incontro a Cartagine con Didone. Il poema è scritto in versi saturni, come già l'Odusìa di Livio Andronico. Il poema fu diviso in sette libri dall'erudito del II secolo a.C. Gaio Ottavio Lampadione. Riguardo allo stile Nevio tende alla concisione con mezzi espressivi semplici ma efficaci.

Pare che il nome originale dell'opera fosse Carmen belli Poenici con riferimento ai carmina in cui si cantavano e si tramandavano oralmente le gesta degli eroi. Rifacendosi ai poemi ellenistici inserisce lunghe digressioni mitiche per spiegare le cause (in greco aitia) dei vari avvenimenti storici. scritto in 6000 versi saturni, dei quali ne restano appena una sessantina, è considerato il modello del poema epico latino.

Curiositàmodifica | modifica sorgente

  • Nell'odierna città di Santa Maria Capua Vetere, allora Capua, nel 1985 l'antico Liceo Ginnasio (inaugurato nel 1865) è stato intitolato a Gneo Nevio per ricordare la sua terra d'origine.
  • La zona di Nevano del comune di Grumo Nevano, che secondo alcuni corrisponderebbe a quella parte di Atella che ha dato i natali all'antico letterato, deriva da praedium naevianum, vale a dire proprietà della gens Naevia, traendo il suo nome da Gneo Nevio.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Emilio Rasulo, Storia di Grumo Nevano e dei suoi uomini illustri, Napoli 1928.
  2. ^ Origine incerta, riportati i dati ritenuti più probabili.
  3. ^ Aulo Gellio, Notti attiche, I, 24.
  4. ^ a b c d Pontiggia, Grandi, op. cit., pag.63
  5. ^ Emilio Rasulo, Storia di Grumo Nevano e dei suoi uomini illustri, Napoli 1928.
  6. ^ Aulo Gellio, Notti attiche, XVII, 21, 45.
  7. ^ G.Chiarini-F.Mosetti Casaretto, Introduzione al teatro latino, 66
  8. ^ Cesio Basso, in Grammatici Latini, VI, 266.
  9. ^ Aulo Gellio, Notti attiche, III, 3, 15.
  10. ^ Pontiggia, Grandi, op. cit., pag.87
  11. ^ a b c Gian Biagio Conte, op. cit., pag.33
  12. ^ Gian Biagio Conte, op. cit., pag.30
  13. ^ Gian Biagio Conte, op. cit., pag.33-34
  14. ^ Gian Biagio Conte, op. cit., pag.34

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • W. Beare, I Romani a teatro, traduzione di Mario De Nonno, Roma-Bari, Laterza [1986], gennaio 2008. ISBN 978-88-420-2712-6.
  • W. Morel, Fragmenta poetarum latinorum epicorum et lyricorum praeter Ennium et Lucilium, Leipzig, 1927.
  • G. Pontiggia, M.C. Grandi, Letteratura latina. Storia e testi, Milano, Principato, marzo 1996. ISBN 978-88-416-2188-2.
  • A. Traglia, Poeti latini arcaici, I, Livio Andronico, Nevio, Ennio, UTET, 1986.
  • Gian Biagio Conte, Nevio in Letteratura latina - Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, 13ª ed., Le Monnier [1987], 2009. ISBN 88-00-42156-3.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente


Controllo di autorità VIAF: 83032899 LCCN: n85356413








Creative Commons License