Portale:Storia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
032 Hadrian.jpg
Portale Storia
032 Hadrian.jpg
Portale:Storia - Progetto:Storia - Taberna Historiae - Categoria:Storia
Pagina Principale   Indice  
Gyzis 006 (Ηistoria).jpeg


La storia è la disciplina che si occupa dello studio del passato tramite l'uso di fonti, cioè tutto ciò che possa trasmettere del sapere. Più precisamente, la storia è la ricerca e la narrazione continua e sistematica di eventi nel passato di importanza per la specie umana, compreso lo studio degli eventi nel corso del tempo e la loro relazione con l'umanità.

Il termine storia deriva dal Greco "ιστορία" (in Latino historia), "un resoconto delle informazioni di una persona".

La parola ἱστορία (istoría) in greco antico significa "conoscenza acquisita tramite indagine, ricerca". È con questo senso che Aristotele usò il termine nel suo Περί Τά Ζωα Ιστορία (Peri Ta Zoa Istória) o, nella forma latinizzata, Historia Animalium.

Mondo Classico
Luxor, Tal der Könige (1995, 860x605).jpg

Con il nome valle dei Re si suole indicare un'area geografica dell'Egitto, situata vicino all'antica Tebe, l'odierna Luxor, il cui accesso è a meno di 3 km dalla riva occidentale del Nilo, di rilevante importanza archeologica.

Per un periodo di quasi 500 anni, a partire dalla XVIII sino alla XX dinastia, ovvero dal 1552 a.C. al 1069 a.C. venne scelta quale sede delle sepolture dei sovrani dell'antico Egitto, quelli che proprio a partire dalla XVIII dinastia prenderanno il nome da Per-Aa, ovvero la "Grande Casa", da cui il nostro termine di Faraoni.

La valle è conosciuta in arabo come Biban el-Moluk ( بيبان الملوك) ovvero la valle delle "porte dei re" (dacché Bab significa "porta" e Biban ne è il suo plurale) e nelle sue tombe - sino ad oggi ne sono state rinvenute 63 - sono esclusivamente sepolti i sovrani del paese, mentre alle consorti reali ed ai principi era destinata un'altra area alquanto prossima: la cosiddetta Valle delle Regine (Ta-Set-Neferu).

Il nome ufficiale della valle nella lingua egizia era Ta-sekhet-ma'at (il Grande Campo).

Il personaggio
Francesco Hayez 041.jpg

Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, conte di Cavour, di Isolabella e di Leri (Torino, 10 agosto 1810Torino, 6 giugno 1861) è stato uno statista italiano, primo presidente del Consiglio dei ministri del Regno d'Italia.

Aristocratico piemontese di idee liberali, in gioventù frequentò l'Accademia Militare, diventando ufficiale del Genio. In seguito abbandonò l'esercito e prese a viaggiare all'estero studiando lo sviluppo economico di paesi largamente industrializzati come la Francia e l'Inghilterra.

All'età di ventidue anni Camillo Benso venne nominato sindaco di Grinzane, dove la famiglia aveva dei possedimenti, e ricoprì tale carica per ben 17 anni. In questo lungo periodo, oltre a distinguersi come amministratore efficiente e capace, fu anche innovatore in campo agrario ed enologico: a Cavour infatti è attribuita l'invenzione del Barolo, inteso come procedimento di invecchiamento del vino Nebbiolo.

La Citazione
Herodotus Massimo Inv124478.jpg


Questa è l'esposizione delle ricerche di Erodoto di Alicarnasso, perché gli eventi umani non svaniscano con il tempo e le imprese grandi e meravigliose, compiute sia dai Greci che dai barbari, non restino senza fama.


Erodoto , ( Storie, I, 1)
In Vetrina
Giulio-cesare-enhanced 1-800x1450.jpg

Gaio Giulio Cesare (Roma, 13 luglio 100 a.C. – Roma, 15 marzo 44 a.C.) è stato un generale e dittatore romano, ed è considerato uno dei personaggi più importanti e influenti della storia.

Fu ritenuto da alcuni degli storici a lui contemporanei il primo imperatore di Roma, ed ebbe un ruolo cruciale nella transizione del sistema di governo dalla forma repubblicana a quella imperiale. Fu dictator di Roma alla fine del 49 a.C., nel 47 a.C. ed ancora nel 46 a.C. con carica decennale, dal 44 a.C. come dittatore perpetuo. Le sue conquiste militari nella Gallia Transalpina estesero il dominio della res publica fino all'Oceano Atlantico e al Reno. Portò gli eserciti romani ad invadere per la prima volta la Britannia e la Germania e a combattere in Spagna, Grecia, Egitto, Ponto e Africa.

L'angolo del Medioevo
Templ.jpg

Quello dei "Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis" (Poveri compagni di Cristo e del Tempio di Salomone), meglio noti come cavalieri templari o semplicemente Templari, fu uno dei più noti ordini religiosi cavallereschi cristiani.

L'origine di quest'ordine risale agli anni 1118-1120, successivi alla prima crociata (1096), quando la maggior parte dei cavalieri era tornata in Europa e le esigue milizie cristiane rimaste erano arroccate nei pochi centri abitati. Le strade della Terrasanta erano quindi infestate da predoni e Ugo di Payns, originario dell'omonima cittadina francese della Champagne, insieme al suo compagno d'armi Goffredo di Saint-Omer e ad alcuni altri cavalieri, fondarono il nucleo originario dei templari, dandosi il compito di assicurare l'incolumità dei numerosi pellegrini europei che visitavano Gerusalemme dopo la sua conquista. L'ordine venne ufficializzato, il 29 marzo 1139, dalla bolla Omne Datum Optimum di Innocenzo II e definitivamente dissolto tra il 1312 e il 1314.


Un occhio al presente...
WarGulf photobox.jpg

La guerra del Golfo (2 agosto 1990 – 28 febbraio 1991), detta anche prima guerra del Golfo in relazione alla cosiddetta seconda guerra del Golfo, è il conflitto che oppose l'Iraq ad una coalizione composta da 35 stati formatasi sotto l'egida dell'ONU e guidata dagli Stati Uniti, che si proponeva di restaurare la sovranità del piccolo emirato del Kuwait, dopo che questo era stato invaso dall'Iraq.

Il 2 agosto del 1990 il ra‘īs (presidente) iracheno Saddām Husayn invase il vicino Stato del Kuwait in nome di un'antica ma infondata pretesa di Baghdad di recuperare un territorio che sarebbe stato iracheno, malgrado prima della nascita dell'Iraq sia l'Iraq sia il Kuwait fossero stati parte non perfettamente distinguibili amministrativamente dei più vasti domini del Sultanato ottomano e che, comunque, l'Iraq avesse riconosciuto l'indipendenza del piccolo Emirato del golfo Persico allorché questi chiese ed ottenne di essere ammesso nella Lega araba.

Vita da storico
Leon Cogniet - Jean-Francois Champollion.jpg
« Sono tutto dell'Egitto e l'Egitto è tutto per me. »
(J.F. Champollion)

Jean François Champollion detto Champollion il Giovane (Figeac, 23 dicembre 1790Parigi, 4 marzo 1832) è stato un archeologo e egittologo francese.

Decifratore dei geroglifici con la traduzione della stele di Rosetta, è considerato il padre dell'Egittologia.

All'età di soli cinque anni riuscì ad associare la scrittura stampata alle parole apprese grazie ad una quanto mai duttile memoria, imparando così a leggere da solo. Allievo fuori del comune, studiò prima a Figeac e poi a Grenoble il latino, il greco e l'ebraico, ma anche l'arabo e l'aramaico, con l'aiuto del fratello maggiore Jean Jacques Champollion (detto Champollion Figeac, 1778-1867), che gli procurava i testi.








Creative Commons License