Rivolta di Pasqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rivolta di Pasqua
L'originale della proclamazione della Repubblica irlandese letta da Pearse davanti al GPO
L'originale della proclamazione della Repubblica irlandese letta da Pearse davanti al GPO
Data 24 - 29 aprile 1916
Luogo Dublino (schermaglie a Meath, Galway, Louth e Wexford)
Causa Volontà irlandese di ottenere l'indipendenza dalla Gran Bretagna
Esito Vittoria britannica
Resa incondizionata delle forze ribelli
Condanna a morte per numerosi leader indipendentisti
Modifiche territoriali Nessuna
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
1.250 uomini a Dublino
2.000 - 3.000 uomini nelle altre zone
16.000 uomini
1.000 poliziotti armati
Perdite
64 morti
Numerosi feriti
16 condannati a morte
132 morti
397 feriti
Tra i civili ci furono 254 morti e 2.217 feriti
Voci di rivolte presenti su Wikipedia
Questa voce è parte della serie
Storia d'Irlanda
Localizzazione dell'irlanda
Voci principali

Categoria: Storia dell'Irlanda

La Rivolta di Pasqua (in inglese Easter Rising, in gaelico Éirí Amach na Cásca) fu una ribellione avvenuta in Irlanda nella settimana di Pasqua del 1916.

La rivolta fu un tentativo dei militanti repubblicani irlandesi di ottenere l'indipendenza dal Regno Unito con la forza delle armi. Fu la più significativa ribellione in Irlanda sin dal 1798. La Rivolta, che fu per gran parte organizzata dalla Irish Republican Brotherhood, durò dal 24 al 30 aprile 1916. Membri dei Volontari irlandesi, guidati dal poeta, insegnante e avvocato Pádraig Pearse, si unirono alla più piccola Irish Citizen Army di James Connolly, occuparono punti chiave e simbolici di Dublino e proclamarono la Repubblica irlandese indipendente dalla Gran Bretagna dal General Post Office.

La Rivolta costituì anche un banco di prova per l'impiego, per la prima volta nella storia, dei carri armati, da lì a pochi mesi utilizzati anche nelle operazioni della Prima guerra mondiale. La Rivolta fu sedata in sei giorni, ed i suoi leader furono processati dalla corte marziale e giustiziati. Nonostante il suo insuccesso militare e il giudizio iniziale negativo della popolazione civile, l'episodio è oggi considerato uno dei punti saldi per la futura creazione dell'attuale Repubblica d'Irlanda.

L'origine della rivoltamodifica | modifica sorgente

A partire dall'Atto di Unione del 1800, tramite il quale Irlanda e Gran Bretagna andarono a formare il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda, l'opposizione a questa unificazione aveva preso due forme distinte: una basata sull'attività parlamentare, l'altra sulla resistenza armata. Daniel O'Connell, fondatore nel 1840 della Repeal Association, un movimento politico nato con lo scopo di ripristinare la separazione tra le due nazioni, iniziò una fervida campagna politica sia nella Camera dei Comuni che con una intensa serie di manifestazioni e comizi pubblici.

Gli indipendentisti della Giovane Irlanda erano una componente fondamentale del movimento di O'Connell, dal quale però si distaccarono a partire dal 1846 per dare vita ad un loro movimento politico indipendentista denominato Confederazione irlandese, che, guidato dai loro capi politici come William Smith O'Brien, Thomas Francis Meagher e John Blake Dillon, guidarono la Rivolta dei Giovani irlandesi del 1848. Anche gli indipendentisti del movimento dei Feniani, organizzarono una sommossa nel 1867. Nonostante entrambi i tentativi subissero delle sanguinose repressioni, i due movimenti continuarono la loro lotta agendo nella clandestinità come società segrete.

Nel 1873 una convenzione di Feniani tenutasi a Dublino adottò il nome di Fratellanza repubblicana irlandese dandosi un proprio statuto e redigendo la prima Costituzione del futuro stato autonomo irlandese. Tra i punti salienti dello statuto adottato c'era l'elezione del comitato centrale del movimento a governo della Repubblica Irlandese e l'elezione del suo Presidente in qualità di Presidente della Repubblica, fino a quando il popolo irlandese non fosse stato nelle condizioni di eleggere autonomamente il proprio governo.

Sul fronte dell'attività parlamentare, la Home Rule League e il partito dell'Irish Parliamentary Party di Charles Stewart Parnell avevano ottenuto una ampia rappresentanza all'interno del Parlamento del Regno Unito, e grazie alla strategia ostruzionistica avevano ottenuto la discussione di tre proposte di legge a favore di una maggiore autonomia e autodeterminazione del popolo irlandese. Tuttavia il partito degli Unionisti dell'Ulster guidati da Sir Edward Carson, così come i Tories e i membri della Camera dei Lord si opposero strenuamente all'approvazione di queste proposte di legge, vedendo in esse una minaccia al dominio inglese in terra irlandese.

Così, quando l'11 aprile 1912 la terza delle proposte di legge autonomiste venne approvata garantendo così la formazione di un Parlamento Irlandese con poteri autonomi con sede a Dublino, ci fu una forte reazione dei partiti conservatori britannici e degli Unionisti, i quali si organizzarono in un vero e proprio gruppo para-militare denominata Volontari Unionisti il cui scopo era di opporsi con la forza all'applicazione della legge appena emanata. Per tutta risposta alla creazione di questo movimento armato, gli indipendentisti irlandesi fondarono il 25 novembre 1913 il movimento dei Volontari Irlandesi, una organizzazione che aveva lo scopo di difendere, anche con la forza, l'attuazione della legge del 1912. Il 18 settembre 1914 la legge così controversa ottenne il placet della corona britannica, con una ampia esclusione che comprendeva la provincia dell'Ulster.

Citazionimodifica | modifica sorgente

  • Alla Rivolta di Pasqua è dedicata la poesia di William Butler Yeats Pasqua 1916 (Easter 1916) in cui sono citati alcuni dei partecipanti alla rivolta, come Connolly e Pearse.
  • Il film La figlia di Ryan si svolge in Irlanda nel periodo immediatamente successivo alla rivolta di Pasqua; all'inizio del film, il personaggio interpretato da Robert Mitchum riferisce ai suoi compaesani delle esecuzioni dei patrioti a Dublino.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Riccardo Michelucci, Storia del conflitto anglo-irlandese. Otto secoli di persecuzione inglese, Bologna, Odoya 2009, ISBN 978-88-6288-045-9

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License