Trattato di Kars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato di Kars
mappa dei territori contesi. Il territorio bordato di verde con al centro Kars viene ceduto alla Turchia
mappa dei territori contesi. Il territorio bordato di verde con al centro Kars viene ceduto alla Turchia

Data 23 ottobre 1921
Luogo Kars
Esito Trasferimento alla Turchia dei territori acquisiti dall'impero russo nel Caucaso meridionale con il Congresso di Berlino del 1878
Parti contraenti
voci di trattati presenti su Wikipedia
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il Trattato di Kars (in armeno: Կարսի պայմանագիր, in russo: Карсский договор, in turco: Kars Antlaşması) è stato un trattato di amicizia tra la Turchia e le Repubbliche Socialiste Sovietiche di Armenia, Azerbaigian, e Georgia con la partecipazione della Repubblica sovietica russa. Venne firmato a Kars il 23 ottobre del 1921 ed è stato ratificato a Erevan l'11 settembre del 1922.

Con questo trattato vengono trasferiti alla Turchia i territori acquisiti dall'impero russo nel Caucaso meridionale con il Congresso di Berlino del 1878, tranne il Governatorato del Caucaso sud-occidentale, ossia Batumi e il suo circondario, che vengono assegnate alla RSS Georgiana.

Il trattato segnò la pace ad est e consentì ai turchi di concentrare le loro forze ad ovest nella guerra d'indipendenza turca e guerra greco-turca.

Si compone di un preambolo, 20 articoli e 3 allegati. La validità del contratto non è indicata. Tuttavia, secondo alcuni rapporti ci sono protocolli aggiuntivi del trattato, che definiscono in 25 anni la validità delle disposizioni del trattato. Così l'espressione circa la protezione della regione Nakhichevan dell'Azerbaigian di cui all'articolo 5, diventa spiegabile.

A questo termine si legherebbe una dichiarazione di Molotov del 22 luglio 1945 alla conferenza di Potsdam, conferenza dei leader delle potenze alleate al termine della seconda guerra mondiale, sulle condizioni del trattato di amicizia sovietico-turco, nella quale il ministro degli esteri dell'Unione Sovietica chiede la restituzione delle regioni, annesse alla Turchia, di Kars, Artvin e Ardahan e della regolarizzazione dei problemi degli stretti del mar Nero.

Come l'esperienza dimostra, la conclusione di tali accordi di solito tende a specificare una scadenza specifica o le clausole di rescissione, che sono solitamente assenti nel testo accessibile per uso pubblico.

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License