L'Informazione Dobbiamo Crearla Noi....
Editoriale a cura di Davide Suraci


Giuseppe, su ReteScuole, afferma che se la stampa non ci mostra attenzione la battaglia contro le riforme morattiane è persa.

Personalmente credo che il nostro punto di partenza per non perdere le battaglie di questa Grande Guerra dovrebbe essere proprio quello di organizzarci come rete informativa autonoma e indipendente e non quello di mendicare attenzioni nei confronti dei media ufficiali che, come è noto, divulgano solo ciò che fa più comodo al monopolista dei media..

ReteScuole dovrebbe porsi come nucleo di aggregazione mediale di tutti i movimenti, le persone, le scuole, indipendentemente dai credo politici e/o religiosi di identificazione.

Una volontà collettiva molto forte sui temi della scuola potrebbe acquisire un discreto potere politico trasversale nel momento in cui riuscisse ad attivare delle serie proposte di riforma e a selezionare obiettivi, tempi e modi che diventino credibili al sentire collettivo su tali temi.

Il rischio più grande che corriamo è che, detronizzati la Moratti e il governo attuale (questione di giorni, si stanno dando la zappa sui metatarsi in modo del tutto indipendente), il tutto si sciolga come neve di primavera.

In conclusione, mi sembra che quella famosa teoria secondo cui il monopolio dei mezzi di comunicazione e di informazione coinciderebbe con quello del potere politico, si stia sgretolando sotto i piedi di colui che per primo ha tentato di impossessarsene.

Il premier, anche questa volta, ha tentato di venderci un prodotto scadente mediante la "vendita" Porta a Porta ma non ha fatto i suoi conti con la qualità dell'informazione che ha prodotto.

Noi, come Rete delle Scuole, possiamo fare di meglio: dobbiamo solo dimostrarlo.

Davide Suraci - scrivi@territorioscuola

Pubblicato il 17 Febbraio 2004

Scrivi la Tua



Frequenta la scuola, senzatetto!
Acquista il sapere, tu che hai freddo!
Affamato, afferra il libro: è un'arma.
Tu devi prendere il potere!

Non avere paura di chiedere, compagno!
Non lasciarti influenzare,
verifica tu stesso!

Quel che non sai tu stesso,
non lo saprai.

Controlla il conto,
sei tu che devi pagare.
Punta il dito su ogni voce,
chiedi: e questo perché?
Tu devi prendere il potere.


Bertold Brecht. Da: (Lode dell'Imparare)









tick TerritorioScuola.com

Copyleft 1999-2017 TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso

Creative Commons License
Salvo nei casi in cui sia diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.
TerritorioScuola Home Page