Attendere...caricamento in corso

TS EnGiNeS


Run Search Request

TS NaWiGaToR


ViDeO..



Courtesy TerritorioScuola - Daniel Nocera - La foglia artificiale


Courtesy TerritorioScuola - Fusione Fredda: Intervista a McKubre -- sub ita -- parte 1 e 2


Courtesy TerritorioScuola
Emilio del Giudice Storia delle reazioni nucleari nella materia condensata
(Clicca qui per vedere tutto il Convegno "Eppur si Fonde" - Milano, 20/11/2009)

Courtesy TerritorioScuola


Commenti Correnti!


I Commenti dei Navigatori di TerritorioScuola InterAzioni. Considerazioni, sfoghi, invettive contro i pionieri del collasso mondiale.
Commenti CorrentiCommenti CorrentiCommenti Correnti

NormaScuola SupeR SearcH!

Prova il Nuovo Motore di Ricerca della Normativa Scolastica e Correlata!

01:14 - 19/10/10 - Bandiera: Adesso ci vuole quella Bianca...

In attesa dei preparativi per i festeggiamenti del 150º anniversario dell'Unità d'Italia, c’è chi la vuole verde, c’è chi vede rosso dappertutto…

Di Giovanni Falcetta.

Com'è solerte Maria Stella Gelmini. E' bastato un articolo pubblicato sul giornale di famiglia – famiglia Berlusconi, s'intende – per far scattare gli ispettori.

C'erano simboli politici in una scuola pubblica. No, no – che avete capito? – non sto parlando di Adro, ma di Livorno. Questi i fatti. Ieri il Giornale ha pubblicato in prima pagina “Altro che Adro, a scuola sventola la bandiera rossa'”. E poi, nelle pagine interne, la foto del vessillo comunista su un vecchio muro.

Immediato l'intervento del ministro, che ha ordinato un'ispezione nella scuola dell'infanzia San Marco di Livorno. “Il provvedimento” – recita il comunicato del dicastero – “si è reso indispensabile per verificare la notizia per cui sarebbe presente nell'istituto una bandiera del Partito dei Comunisti Italiani. La scuola è un'istituzione pubblica che deve garantire a tutti un'educazione imparziale ed autonoma rispetto a qualsiasi orientamento politico”.

Quest'ultima parte è un capolavoro. Di comicità naturalmente. Se fosse vera la metà delle cose scritte, se la Gelmini le pensasse davvero così, il caso Adro non sarebbe mai esistito. Avrebbe mandato gli ispettori con la stessa immediatezza e la faccenda sarebbe stata risolta in un batter di ciglia.

La prima considerazione da fare è quasi banale: ci sono due pesi e due misure per la Gelmini. I simboli leghisti possono restare dove sono, i simboli di altri partiti vanno rimossi. In ogni caso il ministro ha fatto una bella gaffe.

I simboli comunisti non erano affissi sulla scuola, ma su un edificio poco distante, precisamente sul vecchio muro del teatro dove nel 1921 nacque il Partito Comunista Italiano. Il sindaco, Alessandro Cosimi, le ha risposto in modo impeccabile e tra le altre cose ha detto: “al posto degli ispettori ci mandi i soldi'”.

Una figuraccia non da poco. Ecco cosa succede a fidarsi delle notizie pubblicate dal duo Feltri-Sallusti, gli “agit prop” di Berlusconi.

Il ministro ha mostrato il suo vero volto ed ha confermato che vuole fare del ministero una succursale del Pdl. Mai nella storia della Repubblica il ministero dell'istruzione era sceso così in basso. Del resto nessun presidente del Consiglio si sarebbe mai sognato di nominare un ministro come la Gelmini. Un altro effetto perverso del berlusconismo.

Lascia un Commento

 

 

 

Puoi usare questi tags HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>